Cerca nel quotidiano:


Anva e Fiva: “Sosteniamo gli ambulanti”

Tante imprese sono state costrette a chiudere perché non sono neanche state inserite nella lista di coloro che possono fare accesso ai ristori...

Giovedì 19 Novembre 2020 — 17:38

Tante imprese sono state costrette a chiudere perché non sono state inserite nella lista di coloro che possono fare accesso ai ristori. Noi lottiamo ogni giorno ai tavoli istituzionali nazionali e se, al momento giusto, si fosse fatta concertazione certe decisioni potevano essere riviste. Nel frattempo si perdono imprese, incassi e posti di lavoro. Per le imprese del settore ambulante non capiamo come sia possibile che a fronte della stessa situazione che abbiamo vissuto a primavera al momento del lockdown, gli operatori su area pubblica si siano ritrovati di nuovo alle prese con un dpcm ed un allegato (il n.23, ndr) che invece che ammettere alla vendita ambulante tutte le tipologie consentite anche in sede fissa, dà la possibilità di lavorare a determinate segmenti di imprese in sede fissa ed alle stesse su suolo pubblico no. A Livorno abbiamo avuto, forse unico caso su tutto il territorio regionale, un sindaco che nella volontà precisa di sostenere le imprese ha provato a dare un’interpretazione estensiva della norma, un atteggiamento di coraggio a livello locale che dovrebbe far riflettere e molto a livello nazionale e di questo gliene siamo grati. Tutto il resto sono azioni che lasciano il tempo che trovano se non vengono portate avanti a Roma e per questo lavoro i nostri rappresentanti nazionali stanno instancabilmente lavorando.

comunicato congiunto Confesercenti-Anva e Confcommercio-Fiva 

Riproduzione riservata ©