Cerca nel quotidiano:


Grazie all’istituto musicale Niccolini-Palli per quello che ha fatto per mio figlio disabile

mercoledì 24 Luglio 2019 09:44

Mediagallery

Sono la mamma di un ragazzo disabile affetto da una sindrome molto rara  “cri du chat”.
Vi sto scrivendo queste righe perché vorrei  ringraziare l’istituto musicale Niccolini Palli di via Maggi e tutti i ragazzi che lo frequentano perché sono persone  veramente speciali. Mio figlio quest’anno ha finito la scuola e si è diplomato. Questo istituto è veramente sensibile nei confronti di ragazzi con problematiche, non solo nei confronti di mio figlio ma di tutti quei ragazzi con problematiche di disabilità che vengono, come dovrebbe essere, considerati come persone “normali”.
Posso dire che mio figlio in quella scuola ha trovato una famiglia e che non sarà facile rimpiazzare questa esperienza nella sua vita visto che voleva andare a scuola anche se aveva la febbre.
Cinque anni fa è entrato con problematiche di iperattività e altro, ogni anno abbiamo visto dei miglioramenti notevoli grazie ai ragazzi e agli insegnanti che gli stavano dietro facendolo arrivare addirittura ad esibirsi con tutti gli altri in concerti.
Per noi genitori sembrava una cosa impossibile, queste persone sono riuscite a fare questo per noi, hanno fatto un miracolo. Oggi mio figlio se riesce a relazionarsi e fare alcune cose che sembravano impossibili lo deve a loro. Queste persone sono veramente speciali.
Un ringraziamento va anche alla Misericordia di Montenero che tutti i giorni organizzava gli spostamenti di mio figlio in maniera impeccabile con volontari davvero in gamba e anche loro si relazionavano con mio figlio come amici. Veramente, lo dico con il cuore in mano, una persona disabile che incontra delle persone così per lui e per chi ha accanto, è davvero un grandissimo aiuto. Grazie di avere perso tempo nella lettura di queste poche righe ma ci tenevo a far sapere a persone in disabilità che ci sono persone sensibili alla disabilità sono stati davvero degli angeli.

Una mamma 

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Barbara

    Brava! Fa sempre un gran piacere a chi dedica incondizionatamente tempo a queste persone essere apprezzato! Le brave persone esistono e a loro va tutto il mio riconoscimento! Aiutare e far sorridere chi è meno fortunato di noi è una gran bella cosa! Bravi tutti perché pagine così belle dovrebbero essere più frequenti!

  2. # Fabio Sicuro

    grazie mille della testimonianza. Fa molto piacere sentire che c’è ancora del buono, sensibilità e coraggio. Sappia che non solo gli altri hanno aiutato suo figlio, ma anche suo figlio ha fatto molto per loro, anche inconsapevolmente forse: capire che c’è qualcuno da aiutare, anche con gesti semplici come sorrisi, amicizia, tranquillità, sincerità, aiuta tantissimo a crescere. Chi ha disabilità deve stare con tutti gli altri, non separato, per il bene di tutti. Spero che suo figlio riesca ad avere sempre migliori rapporti “col mondo”, continui a raccontare cosa fa, leggiamo molto volentieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.