Cerca nel quotidiano:


I portici di via Grande usati come pista ciclabile

lunedì 26 novembre 2018 17:10

Non lo sapevo ma ho preso atto, in questi ultimi mesi, del cambio di destinazione d’ uso dei portici di via Grande. Infatti vengono usati come pista ciclabile per fare gincana fra i passanti e come parcheggio biciclette. Inoltre, vedo che sono stati destinati alle passeggiate dei cani, specialmente nelle giornate piovose, per far espletare loro i propri bisogni. E deve essere stata molto apprezzata questa destinazione, vista la quantità di deiezioni che restano sul marciapiede nonché le pozze di urina anche davanti ai negozi.
Peccato che queste iniziative non vengano pubblicizzate adeguatamente.  Il progresso dovrebbe essere evidenziato!

Patrizio

Riproduzione riservata ©

14 commenti

 
  1. # Laura

    Descrizione attenta e sagace della triste realtà del degrado cittadino
    Bravo Patrizio sei un grande io

  2. # bobstell

    Ottimo Patrizio, in un commento di alcuni mesi fa, ebbi a sottolineare lo spirito di iniziativa che insiste in città, infatti veniva trattato l’argomento dell’individuazione di nuove piste ciclabili, ed io ebbi a scrivere che da noi usa il fai da te, dove si va a piedi si va anche in bici. Per quanto riguarda l’utilizzo fisiologico dei cani, condivido in pieno quello hai scritto, devo però rimarcare che quello che accade sotto le logge in via Grande , è quasi niente, se confrontato con quanto accade — in modalità conforme alle disposizioni del nostro Signor Sindaco—— al mercato centrale. Ecco una sintesi del regolamento:::::: L’accesso ai cani è consentito se tenuti al guinzaglio,le deiezioni solide devono essere immediatamente rimosse……….. Se traduciamo in temini pratici, possiamo anche interpretare: nelle giornate piovose , il mercato funge da gabinetto per cani…

  3. # floyd

    D’accordo con Patrizio.

  4. # Marco

    I CANI NON DEVONO AVERE ACCESSO AI MERCATI, AI NEGOZI E AI SUPERMERCATI LA SITUAZIONE E’ DEGENERATA IL SUDICIO HA PRESO IL SOPRAVVENTO SULLA RAGIONE E SULLA NORMALITA’

    1. # Roberto

      ciao Marco, io ho un cane, lo tengo pulito, e apprezzo molto quei supermercati che hanno organizzato l’entrata di questi animali con carrelli appositi, forniti di un cestino dove il cane sta chiuso e non può sporcare.
      Per il resto sono d’accordo con te, troppi proprietari di cani sono menefreghisti e indifferenti alla sensibilità di chi non possiede animali e all’importanza delle norme igieniche: va considerato il fatto che i proprietari di cani sono molti e il business perso con la negazione degli ingressi sarebbe elevato, e le soluzioni piuttosto economiche (vecchi carrelli e cestini riutilizzati come dicevo prima) si trovano sempre con un po’ di ragionamento e senza estremizzare e vietare a prescindere.

      1. # bobstell

        per il business alimentiamo il rischio epidemie.

      2. # Marco

        I cani nei carrelli sono un’assurdità anti igienica di orientamento terzomondista che andrebbe solo proibita. La gente il cane lo mette anche nel carrello dove il cestino non c’è e comunque sia il cane quando è al supermercato chi dice che non urini lo stesso anche quando è nel carrello o che la faccia prima quando nel carrello gli illuminati padroni non ce lo hanno ancora messo? Se proibissero l’ingresso dei cani nei supermercati gli illuminati, magnifici, buoni e brillanti padroni cosa farebbero?? morirebbero di fame perchè non fanno più la spesa? No, SEMPLICEMENTE SE NE FAREBBERO UNA RAGIONE ED IL CANINO LO LASCEREBBERO A CASINA.

        1. # fabio1

          ma se li lasci a casina sporcano e danneggiano il divano della stessa casina….

    2. # ciao

      Sinceramente sono più ingiovibili certe persone che toccano prodotti ovunque e non sappiamo il loro stato di pulizia che qualche cane che non tocca nulla.

      1. # Marco

        Di sicuro tra gli ingiovibili ci sono i padroni dei cani che si fanno leccare la faccia le mani e poi toccano la roba esposta..poi il cane non tocca mica nulla no entra nelle pozzanghere di urina per sentire gli odori dei suoi simili e la gente te li infila dentro ai carrelli. Ci vuole più pulizia si ma MENTALE!

  5. # ettoro

    Quindi non si puo’ differenziare proprietari dei cani corretti o no. I cani vanno tenuti tutti fuori dai negozi o centri commerciali. A Livorno città degenere questo non succede perché le mamme dei cani prima facevano piu’ figli: oggi comprano il cane, specie di piccola taglia che é si meno ingrombante ma spesso piu’ nervoso e ingestibile. Di contro spesso sono loro di grossa taglia !

    1. # Marco

      Non esistono proprietari corretti e no, esiste solo l’indecenza di permettere ad una platea di livornesi senza rispetto per gli altri e delle più basilari norme igieniche di portare il cane al supermercato. Il cane non è un’obbligo chi lo prende con se nell’appartamento se ne assume la responsabilità e se non ha altro tempo di portarlo a giro se non quando va a fare la spesa semplicemente ne fa a meno!

    2. # fanno bene in cina

      a capirlo questo discorso.

  6. # namaste

    La gente sta’ diventando menefreghista per la salute dell’ambiente e del prossimo , non si rendono conto del danno che stanno facendo che poi alla lunga si ripercuote anche su loro stessi e non se ne rendono conto .
    Al giorno d’oggi fare il vigile urbano è una vera pacchia , beati loro !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.