Cerca nel quotidiano:


Grazie agli angeli che quel giorno hanno salvato mia figlia di 11 mesi

Era il 2 luglio 2018, una mattina serena decido di andare a fare commissioni al Parco Levante con mia figlia minore Alice (di 11 mesi)

domenica 03 Novembre 2019 12:44

Mediagallery

Sono qui a scrivere la mia storia di un anno fa circa, per dire che si legge spesso di mala sanità, nel mio caso invece hanno salvato la vita a mia figlia.

Era il 2 luglio 2018, una mattina serena decido di andare a fare commissioni al Parco Levante con mia figlia minore Alice (di 11 mesi), vado per slegarla dal seggiolino dell’auto e comincia a piangere disperata inarcandosi tutta, con occhiaie nere e labbra viola, dal niente si riaddormenta. Ogni 10 minuti comincia a ripetersi, lacrime, urli, inarcamenti e poi si addormenta, penso subito a un mal di pancia forte. La situazione non cambia. Provo a darle il seno ma lo rifiuta, canto le ninne ma niente. Chiamo la pediatra e faccio una corsa disperata in ambulatorio. Entro con urgenza. La visita e mi manda urgentemente al PS. Entro urlando chiedendo aiuto, al Triage mi mandano subito nella schock room. Alice continuava a stare male e io volevo solo prendermi tutto quel dolore.
Ecografia  e visita d’urgenza. Arrivano dottori e pediatra. Sento la Parola “Invaginazione Intestinale”. Il cuore mi si ferma. Parlano di trasferimento urgente al Meyer con ambulanza.
Mi sono sentita morire. Partiamo con l’ambulanza, arriviamo al Meyer con le sirene accese. Visita ed ecografia di conferma. La bimba è invaginata. Mi parlano di un tentativo con sedazione lieve con clistere (per rigirare l’intestino). Se l’esito fosse stato negativo dovevamo passare all’operazione.
Arrivano mia suocera e mio marito, la bimba non si sblocca e va operata. Firmiamo i fogli dei consensi, un genitore la può accompagnare in sala operatoria. Vado io. E’ incredibile la forza che ci viene a Noi Mamme per i nostri piccoli. Dopo 1h di attesa, escono anestesista e chirurgo. La bimba sta bene! Alice ha 2 anni e sul suo piccolo pancino sfoggia quella piccola cicatrice che segnerà sempre gli Angeli di Livorno e del Meyer che hanno tempestivamente salvato lei, la vita! Quindi Grazie ancora a chi quel giorno era lì a soccorrere noi!

La famiglia

Riproduzione riservata ©

12 commenti

 
  1. # Cinzia braschi

    Bene Signora.. sono contenta che tutto si sia risolto al meglio. E mi fa piacere che lodi il pronto soccorso, visto che quasi tutti sono pronti a sputarci sopra. Si fa caso alle cattive notizie, ma non a tutti i soccorsi giornalieri portati a buon fine e dei quali nessuno parla.

    1. # Monica

      meno male ogni tanto una buona notizia,non è detto che se spesso che per qualche motivo magari per mancanza di personale , o di qualche persona che lavora con poca attenzione ,deve essere per forza sempre una brutta sanità.

    2. # Dina

      Ho le lacrime agli occhi ! Piccola ti auguro una vita di gioia e salute tesoro 😘 purtroppo non è sempre così e purtroppo alcune volte c’è mancanza di personale ma alcune volte c’è molta incompetenza !

  2. # Elisa

    Mamma mia le lacrime….auguri piccola guerriera Alice. Grazie anche a tutti i medici e gli operatori di tutti gli ospedali che nonostante i turni massacranti sono sempre li ogni giorno a lottare con noi!!!

    1. # giovanni

      Ricordo tutto di quel giorno…. felice ed orgoglioso per come è finita…

  3. # Massimo

    Come volontario, Sono stato spesso testimone dei miracoli che gli operatori del nostro P.S. compiono ogni giorno. E’ vero, non sputiamoci sopra !!!

  4. # Titti

    Pur tra mille difficoltà cerchiamo sempre di operare per il meglio e quando come in questo caso ci riusciamo, non possiamo far altro che esserne felici. LIVORNO ha delle grandi potenzialità che troppo spesso non vengono valorizzate

    1. # Simonetta Guelfi

      E in quei momenti noi mamme siamo cariche di una forza incredibile dove la troviamo lo ignoro, ma in quei momenti non temiamo più nulla

    2. # Gaia

      non è per niente vero Livorno non ha potenzialità
      20 anni fa mi è stata NEGATO il trasferimento pur essendo in condizioni gravi (rischio morte).
      Sembra una cosa fatta bene negare il trasferimento a una neonata?!!!

  5. # Chanel

    Sono contenta che dopo 20 anni si possano fare i trasferimenti urgenti in altre strutture ospedaliere. A mia figlia (anche se tutto è andato a buon fine) non fu’ data questa possibilità. Risolvemmo con il trasferimento al Gaslini assumendoci le responsabilità genitoriali.

  6. # Cristina

    Ho vissuto anche io la tua terribile esperienza. Invaginazione intestinale. Mai sentito nominare prima.
    Per fortuna risolto spontaneamente forse durante il viaggio a sirene spiegate in ambulanza al Mayer.
    Ti capisco!
    Un abbraccio forte a te e la tua piccola!

  7. # Alessia

    Che bella notizia!
    Avete fatto bene a condividerla.
    Succedono tante cose brutte ma anche tante cose belle. Auguroni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.