Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Confcommercio e Confesercenti: la sicurezza non può essere responsabilità degli esercenti

Venerdì 15 Luglio 2022 — 16:51

Confcommercio e Confesercenti si uniscono nel sottolineare, ferma restando la massima disponibilità a collaborare...

Confcommercio e Confesercenti si uniscono nel sottolineare, ferma restando la massima disponibilità a collaborare con prefettura, questura e amministrazione comunale in materia di sicurezza, di come la sorveglianza non possa essere in nessun modo demandata ai privati. “Confermiamo l’interesse e la sollecitudine sempre dimostrate dagli imprenditori di Livorno rispetto alla prevenzione degli atti criminali e dei disordini della malamovida. Questi fenomeni impattano pesantemente sul sistema economico-sociale in quanto determinano una forte sfiducia nella sicurezza pubblica e causano un danno d’immagine alla città. Su questo rassicuriamo la più attenta collaborazione” dichiarano all’unisono i direttori di Confesercenti Alessandro Ciapini e di Confcommercio Federico Pieragnoli. “Altra cosa è la capacità degli imprenditori stessi di tamponare le falle del sistema di sorveglianza. Usciamo dagli anni della pandemia che ha fatto registrare perdite irrecuperabili negli introiti di impresa; le aziende hanno fatto fronte a investimenti nella sicurezza anti-contagio. La guerra in Ucraina e gli aumenti fuori controllo dei costi energetici, oltre a quelli delle materie prime, rendono impossibile alle piccole imprese di effettuare ulteriori acquisti in telecamere di sicurezza. Non dobbiamo mai dimenticare che la tassazione arriva al 70%, e che per molti imprenditori in questo frangente storico la questione è sopravvivere e restare aperti. Altri investimenti sono irrealizzabili”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©