Cerca nel quotidiano:


Divano sopra la panchina. Indignazione su Facebook

domenica 05 giugno 2016 08:15

Mediagallery

Non è (purtroppo) passato inosservato (visto anche il colore e la strada super trafficata) la suppellettile che qualcuno ha pensato bene di gettare lungo il marciapiede. Anzi, per l’esattezza sopra una panchina. Stiamo parlando di un divano a due posti abbandonato in viale Carducci. Un episodio di inciviltà che certamente lascia molto amaro in bocca. La foto sta facendo il giro di fb suscitando l’indignazione di centinaia di livornesi.

Riproduzione riservata ©

43 commenti

 
  1. # Aldo

    Perché indignazione? I livornesi sono così…

    1. # Stefano

      Caro Aldo sara’lei cosi !!!! Io sono Livornese e sono una persona civile chi commette questi gesti 10000 mila euro di multa vedrai poi ci ripensano !!!!!

      1. # Aldo

        I livornesi hanno, se va bene, 10.000 euro di debiti da pagare, e sono vagabondi parecchio

        1. # Stefano

          Ripeto Aldo io sono Livornese e debiti non ne ho quindi non generalizzare che e’ patetico !!!!

        2. # Giuly

          Ci può rivelare da quale paradiso terrestre viene lei? Perchè non è Lei stesso a dichiarare le sue generalità?

          1. # Franco Franco

            Risposta a pipa di cocco nemmeno te le dichiari

        3. # poveromondo

          Generalizzare non è segno di grande cultura e intelligenza , anche se nella tua città saranno sicuramente tutti laureati, ricchi, onesti ed educati. Ascolta un vecchio :restaci nella tua città, non ti muovere altrimenti rischi grandi delusioni.

          1. # Aldo

            C’era una bella intervista a un sociologo su un noto quotidiano di qualche giorno fa. Il tema era la retrocessione culturale ed economica di Livorno. Diceva una cosa che penso da tempo, ovvero che Livorno è una città meridionale in mezzo alla Toscana. In pratica siete una Reggio Calabria, una Palermo o una Gela del nord. Un bel complimento vero?

          2. # LivorneseDoc e me ne vanto

            Siete? Cioè Aldo ti lamenti dei livornesi e non sei nemmeno livornese? Ma vattene da Livorno. Noi livornesi purosangue amiamo livorno cosi, con i suoi pregi e i suoi difetti. Io sono orgoglioso della mia Livorno e del suo popolo , talvolta spreciso e ignorante, ma un popolo di brava gente onesta e di lavoratori . Ripeto non ti piace Livorno? Ritorna a casa tua e chi ti trattiene? Magari si ritornasse alla livorno degli anni 70 dove il 90% era popolo labronico e potevamo lasciare le porte aperte di casa. Purtroppo con l’avvento in citta di gente come te non livornese, abbiamo dovuto cominciare a mettere le porte blindate e le grate alle finestre.

        4. # Danius

          Discorsi privi di fondamento e senza logica..caro il mio Aldo, vada a trollare da qualche altra parte che noi livornesi con persone come lei non ci vogliamo neanche perdere tempo..

          1. # Aldo

            Se i livornesi perdessero tempo a gestire bene i propri rifiuti o a pagare le tasse o a tenere pulito in proprio metro di spazio pubblico, come perdono tempo qui a difendersi, vivrebbero di sicuro una vita migliore. Ma siete livornesi…

          2. # Danius

            Mi sa che confonde il livornese con l’amministrazione livornese..purtroppo le cose non sono assimilabili..la gestione dei rifiuti non è in mano ai livornesi, bensì al comune..le citta sono sporche soprattutto per i turisti come lei che vengono a godersi la nostra città e purtroppo per molte persone che vivono qua e non essendo native di livorno non gliene frega niente..scommetterei quello che vuole che quel divano non ce l’ha messo un livornese..

        5. # poveromondo

          Io sono livornese al 100% e lo dichiaro con vanto, si può sapere di quale città e LEI oppure si vergogna a dirlo?

      2. # Liburnico

        sicuramente lei non e’ cosi’ come non lo sono io, ma abbiamo un livello di ignoranti a Livorno, roba da record del mondo!!!

    2. # Alby

      Hai ragione il livornese è così, free, e se ne vanta, l’importante che a gennaio sia gia bello abbronzato e poi sia, che per entrare a casa deve superare un divano abbandonato o un mucchio di spazzatura, i figli dei comunisti sono fatti cosi

      1. # Stefano

        Cara Alby non si abbassi al livello culturale del signor Aldo, generalizzare e’ sbagliato a priori certi Livornesi sono come dice lei ma non tutti fortunatamente e’ come se uno dicesse che i Napoletani sono tutti camorristi, sarebbe follia pura , una minoranza sono camorristi, così come i Livornesi la maggior parte sono persone civili come mi auguro lei

  2. # ross

    E’ il gusto del paradosso che rivela la cultura del disprezzo,da una pozzanghera non si può pretendere la profondità.

  3. # stefano59

    Oggi ci sono molti che amano la propria visibilità e quindi fanno cose stupide con la speranza di vederle pubblicate e provare soddisfazione! Secondo me certe “stupidate” non andrebbero neanche prese in considerazione x non dare soddisfazione a persone così

  4. # PaoloP

    Premesso che chi abbandona rifiuti dovrebbe, oltre essere multato, prestare obbligatoriamente servizio sociale nel campo dell’igiene ambientale. Gran parte degli abbandoni di ingombranti potrebbe essere facilmente risolto con risparmio da parte di aamps (quindi abbassando le tariffe tari). Se aamps facesse un accordo con i fornitori del nuovo (infissi, mobili, tende, traslochi…..) per il ritiro del vecchio tipo come vige per i raee (ritiro 1 a 1) non ci sarebbero così tante teste di kaiser che elevano a monumento divani su panchine.

    1. # èfinita

      Aamps ritira GRATUITAMENTE su appuntamento telefonico divani & C. ed il servizio funziona perfettamente ! Ci vogliono solo più sanzioni per gli incivili che deturpano la città !

      1. # PaoloP

        Evidentemente da 20 anni a questa parte hai sostituito solo un divano. Prova a sostituire una cucina componibile composta anche da solo 10 pezzi, dovrai chiamare il servizio gratuito almeno 3 volte tenendoti in casa gli elementi eccedenti il massimo consentito ogni ritiro. Quindi i rimanenti elementi dovrai portarli te personalmente giù, magari da 4 piani, il giorno e a l’ora che ti viene imposta dall’aamps. Solo se sei un pensionato ancora in forze riuscirai a farlo. La parola d’ordine dovrebbe essere semplificare la vita agli utenti e farli risparmiare sulla tari.

  5. # Dux

    Evviva il comunismo e la libertà

    1. # Comandante Valerio

      bravo, hai ragione

    2. # amaranto67

      ovviamente si fa per di, perche qui nessuno realmente sa cosa siano ne il comunismo ne la libertà…

  6. # beppe

    Invece in P.zza Damiano Chiesa anche stamane ci vuole il canotto. Di nuovo fogna traboccante con gabbiani a far colazione nel “bottino” !!!! Io organizzerei un pullman di crocieristi…….A proposito, il problema interessa anche le strisce blu !!!

    1. # Ron

      Bravo,allarghiamo l’analisi del problema. Ci metterei anche le scie chimiche e le foibe.

  7. # dekette

    Una volta Livorno era davvero goliardica e cioè : negli anni 70, uno tale mise in vendita una 500 sul v.n.Sauro, una 500 abbastanza “rottina” e ci scrisse sul cartello giallo: vendesi-prezzo-n.telef. e telefonare ore pasti…..qualche buontempone ci riscrisse sopra “mangia tranquillo”……oggi non è la vecchia Livorno che parla ma un nubolo di deficienti banali, incivili e protagonisti chissa di cosa…. e appunto come dice ross, molto poco profondi purtroppo.

  8. # Perplesso sempre di più !!

    Nessuno ha visto niente vero ?????

  9. # De ma de !!!

    Aspetto il primo che le giudichera’ “Creativa arte moderna”..ahahaha

  10. # matteo

    Perché stupirsi. Ormai a Livorno sono normali questi episodi di inciviltà e degrado!

  11. # paolo

    Ha detto bene Noberini ieri sera a teatro:A Livorno ci vorrebbe un sindaco svizzero ed un prefetto austriaco!

  12. # valentina romanacci

    boia come siete vecchi è un’opera d’arte futuristica…tra l’altro il divano non è messo male

  13. # maria sgarlata

    perchè non avete visto il materasso matrimoniale con cuscini in p,zza 2 giugno la scorsa settimana la cui foto non ho avuto la possibilità di scattare e inviare

  14. # amaranto67

    ma siete sicuri che non sia un’opera d arte? ne ho viste di piu inquietanti.

  15. # ignazio

    E quanto casino per un divano. Si starà più comodi che sulla panchina.?

  16. # Emanuele

    In un periodo storico di grande crisi come questo che stiamo vivendo ….sono stati “creati” 4 posti a sedere in più…….. Buttali via! Sempre a dí male……..

  17. # morgiano

    E’ UNA VERGOGNA!!!!!… però a pensarci bene, le panchine di solito sono scomode.

  18. # Massimo Di Sagio

    Chi lo dice che si tratta di abbandono di rifiuti? Potrebbe essere stato fatto per rendere più confortevole una panchina o chissà magari si tratta di una performance di qualche artista labronico.

  19. # tutti boni

    ne ho visto uno uguale di un altro colore sull’Aurelia vicino all’ospedale…se qualcuno vuol fare la coppia…

  20. # Maria

    Vicino casa mia c’è un cesso poi sento parlare di marciapiedi sporchi x colpa dei cani gente ma andiamo a vedere quanti rifiuti ai cassonnetti e magari scopriamo gente incivile e senza cani che schifo di educazione il numero verde x la raccolta di rifiuti ingombranti 800031266 non costa nulla

  21. # biggì

    …a Livorno c’è davvero poco, ma in compenso c’è tanta ignoranza! Mi sembra che piove sul bagnato……

  22. # gigi

    Io per lavoro ho girato l’Italia dalla Sicilia al Friuli…….Non è campanilismo ma credetemi : un livello così basso di cultura e senso civico mai trovato.
    E’ proprio vero: se vuoi fare come ti pare vieni a Livorno.

  23. # ross

    “biggì” in tre parole hai centrato il problema del degrado:”Piove sul bagnato”Se vuoi approfondire,se già non lo conosci,digita su Google:Finestre rotte.E’ uno studio psicologico condotto anni fa da due spicologi americani che con esperimenti dimostrano il comportamento delle persone di fronte al degrado urbano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive