Cerca nel quotidiano:


Ho sconfitto il Covid dopo 10 giorni in Rianimazione. Grazie a tutti i miei angeli

La testimonianza: "Mi sono sentita davvero coccolata da questi angeli che lavorano in condizioni disumane. In Rianimazione mi hanno fatto ascoltare le canzoni del mio cantante preferito, Renato Zero, che mi rilassava"

Lunedì 29 Marzo 2021 — 18:06

Mediagallery

"Di queste persone ho visto soltanto i loro occhi, ma bastava... perché da lì si vede bene il loro grande cuore. Grazie infinite siete persone straordinarie, bravissime, professionali, umane, non vi dimenticherò mai!"

Riceviamo e pubblichiamo, in seguito al consenso informato rilasciato dalla diretta interessata a questa testata, una toccante lettera di speranza, fiducia, amore incondizionato e ringraziamento. Si tratta di una livornese che ha passato quasi un mese in ospedale a causa del Covid. Queste sue righe sono soprattutto per dire grazie a chiunque sia stata vicina a lei in questi difficili momenti. La foto che pubblichiamo in pagina è un’immagine di archivio a cura dell’Ufficio Stampa dell’Usl Toscana Nord Ovest e rappresenta il personale del reparto di Rianimazione impegnato in questa difficile emergenza pandemica.
Ecco il testo integrale della lettera:
“Mi chiamo Elena Mantovani, sono stata colpita da Covid. A causa di questa malattia sono stata ricoverata dal giorno 5 marzo nei reparti Covid e successivamente 10 giorni in Rianimazione. Finalmente sono a casa! Questo mio messaggio è per ringraziare tutto il personale medico e infermieristico per come mi hanno assistito con grande professionalità e soprattutto con tanto affetto. Mi sono sentita davvero coccolata da questi angeli che lavorano in condizioni disumane. In Rianimazione mi hanno fatto ascoltare le canzoni del mio cantante preferito, Renato Zero, che mi rilassava. Di queste persone ho visto soltanto i loro occhi, ma bastava… perché da lì si vede bene il loro grande cuore. Grazie infinite siete persone straordinarie, bravissime, professionali, umane, non vi dimenticherò mai!”.

Riproduzione riservata ©