Cerca nel quotidiano:


In bici sul marciapiede perché il fondo stradale è pericoloso

venerdì 03 giugno 2016 12:20

Mediagallery

Vado con una certa frequenza in centro a Livorno, con la bici, nonostante l’età. Non conosco il tratto barriera Roma – P.zza A.Moro, perché percorro la ciclabile esistente. Nel tratto in direzione p.zza A.Moro-semaforo palazzi rossi, cioè nel senso sud -nord, sono costretto a percorrere i marciapiedi, perché il fondo stradale è pericoloso. Si prega di sollecitare l’intervento del comune per ovviare quanto prima al disagio.

Grazie, sinceri saluti

Sergio A.

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # leonardo

    PER PRIMA COSA PERCORRI REGOLARMENTE LA STRADA , PERCHE IL MARCIAPIEDI è PER I PEDONI. se mi butti sotto e non sei assicurato fatti tuoi

  2. # Nino

    che commento insensato!!

  3. # cri

    sappiamo tutti che con la bici si procede per le strade o sulle piste apposite, ma in mancanza di queste e date le condizioni delle nostre strade(anche se alcuni marciapiedi non sono messi meglio!), se per evitare incidenti ( dovuti ad automobilisti indisciplinati) e cadute, un ciclista con le dovute cautele usa il marciapiede non trovo che sia una negligenza tanto grave.
    Vogliamo parlare di automobilisti che parlano al telefono, che non usano le frecce per spostarsi o per indicare dove vanno, o spesso hanno la freccia a dx e girano a sx? comunque non ho mai sentito o letto sui giornali di un ciclista che investe un pedone …… casomai i pedoni che non guardano quando si spostano e la bici non fa rumore (non ha motore!!!) perciò te li ritrovi addosso….. bisogna stare più attenti la strada è di tutti!!!!

    1. # cricri

      Giusto : la strada è di tutti ! Quelli che la devono percorrere secondo il codice stradale italiano . Tra questi non risulta esserci le biciclette ! Chieda una modifica ai suoi parlamentari !

      1. # cri

        cosa vuol dire, che andare in bicicletta è illegale? oppure se non c’è una ciclabile si aziona il razzo e si vola??? !!!! La strada è di tutti nel senso, pedoni, ciclisti e automobilisti nel rispetto di regole (codice stradale), ma anche di senso civico e perchè no, tolleranza. Guarda che sono un’automobilista, ma devo usare la bici per lavoro, visto che non posso parcheggiare o rischio la multa tutti i giorni, non è che chi usa la bici lo fa solo per passatempo o sport!!!
        Le strade di città non sono autostrade o superstrade, infatti su queste la bici non può circolare!!!

  4. # BRUNO

    Se sei stato gia’ “arrotato” una volta, difficilmente ritornerai in strada con tutti gli incidenti che accadono ogni giorno qui in citta’. Il lettore secondo me ha ragione, poi non facciamo di tutta l’erba un fascio, se va sui marciapiedi ci anndra’ con educazione e molto lentamente…non confondiamo questo tipo di persone con i ragazzini che ti sfrecciano ad alta velocita sulle zone pedonabili (Terrazza, portici e luoghi proibiti alle bici). Poi alla fin fine diciamocela tutta: Meglio un’eventuale multa che non ritornare mai piu’ dalla propria famiglia.

  5. # floyd

    Mi auguro che con “percorrere” lo scrivente intenda il portare la bici a mano, camminando insomma. Sui marciapiedi si usano i piedi, come la parola stessa indica. Noto purtroppo che da tempo si pedala sui marciapiedi, in questo modo si sfiora sempre l’incidente (non mi riferisco naturalmente a chi ha scritto l’articolo, che è relativo a un caso particolare). In ogni caso se si ha paura della strada e delle auto si vada direttamente a piedi.

    1. # Marco

      Io in bici non ci vo ma quando me ne passa una accanto sul marciapiede mi sposto mezzo passo e la lascio passare senza alcun problema. Mi fa ridere che per ogni cosa vi caschi il mondo addosso. Vi da noia anche l’aria che respirate, mettereste alla gogna anche vostra madre. Siamo una società di piccolini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive