Cerca nel quotidiano:


Auto sulle strisce e sugli scivoli per disabili. La Municipale si scusa e risponde: “Impegnati per l’emergenza alluvione”

Mercoledì 20 Settembre 2017 — 18:39

Mediagallery

Mercoledì 20 settembre decido di uscire con mio fratello, vista la bella giornata. In seguito ad un ictus avvenuto il 12 Maggio 2017, mio fratello cammina con un rollator, come vedete in una foto. Detto questo usciamo ed i primi problemi avvengono subito. A parte la strada dissestata già da prima dell’alluvione, siamo costretti ad andare un po’ in strada. Rientriamo sul marciapiede appena fatto con discese e strisce e “patapam”…macchine posteggiate con tutta la calma proprio sulle strisce e davanti agli scivoli per disabili. E non è la prima volta che accade.
Detto questo chiamo la centrale della Polizia Municipale del Comune di Livorno e mi rispondono che, al momento, non possano mandare nessuno e che prendono la segnalazione. Ok, meglio di nulla…ma mi domando io, il pronto intervento a cosa serve?
Faccio finta di nulla e ringrazio. Nel nostro ritornare a casa trovo, all’inizio di via Cipriani, due agenti della Municipale in moto a fermare scooter e quant’altro. Aspetto che finiscano, mi avvicino ed espongo il problema. Mi rassicurano che sarebbero passati, anche perché via Toti è lì vicina. Allora io, prima di salire a casa, passo davanti a quella bella “Lancia Y” parcheggiata lì come se niente fosse e…nessuna multa.
Mi domando, ma mi prendete in giro? Cosa devo fare oltre che chiamarvi? E voi che posteggiate lì non vi vergognate? Ci sono dei disabili e delle strisce da rispettare
Francesco Emilio D’Oriano

Alla lettera di Francesco Emilio D’Oriano ha risposto la dottoressa Michela Pedini titolare della Posizione Organizzativa, Sezioni Territoriali Sicurezza e Mobilità della Municipale. “Ci scusiamo prima di tutto con il cittadino Francesco Emilio D’Oriano e con suo fratello. Purtroppo però la momento l’emergenza alluvione – specifica la dottoressa Pedini – non è purtroppo terminata e ci sta impegnando non poco al di là delle mansioni di sicurezza e controllo delle strade cittadine. I nostri agenti in questi giorni hanno svolto più di 2000 ore di servizio per l’sos causato dal nubifragio. Anche in quella circostanza, dopo aver inseguito uno scooterista senza documenti che stava sfuggendo al controllo, siamo dovuti rientrare per alcuni documenti urgenti da consegnare per questioni legate alle urgenze derivate proprio dall’alluvione. Chiediamo a tutti di avere pazienza se i servizi ancora non sono al 100% ma la situazione, è ben visibile a tutti, non è ancora tornata alla normalità e i nostri agenti sono impegnati su molteplici fronti”.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # nomulte

    Scusa puerile perchè i documenti non potevano essere così urgenti se gli agenti avevano rassicurato che ci passavano e per fare una multa non ci vuole certo un’ora !