Cerca nel quotidiano:


Cambio Giunta. Tamburini (Lega): “Solito metodo di quando non si sa dove andare”

Domenica 3 Luglio 2016 — 09:35

Mediagallery

Da come l’ha messa la stampa, per fortuna soltanto quella locale, sembra un fatto straordinario, quasi un evento epocale, mentre io ritengo che non vi sia nulla di nuovo sotto il sole livornese. Anche Cosimi era uso cambiare assessori a pacchi e di teste di vice sindaci ne ha una collezione, è , purtroppo, il solito metodo che si attua quando un esecutivo non sa dove andare e cosa fare e con la patetica giustificazione di un rilancio dell’azione di governo, pensa di gabellare i cittadini, cambiando qualche pezzettino qua e la. Semmai un minimo rilievo merita la simpatica burla postata su Facebook, prima della conferenza stampa del sindaco con l’ufficializzazione dei nuovi ingressi in giunta, da Lenny Bottai che scrive di accettare la nomina ad assessore. Ci sono caduti in tanti, compresi giornalisti bravi e noti, che io giustifico, i grillini sono capaci di tutto, anche di questo. Qui , però, dovrebbe far riflettere ed anche un po preoccupare, non tanto la burla in se stessa, quanto le centinaia e centinaia di “mi piace” che ha ricevuto Non saranno certo l’organizzatore di eventi gay, nulla da dire, quando uno svolge un’attività che gli piace e lo soddisfa, è sempre positivo e l’ex portavoce del sindaco a dare una svolta all’attuale situazione di inaccettabile inerzia, improvvisazione e totale incapacità nell’affrontare le tante problematiche livornesi e sono pertanto sicuro che nulla potrà cambiare. Credo che invece la vera notizia sia un’altra, quella cioè della convocazione del direttore generale presso gli uffici della procura per un colloquio, chiamiamolo cosi, di circa quattro ore, dove, secondo le indiscrezioni giornalistiche, si è parlato di Aamps, ma soprattutto della vicenda del Limoncino e della famosa questione delle lettere di dimissioni in bianco, due tematiche che penso preoccupino un tantinello il nostro ingegnere aerospaziale. Con questi attori di una semi specie di compagnia di avanspettacolo abbarbicati alle seggioline per ovvi motivi, sicuramente non ideali, di sopravvivenza e con una apposizione sterile e poco incisiva, sarà pertanto la magistratura a decidere se e quando staccare la spina e decretare la fine di questa disastrosa esperienza. Spero lo facciano in fretta e mi auguro che gli elettori provino davvero a cambiare verso, questa volta la Lega c’è.

Bruno Tamburini lega Nord

 

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # fai i vaini con voi

    Ma dove, prima la lega si vedeva in giro ora non più e poi sig Tamburini ma lei quanti partiti ha girato.
    Ma levatevi.

  2. # ilnuovo

    Gli elettori di Varese hanno verificato come governa bene la Lega e alle ultime elezioni hanno licenziato i suoi rappresentanti storici ! Figurarsi se si devono votare i riciclati di diversi partiti come il sig. Tamburini !