Cerca nel quotidiano:


Cambiate il percorso delle ambulanze, non dormiamo

Con il nuovo piano del traffico (ma non è questo il problema) è cambiato anche il percorso delle ambulanze che escono dalla Misericordia di via Verdi (continua)

sabato 04 giugno 2016 12:38

Con il nuovo piano del traffico (ma non è questo il problema) è cambiato anche il percorso delle ambulanze che escono dalla Misericordia di via Verdi. A parte che continuare a far partire ambulanze dal centro città mi sembra una cosa assurda, vorrei far presente quanto segue: uscita automezzi da Largo Donegani ed ingresso in via Adua (lunghezza 30/40 metri?) poi a destra in via Indipendenza con contemporanea accensione delle sirene. Ma sapete cosa vuol dire quella sirena in mezzo alle case che fanno da “cassa armonica”in una via abbastanza stretta con veicoli parcheggiati su entrambe le corsie? E quante e quante volte questo avviene nelle ventiquattr’ore? Tutti i giorni. E così viene percorso tutto il tratto fino in Piazza Cavour dove l’ambulanza comunque deve quasi fermarsi, sempre a sirene accese, per imboccare il passaggio che immette nella piazza per poter girare a destra verso via Ricasoli o a sinistra verso via Cairoli. Passaggio in teoria chiuso al normale traffico stradale in pratica aperto a tutti con conseguenti manovre da ritiro della patente e sequestro del mezzo, ma naturalmente non c’è mai nessuno autorizzato ad intervenire.
Lungo il maledetto percorso ci sono finestre aperte, bambini piccoli che dormono, anziani che riposano, gente che fa i turni di notte ed il giorno vorrebbe dormire qualche ora. Io non so quale sarebbe la soluzione del problema, la lascio trovare a chi il problema l’ha creato, forse basterebbe che le sirene venissero accese all’ingresso di piazza Cavour, esattamente come facevano prima del nuovo piano del traffico.
Solo a titolo di esempio: nella notte tra il 31/05 ed il 01/06 l’ambulanza è passata con la sirena a tutto volume alle ore 01,38, alle 02,40, alle 05,50. Gli orari sono precisi perché io non ho dormito più dal primo passaggio notturno E parlando con le persone ho scoperto che anche molti altri hanno subito la mia sorte. Dunque, cosa volete fare?

Bruno

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # kamui

    invece finchè passavano da via verdi andava bene? Da lì non ti davan noia? Ringrazia invece per il servizio che fanno, piuttosto!

  2. # Gregorio

    Viva l’altruismo . A Livorno da noia tutto si deve pensare che se parte un ambulanza è perché c’è una persona che sta male o è in grave pericolo. Ma io non dormo ….magari qualora il sig Bruno avesse bisogno sarebbe il primo a lamentarsi per il ritardo nei soccorsi.

  3. # Lukas

    Io abito in via San Giovanni, vicinissimo alla SVS, ed ogni vota che mi sveglio per una sirena di ambulanza in partenza, penso che magari stanno andando a salvare la vita a qualcuno, li ringrazio col cuore e mi riaddormento. Le auguro di non averne mai bisogno.

  4. # andy

    abito all’estero e qua le ambulanze usano le sirene solo di giorno ed in prossimita di incroci semafori code ect. La notte hanno solo il lampeggiante blu ed usano al sirena solo in casi urgenti tipo cretini che non si spostano avvertiti dalle luci intermittenti od incroci sempre trafficati anche nelle ore notturne.
    Purtroppo in Itala e specialmente nella civilissima Livorno devono usare le sirene sempre, cosi sono sicuri che hanno spazio libero e possono correre ad alta velocita nelle strade di citta. Se usassero solo le luci di notte nessuno si leverebbe dal mezzo di strada

    1. # sirenio

      Oltre ad un problema di civiltà..cosa sconosciuta in italia ed a livorno..il codice della strada non prevede l’uso disgiunto di sirena e lampeggianti. Quindi non accendere le sirene (che per altro non hanno “volume” come nella lettera erroneamente detto) nei casi dove è prevista dalla legge è anche un infrazione al codice della strada.

  5. # leonardo

    questa è la lettera più assurda inviata , caro bruno se con la sirena ariivassero prima da un tuo familiare che diresti ?

  6. # Bruno

    Sapevo già che avreste fatto polemica. A Livorno è sempre così. Leggete bene prima di scrivere e senza ricorrere ad argomenti da libro “Cuore”. Non ho detto che bisogna eliminare le sirene ma semplicemente che forse sarebbe meglio accenderle 100 mt più avanti. Tutto qui. E’ così assurdo? Egr sig “kamui” non è questione di vie o dove io abiti, presumo che non andassero bene neanche prima. Circa poi un uso “personale” dell’ambulanza posso garantirvi egr sigg. Leonardo e Lukas che c’è già stato, per una cosa molto grave e durante la notte. So quindi molto bene cosa significa ma ho chiesto espressamente di non usare la sirena, bastavano le luci lampeggianti. E adesso risparmiatevi altri commenti sull’Elogio della Misericordia o sull’abnegazione dei volontari. Li condividiamo tutti ma già li conosciamo.

    1. # ERIK

      “Ho chiesto di non usare la sirena”. No ma Lei è davvero convinto di poter dare un ordine del genere?

  7. # cri

    veramente non ho parole! vero che ci sono bambini, anziani, persone che hanno fatto il turno di notte, ma un ambulanza è una emergenza così come vigili del fuoco o polizia/carabinieri, come si fa a dire che danno fastidio….,
    Abito vicino all’ospedale le sento tutte a tutte le ore del giorno e della notte , estate e inverno. Anzi , quando atterra l’elisoccorso hai l’impressione che ti stia entrando in casa, ma l’unica cosa che mi da fastidio è il pensiero che qualcuno stia male, e spero che tutto vada per il meglio.
    Un plauso a chi offre il suo tempo e la sua esperienza con il volontariato sulle ambulanze. Grazie.

  8. # Astro

    Vai!Ora ci da noia anche l’ambulanza…Non ci va più bene nulla a Livorno…

  9. # xy

    Una proposta per risolvere il problema, no? Tutti da libro cuore e non serve a niente, non si risolvovo le cose. Chi vuole fare una proposta la faccia, il resto è solo aria fritta.

  10. # Livornese

    Fortunatamente non ho il problema del sig.Bruno…comunque non credo che il ritardo dell’accensione della sirena da via Verdi a piazza Cavour comporti il tempestivo arrivo o meno del mezzo….provate a pensare se il problema si spostasse sotto casa vostra…fareste comunque gli stessi commenti??? Coerenza gente coerenza…..

  11. # Autista

    Sono un autista della Misericordia. Posso affermare senza temere smentita che dopo la mezzanotte difficilmente vengono azionati i dispositivi acustici di allarme nel tratto menzionato. Può capitare, ma non cosìfrequentemente e per motivi circostanziati.
    Mi preme fare presente alcune cose.
    Il cds impone l’uso congiunto dei segnalatori luminosi e acustici di allarme, così come impone l’uso continuo degli stessi. Per capirci in Italia accendere la sirena solo quando serve non è consentito.
    Il tratto in in questione presenta diversi problemi:
    Uscendo su via verdi abbiamo veicoli che arrivano dalla destra e dalla sinistra con i primi che spesso viaggiano a velocità sostenuta; proseguendo in via adua abbiamo spesso veicoli in doppia fila per un paio di negozi; per immetterci in via indipendenza abbiamo un incrocio con poca visibilità e una volta immessi abbiamo motorini e bICI contromano. Poi se abbiano i soli lampeggianti e magari sfanaliamo a una macchina che va piano per parcheggiare ci prendiamo un insulto. Infine l’incrocio con scali Manzoni e immissione in piazza Cavour con pochissimi spazi di manovra.
    Poi cosa dovrebbe dire chi abita in via gramsci?
    Concludo ricordando che quando interveniamo ci sentiamo sempre dire:MA QUANTO CI AVETE MESSO BOIA DE’!

  12. # mako

    mi accodo al signor bruno. Abito vicino l’ospedale, vorrei che le ambulanze spegnessero le sirene vicino casa mia (per compensare possono tenerle più alte quando passano da altre parti). Mi da noia anche l’elicottero, si potrebbe farlo atterrare alla leccia e poi far venire il malato in ambulanza all’ospedale (ovviamente sirene spente sotto casa mia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive