Cerca nel quotidiano:


Gli auguri di pronta guarigione del presidente Franchi al prof. Cannito

Giovedì 24 Maggio 2018 — 18:09

Mediagallery

Il presidente della Provincia, Alessandro Franchi, a Roma per impegni istituzionali, ha raggiunto al telefono il professore Marco Cannito, per accertarsi delle sue condizioni fisiche dopo l’infortunio verificatosi all’Istituto Colombo. “Sono profondamente dispiaciuto per l’incidente e sono lieto di aver sentito il consigliere Cannito in lenta ripresa, nonostante l’infortunio subito, per il quale gli ho augurato una rapida e completa guarigione”.

Per quanto riguarda la vicenda, occorre chiarire alcuni aspetti. La scuola è stata concepita e costruita, a suo tempo, con un doppio volume che comprende uno spazio aperto al pianterreno, utilizzato come aula magna, e uno spazio al primo piano che copre parzialmente la stessa aula magna, adeguatamente delimitato da un ringhiera. Già al tempo in cui la Provincia ha preso in carico l’immobile scolastico ai sensi della legge 23/1996, detti spazi erano già separati per permetterne un uso indipendente e l’aula magna era stata isolata acusticamente dal volume soprastante con un controsoffitto in compensato. Nel corso degli anni l’Amministrazione Provinciale ha effettuato numero opere di manutenzione straordinaria, tra cui il consolidamento strutturale delle fondazioni e la sistemazione dell’aula magna, che ha visto la sostituzione del controsoffitto in compensato, con una plafonatura in cartongesso, così da garantire un miglior isolamento acustico. Inoltre, la parte di balaustra sul lato del corridoio era stata chiusa fino al soffitto proprio per garantire una maggiore sicurezza.
La plafonatura in cartongesso, per le sue caratteristiche tecniche, non è in alcun modo assimilabile ad un solaio (che invece ha una precisa portanza) e la sua funzione è semplicemente quella di fungere da copertura insonorizzante. Per questo il pannello si trova oltre una ringhiera, e lo spazio antistante, quello al di qua della balaustra, è interdetto ad alunni e insegnanti e consentito solo al personale ausiliario per l’apertura della finestra. Dopo il sopralluogo effettuato immediatamente dopo l’accaduto dalla responsabile del Servizio edilizia scolastica della Provincia, si è deciso, di concerto con la dirigenza scolastica, di superare il problema dell’apertura manuale della finestra con un dispositivo elettrico.

Riproduzione riservata ©