Cerca nel quotidiano:


Chiusura Aurelia. Gazzetti (Pd): “Sospendere il pedaggio autostradale”

Venerdì 7 Ottobre 2016 — 17:18

Mediagallery

Aprire il più celermente possibile un tavolo di confronto con Anas, Salt (Società Autostrada Ligure Toscana S.p.A) ed il Ministero competente, al fine di valutare la sospensione del pedaggio autostradale fra Pisa e Livorno nel tratto di viabilità alternativa individuato per far fronte alla chiusura dell’Aurelia e accelerare il più possibile i lavori affinché la viabilità ordinaria venga ripristinata anche prima rispetto alla data annunciata da Anas (23 dicembre). E’ quanto chiedono alla giunta i consiglieri del Pd Francesco Gazzetti e Antonio Mazzeo che hanno appena depositato una mozione con l’obiettivo di ridurre al massimo i disagi connessi alla chiusura dell’Aurelia per i lavori di consolidamento del ponte “Tombolo”.
“Il tratto di strada interessato dai lavori – spiegano i consiglieri Gazzetti e Mazzeo- è un collegamento essenziale fra Livorno e Pisa, attraversato tutti i giorni da migliaia di pendolari che lo utilizzano per andare all’università o al lavoro. Già in assenza di lavori i rallentamenti sono all’ordine del giorno, ma dal 3 ottobre, giorno della chiusura del tratto in località Tombolo, la situazione si è aggravata con la formazione di grandi ingorghi in corrispondenza dei percorsi di viabilità alternativa, determinando tempi di percorrenza di quasi un’ora per la tratta Pisa-Livorno”

I consiglieri ricordano anche l’ulteriore allungamento della data di termine dei lavori, che dal 16 dicembre è stata spostata al 23 secondo quanto stabilito nell’ultima riunione tecnica che si è svolta presso la prefettura di Pisa. “Visto che l’Aurelia – aggiungono Gazzetti e Mazzeo – è la principale arteria di scorrimento veloce, è fondamentale provvedere quanto prima a minimizzare i tempi di chiusura della statale, anche attraverso la concertazione fra Anas ed enti locali interessati. Detto questo – concludono Mazzeo e Gazzetti- , ci impegneremo anche ad individuare ogni possibile soluzione alternativa che consenta una più agevole viabilità , compatibilmente con il completamento dei lavori”.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # bollicine

    si sta facendo strada l’ipotesi di rendere gratuito il tratto autostradale tra Pisa e Livorno. Una cosa ovvia che qualsiasi persona di buonsenso avrebbe preventivato prima dell’inizio dei lavori. E’ probabile che qualche moglie di assessore si sia trovata impantanata nel traffico impazzito tra Vicarello e Cisanello durante lo shopping o per andare dal parrucchiere e la sera abbia ritardato la cena del consorte. BINGO: trovata una soluzione per i pendolari!

  2. # #fai

    bisogna aprire le strade …… qui si è buoni solo ad aprire i tavoli…e basta con ste cose, son discorsi già fatti da tanti semplici cittadini. Come sempre cari chi di dovere si chiudono i cancelli quando i buoi son già scappati.

  3. # leo

    l’autostrada è privata , se la regione gli paga il pedaggio anche in forma ridotta vedrete che accetta
    ma vi dovevate svegliare prima

  4. # Lorenzo65

    Facile parlare di proposte alternative adesso, cosi si prendono facili consensi .Ma gli amministratori pubblici si son svegliati adesso?? Se da quel ponte ci dovevano passare i profughi, ci sarebbe già stata la social viacard a spese della Regione !