Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Asilo Nido Comunale, ma quanti mi costi! E a Pisa è tutta un’altra storia

Giovedì 18 Agosto 2016 — 09:11

Dopo l’estenuante trafila per iscrivere un figlio al nido comunale, finalmente il responso: ammesso! Proprio nella struttura tanto desiderata! Ma…La gioia però dura poco. Si deve fare i conti con la retta mensile!
Ti obbligano a fare l’ Isee altrimenti paghi la retta più alta. Bene, presentando l’Isee però ti accorgi che, con 2 stipendi “normali”, vai a pagare lo stesso la cifra massima o comunque giù di li! Perché gli scaglioni delle rette sono vicinissimi fra loro!
Praticamente si parte da un massimo di 516€, poi di seguito: 501 €, 485 €, 464 €…etc..talmente sono tanti gli scaglioni che per arrivare ad una cifra “umana” di 300 € devi avere come minimo un disoccupato in casa e te che lavori un part time!
Credo che siano così scandalose queste cifre, che danno uno schiaffo morale a chi tutti i giorni va a lavorare full time, per portare il pane a casa, quindi ha difficoltà a gestire i figli durante le ore di assenza! Praticamente queste ore di sacrificio servono per pagare l’asilo nido?
Mio malgrado mi trovo costretta a rinunciare al posto assegnato, perché ok lavoro per carità…ma quei soldi ci servono anche per vivere!
E non scordiamoci la regola base del Comune di Livorno (altrettanto scandalosa!): se un bambino non frequenta il nido comunale, non potrà accedere alle scuole materne comunali (dove le rette fortunatamente scendono notevolmente)! Mi chiedo perché?
Questa è discriminazione!
Non mi posso permettere il nido, non posso accedere l’anno dopo alla materna comunale? Quindi?  Unica via per far frequentare i figli sono le materne statali che sono poche e con pochi posti! Quindi un terno al Lotto!
Sono davvero depressa e delusa…rinunciare al nido che tanto ci piaceva perché per il Comune siamo ricchi, ma in realtà quella retta noi non riusciremo a pagarla.
Dai nostri cugini pisani la storia cambia e queste cifre neanche hanno il coraggio di chiederle!
Grazie a tutti e complimenti!
Una mamma delusa e disarmata per non sapere dove lasciare il figlio mentre sono a lavorare, non in una spa!

Condividi:

Riproduzione riservata ©