Cerca nel quotidiano:


Buongiorno Livorno: Orti urbani di via Goito? Salviamo il salvabile

venerdì 10 giugno 2016 11:56

Mediagallery

Nella mattinata del 9 giugno si è svolta la commissione urbanistica che ha affrontato la questione degli orti urbani, con gli interventi della Cooperativa Clc, del collettivo orti e del comitato residenti e con un’ampia partecipazione dei cittadini.

L’interpellanza di Buongiorno Livorno, presentata nel marzo 2016, poneva la questione delle possibili alternative all’edificazione nell’area di via Goito, dopo che la giunta aveva dato un primo parere positivo agli uffici, sul progetto, presentato dalla proprietà, che prevedeva la realizzazione di appartamenti e del parco urbano.

Le alternative alla realizzazione di nuovi edifici residenziali avrebbero potuto prevedere, poiché la normativa lo consentirebbe, lo spostamento di indici su altre aree o il riuso di edifici inutilizzati presenti nel piano delle alienazioni, in modo da non cementificare e consumare suolo libero.

L’amministrazione ha confermato la destinazione dell’area e ha espresso l’impossibilità di trovare soluzioni alternative per recuperare la nuova edificazione su aree diverse. La sollecitazione da parte del sindaco al fine di trovare possibili alternative, per la proprietà, non è percorribile per motivazioni di tipo legale.
Si tratta di risposte che ovviamente non vanno nella direzione auspicabile e di cui prendiamo atto.

In quell’80% di potenziale proprietà pubblica l’amministrazione si è detta disponibile ad aprire un confronto per un progetto condiviso che tenga conto di tutte le istanze, riconoscendo il valore dell’esperienza degli orti urbani.

Ciò che preoccupa Buongiorno Livorno e che non è secondario, è la denuncia che gli uffici comunali hanno mosso alla proprietà riguardo alcune opere abusive presenti nell’area.
È fondamentale per Buongiorno Livorno che l’80% resti pubblico fin da subito senza recinzione di tutta l’area, in modo da mantenerla il più possibile nella sua integrità.

Il 15 giugno in commissione sarà illustrato il progetto di Oasi Urbana per l’area di via Goito a cura di un gruppo di cittadini e associazioni naturalistiche.
È chiaro che la vicenda dimostra quanto sia difficile in questa città cambiare l’ordine prestabilito, incidere sulle politiche urbanistiche entro un quadro in cui i gruppi di potere tutelano i propri interessi e l’assenza di alternative possibili costituisce l’affermazione di tale potere e impedisce veri e propri cambi sociali ed economici nell’ottica di giustizia e di sostenibilità.

Direttivo #BuongiornoLivorno

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # abitante

    piuttosto tagliate quei rami di rovo su via dell’ambrogiana tutti ad altezza di viso . e poi pensate a demolire quelle baracche anche esse abusive e a pagare l’acqua che usate

    1. # vecchioabitante

      Veramente oltre alle piccole baracche di legno per le quali è già stato fatto un rilievo dai Vigili e non si sa chi le ha costruite la prossima volta i Vigili potrebbero anche controllare tutte quelle verande abusive, quei condizionatori e quelle antenne dei condomini intorno ! Sempre che Lei sia interessato a tutti gli abusi e non solo ai rami di rovo !

  2. # Diego Martelli

    INVECE DI INCORAGGIARE I CITTADINI CHE HANNO LA POSSIBILITA’ DI COLTIVARSI UN’ORTICELLO E MANGIARE QUEL CHE PRODUCE LA TERRA SENZA PORCHERIE CHIMICHE ANDATE A GUARDARE LE BARACCHE , NON E’ CHE SARETE UN POININO INVIDIOSI? RENDIAMOCI CONTO CHE NON TUTTI HANNO LA POSSIBILITA’ DI COMPERARSI UN PICCOLO ORTO GRAZIE ALLA SPECULAZIONE EDILIZIA, ORA LA VENDONO A PESO D’ORO ED NESSUNO INTERVIENE PER PORRE FINE A QUESTI SPECULATORI APPROFITTATORI!!

  3. # vecce

    E diventato un troiaio…….anche questa’anni zanzare a go go, grazie ai bussoli dell’acqua con cui annaffiano l’orto!!!! Disinfestateli!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive