Cerca nel quotidiano:


Confesercenti e Confcommercio: “Grotta delle Fate, migliorare la segnaletica”

Le due associazioni incontrano Salvetti: "Il numero dei clienti giornalieri è drasticamente diminuito, con la conseguente riduzione del 50% degli incassi rispetto ai mesi precedenti"

Mercoledì 11 Dicembre 2019 — 15:57

Mediagallery

"Servono infine indicazioni chiare e comprensibili per gli automobilisti che escono da via Grotta delle Fate volendo raggiungere Montenero, La Rosa, Quercianella, Ardenza e Antignano e che spesso si ritrovano invece in zona Monterotondo"

Confcommercio e Confesercenti hanno incontrato il sindaco Salvetti per un grosso problema che si sta verificando ai centri commerciali di via Grotta delle Fate.
“Nonostante la rampa di accesso realizzata per ovviare alla chiusura della strada e permette quindi la sopravvivenza delle imprese commerciali e artigianali dell’area, il numero dei clienti giornalieri è drasticamente diminuito, con la conseguente riduzione del 50% degli incassi rispetto ai mesi precedenti. Abbiamo quindi chiesto una cartellonistica perspicua che semplifichi il transito nella zona. In particolare sarebbe urgente eliminare la cartellonistica gialla che riporta “Grotta delle Fate chiusa per lavori”, che insiste ancora in molti punti della città. Sarebbe poi utile segnalare la via d’accesso dei mezzi pesanti che, come stabilito nell’ordinanza apposita, dovrebbe avvenire da via Collinet o via di Popogna, per evitare ingorghi sulla nuova rampa. Servono infine indicazioni chiare e comprensibili per gli automobilisti che escono da via Grotta delle Fate volendo raggiungere Montenero, La Rosa, Quercianella, Ardenza e Antignano e che spesso si ritrovano invece in zona Monterotondo. Le due associazioni hanno trovato disponibilità ed ascolto ed i commercianti sono fiduciosi che la cittadinanza riesca a comprendere velocemente che Grotta delle Fate è aperta e i negozi perfettamente operativi, anche perché i mancati introiti del periodo precedente alle festività costituirebbero perdite gravi e irrecuperabili”.

Riproduzione riservata ©