Cerca nel quotidiano:


Forza Italia: “Sì all’installazione delle telecamere nei luoghi sensibili”

Sabato 15 Ottobre 2016 — 19:41

Mediagallery

La cronaca di questi giorni riporta all’attenzione un problema che esiste, è reale e va contrastato con ogni mezzo: tutelare i più deboli.
Forza Italia da tempo porta avanti questa battaglia sia a livello nazionale, avendo presentato fin dal 2008 uno dei primi Disegni di Legge in materia, riproposto nel 2013, sia a livello regionale dove Il coordinatore regionale e capogruppo di Forza Italia Stefano Mugnai ha presentato in Consiglio Regionale una mozione a riguardo, votata dal centrodestra e respinta dal Pd.
La proposta di Forza Italia prevede telecamere criptate a circuito chiuso, in luoghi sensibili come gli asili nido, gli ospedali e le strutture di cura per gli anziani ed i disabili le cui registrazioni siano visionabili esclusivamente da parte delle forze dell’ordine, dopo formale denuncia e previa autorizzazione dell’autorità giudiziaria. In questo modo si realizza l’equo bilanciamento degli interessi in gioco, da un lato la tutela dell’incolumità dei soggetti vulnerabili, dall’altro il giusto rispetto della loro stessa riservatezza e della privacy e della libertà dei lavoratori. Un vero e proprio deterrente e strumento di supporto efficace per le indagini a beneficio dei soggetti coinvolti, che scongiura la necessità di far perpetrare le violenze per poterle accertare e salvaguarda gli operatori stessi nel caso in cui vengano coinvolti in vicende di abusi“.
Sicuramente non uno strumento ispettivo di controllo dei lavoratori e da adottare, fino a quando le Istituzioni non saranno in grado di riappropriarsi del proprio ruolo, investendo realmente in cultura, ad ogni livello.
Fino ad allora, Riteniamo, che i genitori ed i familiari non possano e non debbano essere più lasciati soli !
Quello della privacy, oggi, é per noi un falso problema, considerati gli innumerevoli fatti di cronaca, infatti, emerge in tutta la sua drammaticità la lungimiranza che dovrebbe avere la politica, troppo spesso, lontana dai tempi e dalle esigenze dei cittadini.
Bisogna trovare al più presto un punto di equilibrio tra il legittimo diritto alla riservatezza e la difesa dei diritti dei soggetti più fragili.
Anche perché viviamo già, di fatto, in una sorta di “grande fratello globale”, siamo costantemente video sorvegliati da telecamere che si trovano ovunque nelle banche, uffici postali, negozi, supermercati, strade.
Nel 2012 la Cassazione ha stabilito che dietro il consenso informato dei lavoratori è già possibile installare questi sistemi di videosorveglianza.
Forza Italia, in Toscana, sta presentando mozione in tutti i Consigli Comunali, come farà la capogruppo Elisa Amato a Livorno, affinché ogni comunità si attivi per quanto di propria competenza e come strumento nei confronti del Parlamento.

Maristella Bottino
Coordinatore Provinciale Forza Italia Livorno

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Franco

    Cosa si aspetta non l’ho capita visto che gli episodi di violenza su bimbi ed anziani sono in continuo aumento ogni giorno, e’ un qualcosa che dovrebbe avvenire in automatico dopo i recenti fatti di cronaca che hanno visto persone coinvolte in tutta Italia essere attori di violenze e persosse su bambini in tenera eta’ ed anziani accuditi presso le case di riposo!

  2. # floyd

    Questa proposta fa schifo. Non a caso proviene da un soggetto politico che ha abusato della parola “liberale”. Un partito che si dice liberale e poi afferma che la “privacy” è un falso problema si commenta da solo. Non si può militarizzare/vigilare tutto, così arriviamo a una società orwelliana, dobbiamo trovare altre modalità per combattere certi abusi (modalità che siano anche meno costose).

    1. # Diego

      Ecco lui! Un’altro Renziano-Boldriniano falso buonista.