Cerca nel quotidiano:


“Ho scelto di vivere qui ma fra nuove Zsc, traffico e rifiuti sta diventando difficile”

Giovedì 12 Aprile 2018 — 12:07

Mediagallery

Ho 34 anni, sono sposata, madre di due bambini, ingegnere di professione con lavoro full-time, livornese di nascita. Vorrei segnalarvi una serie di situazioni che stanno rendendo insostenibile la qualità della vita in questa città, almeno per me, per mio marito e per la mia famiglia.

Code e traffico in Borgo Cappuccini e nel tratto da Piazza Mazzini a Via della Cinta Esterna da quando ci sono le nuove rotatorie e la pista ciclabile, la mattina dopo aver accompagnato i bambini a scuola, nella pausa pranzo (ore 13-14), la sera all’uscita dall’ufficio. A causa di queste code io trascorro circa 2 ore della mia giornata in auto, sottratte alla mia famiglia e con ripercussioni sulla mia salute. Tempi di percorrenza elevatissimi, motorini contromano a rischio di incidenti frontali, ambulanze contromano. Portando e riprendendo due bambini all’asilo non posso andare in bicicletta.

Zone a sosta controllata (a lettera) che verranno messe presto nella mia zona. Persone (nonni) che vengono a tenermi i bambini mentre sia io che mio marito lavoriamo non potranno più farlo, oppure dovrò pagare loro delle lettere aggiuntive, se concesse. Io stessa per la mia macchina dovrò pagare la lettera per parcheggiare sotto casa mia, quando non c’è alcuna necessità in quanto ci abito da 30 anni ed ho sempre trovato posto.

Parcheggi a pagamento sul mare. Secondo le nuove strisce blu dovrò pagare il parcheggio per portare i miei figli al mare, dal Pediatra, sul mare. Questo probabilmente farà sì che eviteremo l’abbonamento ai Bagni dove siamo sempre andati, con conseguenti mancati guadagni per le attività commerciali per la mancanza di tutte quelle spese che facevamo (tavola calda, gelati, giochi, etc…) abitualmente. Eviteremo la zona come già da anni evitiamo il centro città, la Venezia, e il quartiere di Colline da quando non sono più facilmente raggiungibili e non vi è parcheggio libero, preferendo i Centri Commerciali. Forse sarebbe meglio riscuotere le multe arretrate invece di gravare su chi le ha sempre onestamente pagate.

– Tra pochi giorni comincerà la raccolta dei rifiuti porta a porta nella mia zona. I miei figli disegnano file di bidoni della spazzatura e mi chiedono perché anche in cortile ci hanno riempiti. Cosa devo rispondere? Piuttosto devo stare attenta che non vi si avvicinino mentre prima potevo lasciarli giocare tranquillamente nel cortile.

Ho scelto di vivere a Livorno, che è la mia città, di lavorare a Livorno per promuovere l’azienda locale, di far crescere i miei figli qui. Ultimamente sto pensando che sarebbe meglio trasferirsi. Vi chiedo la cortesia di prendere in considerazione le mie parole come le parole di una livornese che tiene alla sua Città. Sono disponibile ad incontrarvi per discutere di queste tematiche e Vi ringrazio anticipatamente se vorrete prenderle in considerazione.

Lettera firmata

Riproduzione riservata ©

61 commenti

 
  1. # Morchia

    Grande

  2. # Pio

    Vivo in zona e non posso che condividere in pieno.
    Ovviamente saremo tacciati di essere del PD, dai vari ultras da tastiera coi paraocchi.
    Sveglia, questi si stanno solo occupando della comunicazione (distorta), per giustificare ogni cosa, anche quelle che fino a poco prima erano inammissibili…

  3. # bello

    commovente

  4. # Giovanni

    Questo esiste in tutte le città, sarà meglio che vai a vivere in campagna con villa e posti auto, non si può vivere senza regole. E tu sei fortunata che lavori, figurati i disoccupati. Vorresti anarchia?? Tutti facciamo quello che fa lei e non abbiamo la fortuna di avere i nonni che ci aiutano, dammi retta fai le valigie.

    1. # fabio

      no, vorrebbe una vita vivibile, che grazie a Nogarin si allontana sempre di più. TUTTE le cose fatte erano non solo non necessarie, ma hanno solo peggiorato la vita di tutti

      1. # bello

        Che fai rispondi per gli altri? Rilassati

        1. # CARLO BIANCIFIORI

          Buongiorno,
          Ho avuto modo di conoscere Livorno di passaggio per motivi di lavoro e mi è piaciuta moltissimo così lo scorso anno sono tornato per una settimana di ferie con mia moglie. Se tutto va bene mi trasferirò.da voi tra qualche anno quando andremo in pensione. Vivo nel nord Italia a Lodi anche noi siamo pieni di rotonde, raccolta differenziata, vigili pronti a dare multe, code e traffico. per andare a lavoro nella grande Milano impiego due ore se poi piove la “capitale d’Europa” così chiamata si blocca del tutto comprese le vie di accesso, ed il calvario quotidiano aumenta. I disagi riscontrati da Lei sono ormai ovunque in parte occorre adeguarsi alle nuove normative, abituarsi alle nuove regole anche se sicuramente alcune cose possono essere migliorate cercando di non gravare troppo sui cittadini. Avete la fortuna di vivere in una bella città di mare con gente dal carattere schietto.

  5. # Osvaldo

    Le città cambiano e si evolvono adattandosi alle nuove realtà. Se sei un ingegnere dovresti capirlo.
    Anche a me piacerebbe il posto fisso in porto a 4000 al mese come negli anni 70 ma non esiste più!
    Quindi bella storia ma poco reale.

  6. # bla bla bla

    Signora Lei sta perdendo il suo tempo. Questi vivono di dogmi, non sono aperti al dialogo.
    Resista ancora un po’ può darsi che ce ne libereremo molto presto.

    Ingegnere full time forse il suo collega non lo era e per questo a scelto di tirare a campare con la politica.

  7. # Elle

    Sono assolutamente d’accordo con lei. La vivibilità, soprattutto del centro, dove sono nata e vivo tutt’ora, sta diventando impossibile grazie alle code chilometriche dovute al nuovo piano del traffico, che non si presentavano quando c’erano i semafori, ripeto: in centro ci sono nata ed abito da quasi 30 anni, una situazione del genere non si era mai presentata prima.
    I parcheggi a pagamento sul mare, rendono difficoltoso e dispendioso (ulteriormente) poter godere degli stabilimenti balneari. Andare in autobus non è comodo per chi ha persone con disabilità in famiglia, o anziane o bambini piccoli.
    Per concludere parlando della raccolta differenziata, sono d’accordo nel preservare l’ambiente, ma credo che così si stia esagerando.

  8. # giuliano baggiani

    Francamente le devo dire che rimango esterefatto dal suo scritto io qui ci vivo da 72 anni e i problemi che lei lamenta ,alcuni imputabili ,come le rotatore

  9. # giuliano baggiani

    Alle passate amministrazioni, sono correggibili, i parcheggi sul mare si pagano in ogni città d’Italia,verifichi se crede, la differenziata era l’ora di farla anche da noi,si potrà certo migliorare ma è utile e necessaria, se poi non se la sente di viver qua credo le risulterà difficile trovarne una meglio ma ce ne faremo una ragione! Auguri tanti.

  10. # Lorenzo65

    Cara concittadina, la invito a resistere ancora un anno e poi vedrà che saranno altri a fare le valigie da Livorno.

  11. # aggiornati

    In qualsiasi paese si trasferisca, almeno che vada in un eremo, queste situazioni sono già in atto da anni!

    1. # giulio

      Molto bene : mi spiega come mai per arrivare da Via Orlando a Piazza Mazzini ci vogliono, ADESSO, 40 minuti e prima non c’era MAI stato il minimo problema ? Vogliamo parlare di analoga situazione con semafori in posizione ASSURDE e mi assumo tutte le responsabilità nel dirlo, sul Viale Ippolito Nievo ? Se ci siamo adeguati al peggio c’è da esser felici perchè tutti stanno male e noi stavamo bene ?????

  12. # elit

    Il suo grido di dolore e’ il grido di tutte le persone che ancora usano la testa per pensare liberamente, senza condizionamenti di alcun genere. Credo che il suo sfogo resterà’ inascoltato in quanto più’ volte su questo giornale sono state fatte critiche pesanti che lei ha puntualmente ripetuto. Sindaco e giunta sono sordi alle critiche anche costruttive, sono come bulldozer, avanti tutta e chi c’e’ davanti affari suoi.

  13. # leo

    perché nelle altre città non ci sono le ztl zsc telecamere rotatorie semafori ecc .
    CIAO

    1. # Mahalì

      Non è una risposta. A Roma il caffè costa 3 euro. Uniformiamoci allora

      1. # Polpetta

        A Roma il caffè costa 90 centesimi

  14. # Renzo lomi

    Forse non se ne è accorta ma il futuro che in tutte le altre città d’Italia è già arrivato finalmente viene anche a Livorno tutto quello che dice è solo ed esclusivamente a carattere personale mentre una buona amministrazione deve guardare alle esigenze di una collettività e salvaguardarne i desideri.si soffermi a pensare che mentre lei trova delle difficoltà discutibili decine di migliaia di altri troveranno benefici

    1. # Pio

      Ma dove vive, su marte ?
      Mi elenchi i benefici, quali sarebbero ???

    2. # Mahalì

      Sarei curioso anch’io di sapere che beneficio c’è nelle tasse e nel rendere difficile la modilità

    3. # acciuga

      …. tipo ????….sono tutto orecchie !!

    4. # antonino

      ma cosa stai dicendo??
      quale futuro?
      Ci siamo solo fatti mettere a pagamento quello che prima era gratis, traffico incasinato da terzo mondo, strade che serve una guida alpina per andare nelle buche.. e non parliamo della spazzatura.
      Livorno ha fatto GROSSI passi indietro. Almeno fosse venuta la riqualificazione industriale o il turismo di cui si parlava.. NIENTE, anzi pure peggio di prima.
      E i sempliciotti sperano di risolvere con un murale “forza livorno”.. Nogarin è il peggior sindaco a memoria di livornese

    5. # ZenEros futuro col M5S

      Questi sono solo i nuovi dogmi pentastellati che vanno ripetuti a comando del Grandissimo Fratellone Beppone Grillo tipo “il futuro è finalmente arrivato” con loro che hanno tutto capito e tutto sanno, non come noi poveri mortali che non seguiamo il Logos della dinastia casaleggina… Dove poi stanno i benefici per le decine di migliaia delle varie fake sparate da questa amministrazione… boh… io non non li vedo.

  15. # fabio

    Ha perfettamente ragione e fa quasi tenerezza vedere gli sfegatati dei 5 stelli che difendono le scelte disastrose e scellerate dell’amministrazione con la scusa (tra l’altro completamente falsa) che “così si fa dappertutto”.

    Prima di Nogarin si viveva meglio, è un dato di fatto. Le sciocchezze che ha voluto implementare dalla viabilità, alla spazzatura, ai parcheggi, erano completamente non necessarie, e hanno solo peggiorato la vita di tutti.

    Tanti dicono che con il PD Livorno era una città addormentata.. verissimo, ma con i 5 stelle invece? hanno rilanciato cosa?? I’industria? il turismo? cosa allora? Mi dite una cosa che hanno fatto che è stata positiva per la città? Solo una..

    Ridicoli, semplicemente. Ci hanno portato indietro. Peggio amministrazione di sempre

    1. # Enrico

      Se è come dici te è soltanto questione di pochi anni……….se è come dici te……….Se invece la tendenza è quella opposta (vedi le ultime elezioni nazionali) dovrai anche tu cambiare città insieme all’ingegnere magari ed a tutti i reazionari del pd che per decenni hanno pensato soltanto al loro orticello prendend per i fondelli inter classi di lavoratori.

      1. # Andrea

        Già fatto…. E ci sto di Lusso!

  16. # Mahalì

    Rimango esterefatto nel leggere quante persone commentano che è cosi in tutte le città e che quindi è normale e che anche noi dobbiamo allinearci alle loro tasse per lettere residenziali e stalli blu. Ma che ragionamento è? Speriamo che nelle altre città non cominciano a prenderlo nel … beep … un giorno si e un giorno no altrimenti bisognerà allinearci! Migliorare Livorno non tassando sarebbe stata la vera novità. Ma alla fine la novità è diventata allinearci al caro vita delle altre citta. Congestionare il traffico pensando poi che chi HA BISOGNO dell’auto eviterà di prenderla è una mossa da geni del crimine. Senza potenziare i mezzi pubblici. Boh

    1. # Polpetta

      Concordo basta muoversi un po’

  17. # Silvia

    Livorno si deve Adeguare!! “Finalmente è giunta l’ora”!! Le regole ci sono e vanno rispettate per il bene di tutti e il RISPETTO per tutti!!! In altre città sono anni che esiste il porta a porta e le strisce blu. Il problema sa qual’ė ?? La difficoltà ad adeguarsi al cambiamento. Questione di Cultura. Questa è Emancipazione!!
    Non sono i mastelli o bidoni che mi scandalizzano anzi…sono le defecazioni dei cani ancora lasciate sulle strade, aiuole, marciapiedi!! Vergogna.

    1. # david

      Vero, sul problema delle defecazioni canine la nostra “brillante” Amministrazione non fa niente per aumentare i controlli e le sanzioni. Poi pubblicizzano tanto…….”Nei primi 31 giorni del 2018 sono stati redatti 8 verbali per deiezioni non raccolte, ben 36 multe per conduzione senza guinzaglio, 4 sanzioni per conduzione dell’animale in area vietata ed altre 2 per omessa custodia”……ma ce ne rendiamo conto, sono poco più di una al giorno, quando invece dovrebbero essere molte di più. Però quelle per divieto di sosta sono centinaia…..facile fare la multa alle auto e non direttamente ai proprietari dei cani, coi quali magari devi anche discutere……

  18. # Lina

    Cara Signora, e’ finita la pacchia!
    Livorno, città di pinocchi e balocchi e’ costretta a crescere ed adeguarsi a ciò che in altre città del nord Italia avviene da decenni.

  19. # pino

    Se prima esistevano quelli con i paraocchi a sinistra adesso abbiamo quelli con i grilli nel cervello e gli occhi accecati. Stanno veramente rendendo difficile vivere questa città ,non si capisce perché creare altri parcheggi a pagamento quando il parcheggio Odeon non è mai pieno, perché riempire intere strade di parcheggi per motorini a discapito delle auto dei residenti ( che hanno pagato la TASSA grillina della lettera) ,Loro erano quelli che prima di fare qualcosa avrebbero interloquito con i cittadini , non mi risulta che abbiano mai chiesto se la cittadinanza riteneva giusto certe scelte. Quando sono stati eletti, i livornesi pensavano che peggio dell’ultima giunta Cosimi non sarebbe stato possibile amministrare a città…… Bravi ci avete smentiti…………

  20. # curzio

    Mi scusi Sig. Lomi, ma io trovo difficile capire dov’è il beneficio di un traffico completamente intasato che ci costringe a stare delle ore con i motori in moto ( con quel che ne consegue). Trovo difficile capire il vantaggio che si avrà con tutte le strisce blu, anche sul viale Italia, tranne una raccolta di denaro che andrà alle casse del comune per solamente il 40%, mentre il rimanente finirà nell’attivo di una ditta privata. Questi mi sembrano, indiscutibilmente, dei dati oggettivi, poi possiamo passare anche a quelli “discutibili”. Per esempio, io abito a Montenero, dove la raccolta porta a porta è in vigore da qualche mese: dopo un pò di sbandamento iniziale, la cosa si era normalizzata: francamente il bilancio non lo vedevo positivo, ma ultimamente la situazione stà degenerando, con le persone che, probabilmente non avendo più i cassonetti di strada, vanno a scaricare nei bidoni a portata di mano…..un vero schifo, pari, se non peggiore, a quanto succedeva con i cassonetti. Vorrei anche precisare una cosa, sono lontanissimo dalle posizioni espresse dal M5S e dal Sindaco Nogarin: ma non sono contrario “per principio” a tutte le loro iniziative e cerco d’essere il più sereno possibile: per esempio, mi piace molto l’idea di una pista ciclabile vera, tipo quella di Sanremo, sul lungomare……Ma accettare tutto senza poter esercitare diritto di critica, proprio non mi và.

  21. # Paola

    Giustissime considerazioni ma, onestamente, il traffico di cui lei parla c’è sempre stato anche 30 anni fa quando accompagnavo le mie figlie a scuola in via della Bassata e andavo a lavorare in piazza Attias (prima) e sugli scali Cerere (poi). Passavo più di mezz’ora in auto per arrivare da Viale Sauro a via della Bassata e poi all’Attias. Un’altra mezz’ora (anche 40 minuti) per tornare a casa all’ora di pranzo e è solo 20 minuti la sera perché lavoravo quasi sempre fino alle 20.00. Mia madre (l’unica che si prestava a guardare le mie figlie) veniva in autobus dalla stazione dovendo cambiare in piazza grande e viceversa. Andare al mare sui bagni è sempre stato un incubo nella nostra città (almeno di sabato e domenica) e, spesso, per trovare parcheggio si era costretto a girare per delle mezz’ore e farsi poi un buon tratto di strada a piedi sotto il solleone. Quindi non vedo tutta questa differenza da prima ad ora…forse lei ricordava male la viabilità di Livorno😊

    1. # Salvo

      Non mi ricordo io che faccio l’autista che dalla ospedale a Fiorentina ci fosse una fila che non finisce più, che dal nuovo mercatino americano a largo bellavista a tutte le ore in fila indiana che dalla camera di commercio ai portuali bloccati che da piazza Damiano Chiesa a via del Risorgimento tutti fermi e questo con le novità di questi fenomeni Grillini. Signora Paola sia obbiettivamente.

  22. # Stefano

    Egr. Ingegnere o Ingegnera come direbbe la Boldrini che lei mi ricorda molto nella sua lettera, mi permetta di dissentire su alcune sue osservazioni. Parto dalla fine del suo messaggio, quella parte riguardante la raccolta differenziata ed il suo problema nello spiegare ai suoi figli la presenza in giardino dei secchi dei rifiuti…ingegnere provi a spiegare Ai suoi figli che si tratta di una questione di civiltà e di rispetto dell’ambiente; ridurre i rifiuti con una raccolta mirata non solo abbatte i costi di smaltimento ma anche riduce l’inquinamento nel mondo che i suoi figli vivranno da adulti e nei quali vivranno i suoi nipoti. Se ha problemi a far giocare i figli tra qualche secchio temendo eventuali malattie le ricordo che nei secchi vanno gli avanzi del cibo, le bottiglie di plastica e i normali rifiuti solidi urbani mentre ethernit e scorie radioattive possono essere ritirare su richiesta e comunque non sarebbero mai dovuti andare nei cassonetti della spazzatura per evitare mutazioni genetiche sullo stile dei Simpson. Per quanto riguarda il traffico in corso Mazzini e via cecconi è un problema di strade piccole e mi creda io ho 44 anni e il traffico l’ho sempre trovato….non credo sia un problema di rotatorie visto che la più vicina è in piazza Mazzini. Vorrei continuare sul discorso degli stalli a pagamento: Ingegnere sono sicuro che lei sia una persona che viaggia per il mondo e concorderà con me che qualsiasi lungomare del mondo civile è a pagamento…magari non lo sarà quello di Chittagong o di Mundra ma le garantisco che a nord di Roma lo si paga ovunque. I nonni, se non possono o vogliono pagare possono tranquillamente venire coi mezzi pubblici o in alternativa potete portare voi i bambini dai nonni. Ingegnere mi creda se questi sono i problemi che lei rileva a livorno si tenga stretto il lavoro che ha e non giri il mondo, le parla una persona che ha studiato in America, vissuto in Cina, est Europa e tante città italiane.
    La saluto cordialmente

    1. # ZenEros saluti non cordiali

      Non si mette in discussione la raccolta differenziata -che peraltro ci paghiamo anche troppo e ci costa lavoro perchè se la fai bene ci vuole tempo, ma il modo in cui logisticamente è stata fatta: non funziona. Alla Scopaia, ad esempio ci sono 30-40 bidoni per strada e a volte strapieni. Poi: perchè a Livorno non si è MAI pagato il posteggio sul mare e solo i geniali seguaci pentastellari grillocasaleggio-pilotati hanno capito che in tutti i lungomare del mondo civile pagano il parcheggio? Per che cosa?Per deprimere l’economia anche dei bagni che finora funzionavano? Se anord di Roma si paga perchè si deve pagare al centro (turistico) di Livorno? L’ingegnere non ha ragione: ha mille ragioni, solo se vogliamo vedere la cosa ideologicamente, allora diamo ragione a prescindere a chi ha capito tutto…

    2. # Simo

      Sig. Stefano, la signora, donna cittadina madre e figlia prima che ingegnere ci ha già spiegato tutto con una semplicità,chiarezza ed eleganza uniche.
      Il porta a porta e i parcheggi a pagamento non hanno niente a che fare con la civiltà. Sono una scelta. Una scelta politica tra altre varie soluzioni possibili . Ci dispiace ma porta a porta e parcheggi a pagamento sono la scelta sbagliata. Non è questo che vogliamo per la qualità della vita della nostra città. Ci sono altre soluzioni per il traffico e per la differenziazione dei rifiuti.

  23. # Martina

    Anche io vivo nella stesa zona e incontro gli stessi problemi ..speriamo leggano e ascoltino chi da anni vive e ama Livorno. Va bene il progresso vanno bene le regole va bene tutto ma così stiamo cadendo nel ridicolo

  24. # Vai vai

    La signora ha perfettamente ragione…il resto sono tutte idiozie,paragoni con altre città che hanno problemi diversi, riferimenti al lavoro della signora, Livorno era bella da vivere ma senza lavoro ora è senza lavoro e basta.

  25. # giulio

    E’ incredibile. Una cosa fuori dal mondo. Io penso solo, ed ho tanto tanto tempo per pensare, che tutti i giorni devo fare una fila per tornare a casa che parte dal SEMAFORO DI VIA ORLANDO fino a PIAZZA MAZZINI, tutta una colonna di auto, andare a vedere per credere, ma che ci vadano i giornalisti a documentare questo scempio , questo scandalo.
    Hanno rovinato Livorno. Mai esistita una cosa del genere, MAI. Tutti in fila indiana, 2 rotatorie inutili e fatte male da affrontare, restringimento di carreggiata per guardare sulla destra una pista ciclabile D E S E R T A e larghissima. Ciliegina finale fermata del Bus in Piazza Mazzini dove ancora la carreggiata è a una corsia. E questi pensano a tassare i parcheggi ?

    1. # Cinzia

      Lo sa vero che quelle rotatorie sono un progetto della vecchia amministrazione ? Che una volta approvate e finanziate devono essere attuate? Vedo che non ne è al corrente.

  26. # Santa Monica

    Questi bambini che disegnano file di cassonetti che tipo di problema hanno?poverini

  27. # Cetriolo

    Se tu vuoi una città invivibile solo perché altre città lo sono allora Livorno è per te… Io vorrei che Livorno venisse resa migliore e non mi sembra – ripeto a parer mio – che ciò sia stato fatto da questa amministrazione comunale che ti anticipo ho votato (ma non lo rifarei…).Quello che mi preoccupa maggiormente non sono gli errori che in buona fede sono stati commessi ma quanto dovremo convivere con questi errori. Pensa alla gestione dei parcheggi blu: volendo cambiare fra quanti ANNI potremo rescindere il contratto con la società che li gestisce?

  28. # Marco

    Anch’io Ingegnere non livornese ma ho comprato appartamento in centro avendo un figlio che frequenta il musicale. Ho girato tanto l’italia e il mondo, Livorno è tutto sommato una città più che vivibile ma potrebbe esserlo molto di più ed anche noi siamo frenati nel desiderio di venirci a vivere. Io ad esempio ho preso 2 multe pur aver rispettato alla lettera la segnaletica, per non citare poo la truffa delle strisce bianche usate con e senza lettera, incomprensibile per i turisti ed i non livornesi in genere. L’impressione è che l’amministrazione attuale abbia peggiorato la situazione per il desiderio di voler comunicare il contrario ma comunque qualsiasi colore dovrebbe pensare ed agire con schemi nuovi, magari facendo qualche training a Tel Aviv o Bolzano.. Tieni duro Ingegnere, dobbiamo insegnare ai nostri figli a migliorare il posto dive vivono piuttosto che scappare altrove

  29. # Gabriele Casarosa

    Carissimi,
    ormai mi conoscete tutti a Livorno per “esperto di trafffico”
    Vi prego di non fare analogie con altre realtà per la sosta a pagamento. Il lungomare di Livorno e i suoi bagni sono per i livornesi. La città è ampia e policentrica, l’esigenza di spostamenti auto è incomprimibile.
    La soppressione della corsia di marcia sugli Scali Novi Lena è una questione da Corte dei Conti: costò molti milioni di euro quel raddoppio aperto il 4 marzo 2007 per fluidificare il traffico, ed è stata sostituita con una pista ciclabile non a norma. Posso dimostrare che il parcheggio Odeon è stato concepito in assenza di studi, e come quello le tre rotatorie, il semaforo di viale Nievo e, si, anche tutta l’operazione stalli blu. La mancanza di un piano di mobilità da 20 anni, dico 20, togli qualsiasi legittimità all’operare di una Amministrazione che procede senza studi adeguati e coordinati, ma solo “a slogan”. Questi sono dati obbiettivi e dimostrabili, vi invito ad esprimersi su questa linea e su questa domanda: è normale che una città di 160.000 abbia un ufficio mobilità senza un ingegnere trasporti, decida interventi definitivi ed irreversibili senza piani, destinandò ingenti risorse a peggiorare la qualità della vita dei cittadini impunemente, visto che le linee guida per la redazione dei piani della mobilità, emesse nello scorso agosto, obbligano a ridurre fenomeni di congestione stradale, proprio quella che è stata creata? Le motivazioni di questa situazione sono scritte nel mio libro “la Pubblica Amministrazione nascosta ” ed Albatros. Cordiali saluti a tutti, ing Gabriele Casarosa

    1. # Enrico

      Tutto ciò a cui lei fa riferimento è stato approvato dalla precedente giunta PD. Quando è subentrata l’attuale giunta i lavori del piano del traffico erano ormai già commissionati, ovvero i contratti con le ditte già firmati

  30. # Ragus

    Mi meraviglio come il PD, in quanto partito di opposizione, non intervenga sulle molte situazioni critiche che stanno avvenendo in città,visto che si è sempre dichiarato un partito dei più deboli e dei poveri e a favore dei cittadini,facendo sentire la propria voce….più che altro per sapere come la pensano…

  31. # massimo

    e vorrei aggiungere semafori messi a caso senza una motivazione valida, l’unico utile è quello davanti all’ospedale entrata di via Meridiana. Che senso ha avuto installare il semaforo all ‘incrocio di via del Vigna? è solo un passaggio pedonale,poteva che poteva essere giusto se non esistevano altri due semafori a distanza di cinquanta metri l’uno dall’altro., e nessuno ha mai pensato d’installare un semaforo intelligente davanti ai cimiteri della misericordia, svoltare a sinistra verso barriera margherita è un impresa impossibile, e cosi per quelli che vengono da Nord e devo svoltare a sinistra verso parco levante. Non c’è stato un criterio logico nel piano del traffico e non mi si venga a dire che l ‘installazioni degli stalli blu migliora la sicurezza Quelli bianchi non migliorano allora la sicurezza?

  32. # Laura Banchetti

    Livorno, città facente parte dell’area di crisi complessa dove su 5 persone in età occupazionale 3 sono senza lavoro…forse la governance attuale avrebbe dovuto riflettere più approfonditamente prima di imporre altri i balzelli oltre a quelli già esistenti (imposta sui rifiuti tra le più alte d’Italia, costo dell’acqua pure ecc.ecc)

  33. # Anonimo

    Una bella esca a cui in molti hanno abboccato. Uno spot anti giunta disegnato con sagace populismo da una “virtuale ingegnera” oltretutto, guarda caso, anche mamma sensibile ed amorevole verso i suoi due figli ormai ossessionati dalla raccolta porta a porta al punto tale da disegnare file interminabili di bidoni della spazzatura! Perbacco, qua ci vuole lo psicologo! Per non parlare poi dei rischi che le creature potranno correre avvicinandosi a tali raccoglitori. Una mamma che, naturalmente accompagna i propri figli a scuola e che in tale operazione incontra tutto il resto della città che procede contromano. Gli hanno messo pure la lettera e così i nonni non possono più parcheggiare essendo chiaramente l’auto l’unico mezzo per potersi spostare in una megametropoli come Livorno. Privi di qualsiasi pietà per una famiglia ormai ridotta allo stremo gli hanno pure messo i parcheggi a pagamento sul mare. Proprio quel mare dove loro, guarda caso, trascorrono l’estate, dove hanno il pediatra, e dove passeggiano e dove adesso non andranno più causando un danno enorme a tutte le attività lavorative del circondario. Certo, perchè l’ingegnera, donna di cuore come tutte le mamme livornesi, ha il tatto necessario per preoccuparsi dei problemi altrui ed il pensiero dei poveri gestori dei bagni che a fine stagione si troveranno ridotti sul lastrico la preoccupa al pari della salute dei propri figli. Che dire, una vicenda strappalacrime che indubbiamente meriterebbe una visibilità di più ampio respiro. Perchè non proporla a Barbara d’Urso?

    1. # ZenEros ha abboccato

      La sua anonima ironia cade in un vuoto di contenuti che non entra nelle motivazioni di chi scrive cioè la “virtuale ingegnera” che invece ha ragione anche se fosse virtuale. Io che non sono virtuale le posso solo dire che mi sono pentito amaramente di aver votato per il M5S in quel ballottaggio che mi portò a votare per quello che ritenni il meno peggio. Ora il “menopeggio” staper governare l’Italia, e se governerà come a Livorno… altro che ironia, caro signor Anonimo!

      1. # Anonimo

        Lo spot continua. Dopo la “virtuale ingegnera e madre oppressa” abbiamo il ” virtuale pentito del voto al M5S”. Poveretti! Chissà dove andrete a finire……..

  34. # giuggiola

    “…questa settimana, per la tivù del dolore…” (cit. Nino Frassica)

    1. # ZenEros tv dolorosa

      Barbara D’Urso sindaco? Meglio del Noga di si’uro… (cit. ZenEros)

      1. # giuggiola

        “…oh, ti posso toccà…” (cit. mammt)

        1. # noto

          ottimo!

  35. # Morchia

    Complimenti a tutti i militanti stellati che continuano a difendere l’indifendibile con un’arroganza ed una assenza di contenuti veramente sbalorditivi. Anche voi come questa giunta ci aiutate a capire chi NON votare alle prossime elezioni. Grazie per il contributo

  36. # Enrico

    Quindi lei vuole vivere senza regole e senza impegno civico? Un po’ alla saga delle libertà assolute? I parcheggi si pagano in tutte le città europee! Ognuno si deve gestire la prorpria spazzatura in modo civile responsabile ed attento. Mi pare che livorno stia facendo il minimo del minimo sindacale. Si trasferisca pure e vedrà quanta libertà di fare come le pare… ! Che tristezza queste polemiche inutili e bieche