Cerca nel quotidiano:


Balneari e esercizi, Confcommercio incontra il prefetto

L'incontro è servito per sottolineare l'assunzione di responsibilità delle imprese duramente provate dal lock-down e legittimamente preoccupate per una riapertura che stenta a ripartire

Mercoledì 10 Giugno 2020 — 18:50

Mediagallery

Una delegazione di Confcommercio guidata dalla presidente e dal direttore provinciale Francesca Marcucci (foto) e Federico Pieragnoli ha incontrato il prefetto Tomao per sottolineare l’assunzione di responsibilità delle imprese nonostante le enormi difficoltà delle aziende, duramente provate dal lock-down e legittimamente preoccupate per una riapertura che stenta a ripartire. Con la presidente e il direttore erano presenti il vice presidente provinciale dei balneari SIB Confcommercio Sergio Signorini, il presidente dei balneari livornesi Gianfranco Giachetti e il presidente dei ristoratori Confcommercio Giovanni Neri, che ha incontrato anche l’assessore Garufo sullo stesso tema. La presidente Marcucci riferisce di aver “trovato come al solito grande attenzione e ascolto dal prefetto, a cui abbiamo parlato del grande impegno delle imprese per assicurare igiene e sicurezza.  La limitazione delle opportunità di contagio è interesse di tutti, tanto più delle attività economiche. Già con il lock-down e con questa snervante lentezza della ripartenza, il 30 per cento delle imprese rischia seriamente la definitiva chiusura. La sola ipotesi di un riacutirsi dell’epidemia e di un conseguente nuovo lock-down a settembre è semplicemente inconcepibile”. Giovanni Neri aggiunge: “Stiamo uscendo con grande fatica da un periodo drammatico e i ristoratori , sempre attenti per professione alla salute di ospiti e dipendenti, hanno approntato addirittura misure aggiuntive a quelle prescritte dalla normativa in vigore. Non vogliamo sorprese”. Signorini ha ribadito al prefetto “la massima disponibilità e collaborazione con tutte le forze dell’ordine di SIB e Confcommercio, in un periodo di riorganizzazione degli accessi al mare e alle strutture, che presenterà sicuramente inconvenienti per tutti ma in cui l’aspetto sanitario deve stare al primo posto nelle nostre preoccupazioni”. Il direttore Federico Pieragnoli ricorda che la sede Confcommercio risponde ai chiarimenti sulla normativa e sulle linee guida per le attività economiche all’indirizzo [email protected]

Riproduzione riservata ©