Cerca nel quotidiano:


“Il sindaco risponde” su tram elettrici e aree per cani

Ecco le risposte del 31 marzo a due delle lettere selezionate fra le tantissime arrivate alla nostra redazione

Venerdì 31 Marzo 2017 — 07:48

Mediagallery

E’ iniziata il 3 marzo, con le risposte a due delle lettere selezionate fra le tantissime arrivate alla nostra redazione, la rubrica a cadenza quindicinale “Il sindaco risponde”. Riportiamo per ognuna la risposta di Nogarin. Ecco le risposte di venerdì 31 marzo. Potete inviare le vostre domande all’indirizzo [email protected] indicando nome, cognome e numero di telefono.

La prima risposa del 31 marzo (idea “tram elettrici” in città) –  Buongiorno Massimo, innanzi tutto mi lasci dire che la sua idea di ripristinare i tram elettrici è suggestiva e interessante (leggi qui la lettera inviata dal lettore). Purtroppo però bisogna per prima cosa fare i conti con l’utenza del servizio di trasporto pubblico locale attuale, per determinare la sostenibilità o meno di un nuovo mezzo.
Gli investimenti necessari alla realizzazione di una nuova rete infrastrutturale su cui far correre i tram sono infatti molto cospicui e non si può prescindere da studi puntuali.
Al momento, quelli messi a nostra disposizione da ctt ci dicono che i due assi principali di spostamento sono quelli che collegano il mare alla stazione, passando dal centro, e quello che collega il nord e il sud della città correndo lungo la costa.
E’ lì che si concentra l’utenza attuale ed è lì che abbiamo deciso di puntare per creare due linee di trasporto pubblico ad alta mobilità. Si tratta di una piccola rivoluzione, che arriva dopo 18 anni di immobilismo che hanno resto l’offerta del tpl inadeguata a una realtà come Livorno. Invece di diventare una piccola svizzera, come scrive giustamente lei, ci siamo trasformati nella patria dell’automobile. Noi stiamo provando ad invertire la tendenza. Per prima cosa potenziando le linee attuali e introducendo il servizio strategico del taxi a chiamata per coprire le zone a utenza debole.
Abbiamo anche confermato l’introduzione per i mesi estivi dei bus notturni gratuiti, mentre nei prossimi mesi studieremo i nuovi dati di utenza in modo da poter studiare una politica di agevolazione tariffaria a seconda delle fasce di reddito e non solo. L’obiettivo è incentivare i livornesi ad utilizzare i mezzi pubblici e ridurre progressivamente il loro costo per la collettività.
Fatto questo potremo studiare soluzioni più di lungo periodo, tra cui quella di reintrodurre i tram elettrici, magari sfruttando alcune infrastrutture ferroviarie esistenti.

La saluto e la ringrazio per lo spunto.
Filippo Nogarin

La seconda risposta del 31 marzo (aree cani Leccia-Scopaia) –  Buongiorno Giada,  le rispondo con piacere anche se non ho buone notizie per lei: al momento a Livorno ci sono 25 aree di sgambamento cani e non è prevista la realizzazione della ventiseiesima nella zona da lei indicata (clicca qui per leggere la lettera del lettore). Ma questo non significa che non si possa allestire. Se si tratta di un’esigenza del quartiere, la invito a farsi promotrice di una raccolta firme a sostegno della richiesta e sarà cura dell’amministrazione studiare un progetto ad hoc, come cerchiamo di fare ogni volta che possiamo, compatibilmente con una visione coerente della città e con le risorse a disposizione.
La costituzione di un’area sgambamento per cani è tutt’altro che superflua, come sostiene qualcuno. Si tratta al contrario di un modo per valorizzare alcune zone inutilizzate, come quella da lei segnalata, contribuendo allo stesso tempo a mettere ordine in città.
Tutto ciò premesso, la nostra intenzione è quella di ascoltare i bisogni dei vari quartieri. Presto effettuerò una camminata di quartiere proprio alla Leccia-Scopaia e nell’occasione conto di visitare anche l’area tra via Giotto e Collinaia in modo da verificarne lo stato di salute e valutare la possibilità di dare seguito alla sua richiesta.

Nel frattempo la saluto e la ringrazio
Filippo Nogarin

Riproduzione riservata ©

23 commenti

 
  1. # Nicola

    La realtà dei fatti riguardo al tram elettrico è a dir poco ridicola nella nostra città. Ai fini economici non convieneca fatto dato il basso numero di utenti che usano i mezzi pubblici e non siamo certo in dittatura dove si impone l’utilizzo di mezzi soggetti a orari e dove non puoi caricare certo la spesa. La gente ha 3 auto, 3 motorini e così via, questi sono omologatucper circolare e rispettano le norme vigenti sull’inquinamento quindi chi è che prenderebbe il tram? Dal punto di vista ambientale Livorno è una città che non ha bisogno di certi stratagemmi. Dimenticavo, un tram elettrico non assorbe 10 watt e per farlo camminare ci vuole pur sempre una centrale che bruci combustibile…. Per il solare nonostante la propaganda occorrono come minimo altri 30canni di ricerche per renderlo veramente utile. Ad oggi per muovere un tram occorrerebbecuna superficie di pannelli grande come l’intera città e funzionerebbe solo di giorno perchè non accumulabile. Per produrrececper smaltire quei pannelli occorre più energia di quella generata in tutto il corso della loro vita.

  2. # piratatirreno

    25 aree di sgambamento cani…..senza far polemica, vorrei far notare che sarebbe molto più utile, prima di pensare alla creazione della 26esima, creare almeno altrettante aree giochi per bambini. Al momento credo che in città siamo molto lontani, per quanto riguarda le aree giochi per bambini, da questi numeri. Sicuramente ognuno manifesta le proprie esigenze, benissimo…..ma sarebbe confortante sapere che i nostri figli sono considerati almeno alla pari dei nostri figli.
    Mi sembra un discorso logico…..o sbaglio?!

    1. # Al dolce

      Perfettamente d’accordo! E purtroppo spesso i cani non stanno all’interno delle aree di sgambatura. Ci vorrebbero più controlli e padroni più disciplinati.

  3. # 5starsSemprepiudeludenti

    Ci vuole occupazioneee!!A quando i controlli sui falsi separati per abbassare il reddito e occupare case casalp? A quando seri controlli reddito/tenore di vita del 90% dei furbi. Ma possibile che un qualsiasi giorno lavorativo a Livorno ci siano orde di gente a passeggio sul mare? Di cosa vivono? Controllate quelle cose poi tutto il contorno

  4. # Giuseppe

    Forse il Sindaco non sa che oltre a non essere sufficienti le 25 aree per cani, sono anche tenute male,

    mancano zone d’ombra, non ci sono fontanelle per abbeveramento, i sacchi per le deiezioni dei cani non vengono

    sostituiti spesso per cui la puzza invade anche le case circostanti. Tutto questo genera una serie di disagi

    non indifferenti. Nella fattispecie io devo percorrere circa 2 Kilometri a piedi da Via Manasse prima di

    trovare un recinto che possa ospitare il mio cane, perché gli altri sono sempre pieni non solo di cani ma

    anche di gente maleducata con la quale purtroppo devo convivere. Credo proprio che sia il caso di rendere la

    città più vivibile non solo alle persone ma anche ai cani.

    1. # Morchia

      E ci potevi pensare prima di prendere il cane! Tutti vogliono il cane pur abitando in città e poi si lamentano che non ci sono spazi, siamo veramente al paradosso….

  5. # pepe

    sindaco e bisogna pensare a portare lavoro a livorno il resto è poca cosa senza lavoro si fa poco guardi nei paesi vicini vengono a investire sul lavoro e noi si sta a guardare , si pensa a fare rotatorie assurde e semafori allucinanti e strade disastrate sindaco svegliamoci abbiamo fabbriche abbandonate da multinazionali scappate via pensiamo alle cose serie

  6. # ALF

    Ribadisco quanto già detto. Le lettere a cui il Sindaco risponde non possono essere “addomesticate”. Per l’amor del cielo, i problemi suesposti hanno la loro valenza. Si è chiesto il Sindaco, come mai, per le ultime due lettere a cui ha risposto ha ricevuto 8 (dico 8) commenti. Le risposte che si aspettano i cittadini sono su tasse, sicurezza, occupazione, abusivismo, mobilità. Mi sembra di vedere Crozza, che interpretando Renzi, risponde alla posta dei lettori.

  7. # Populista e Leghista

    I dilettanti allo sbaraglio ne stanno sparando un altra e dopo la funivia arriva il tram,intanto con il famoso piano delle linee dell’autobus hanno tagliato 33.000 km di percorrenza,che poi a cosa fatta saranno ancora meno corse per la citta’

    1. # ugo

      quando parlano di trasporto urbano nona fanno i conti con l’oste, cioè CCT, che non è dello stesso colore politico…..anzi

  8. # Paolo

    Ma è mai possibile che per andare sul mare da via Donnini a Piazza Garibaldi, bisogna prendere 2 autobus?
    Quando c’era il filobus si montava sul 5 e si andava fino ad ardenza mare e poi d’estate c’erasempre filobus, l’ 11 che ci portava ad Antignano. Invce d’anda’ avanti, e si va indietro. Perchè la gente non usa piu’ il servizio pubblico? Perchè non c’è, e quando c’è, un passa.
    Con la LAM specialmente direzione Stazione, allora si che ne passa uno dietro l’altro con lo stesso numero. La domanda sorge spontanea: perchè? Perchè chi ha fatto il servizio, ha fatto i conti senza l’oste.
    E’ così, quando si fanno le cose al computer, non si affronta la realtà che è molto diversa da quella stampata sui libri di studio e dai programmi software.

    1. # brad

      che giro faceva l’11? non me lo ricordo… conosce dei siti dove poter vedere i tragitti passati delle linee originarie?

  9. # Fides

    Signor Sindaco,mi perdoni ma le innovazioni mi sembrano più annunciate che reali.Le nuove LAM di fatto altro che non saranno che le vecchie linee 1 e 2..Mancavano e mancano ancora invece servizi veloci e numerosi per l’OSPEDALE CIVILE(che si raggiunge male col mezzo pubblico dal centro e dalle periferie est e sud),la ZONA IMPIANTI SPORTIVI STADIO(dove giornalmente si recano centinaia di persone mal servite dalla linea 5),il NUOVO CENTRO(dove c’è un distretto asl,nuovi insediamenti residenziali e non), il PORTO PASSEGGERI(che invece dovrebbe avere un collegamento diretto da stazione fs a stazione marittima). La risposta per tutto questo non può essere altro che puntare sull’integrazione ferrotranviaria,come peraltro suggerito da lei stesso all’inizio dell’insediamento e come indicato da una recente decisione di Giunta che puntava a riqualificare le stazioni fs di Ardenza e Antignano a scopo urbano.Solo tale integrazione, peraltro economica(essendovi già la linea,i binari e le infrastrutture)consentirebbe di collegare realmente in modo puntuale e veloce i quartieri sud al nuovo centro e alla stazione centrale.Dalla stazione centrale si potrebbe riattivare poi(perchè di questo si tratta,essendovi già la linea),in modo cadenzato e connesso,la linea di collegamento alla stazione s marco e infine alla nuova stazione marittima che mi risulta prevista dal piano regolatore portuale di prossima attivazione.Le città italiane delle nostre dimensioni, anche più piccole, attingono sempre di più a fondi europei per ripensare al proprio trasporto pubblico,rendendolo più veloce ed efficiente,anche Livorno deve andare avanti e farlo pensando anche a medio e lungo termine.

  10. # Paolo

    metro di superficie Antignano-Stazione Marittima, Linee a raggio verso il centro, due circolari: una interma e l’altra esterna. Passaggi ogni 20 minuti di tutte le linee rinforzandoli nelle ore di maggior richiesta.

  11. # marco62

    Ho espresso la mia titubanza circa gli argomenti e le risposte che il Sindaco avrebbe dato con questa iniziativa ancora prima che partisse purtroppo non mi sbagliavo sul web è tutto facile si decide gli argomenti memo scottanti e apparentemente il Sindaco è vicino al cittadino…..ma dove venga nei quartieri a rispondere a voce invece di nascondersi dietro una tastiera troppo facile così…del resto Grillo insegna

  12. # Populista e Leghista

    Sono un autista in pensione dell’ATAM o guidato anche i filobus dal 1970 al 1973 anno che poi furono smantellati pero’ non sapevo che esistessero anche i tram a motore e questo dal momento che i dilettanti allo sbaraglio parlano di tram elettrici

  13. # nulla

    2/due risposte assolutamente piene del nulla.

  14. # Alpassa

    Si si sindaco, continuate a studiare lo studio per poter studiare come studiare lo studio per trovare soluzioni. Nel frattempo che studiate come studiare si rammenti che il tempo stringe e che a breve qualcun altro, che spero il cielo non sia quel che resta della sinistra, dovrà cercare di rimettere in piedi i danni che state facendo ai cittadini. Speriamo che tutto questo studio non partorisca ancora qualche tassa e tassettina tanto per gradire. Mi pare che anche voi come cosimi & c., avete puntato la campagna elettorale anche sulla riapertura della viabilità terra-mare di Piazza Cavour. Ecco datevi una mossa e rispettare il popolo.

  15. # 5stelleunavoltaebasta

    Le solite domande addomesticate e ben lontane dalle vere tematiche che affliggono la città Nogarn comincia a studiare come fare le valigie…..

  16. # Orso

    Ma vi ci ‘onfondete anche …

  17. # Marco

    Leggo alcuni interventi “ci vuole più occupazione” e mi domando dove erano tutti questi critici quando le vecchie giunte hanno fatto scappare imprenditori e fabbriche, o quando chi voleva investire a Livorno lo abbiamo dirottato nel pisano. Questa giunta prova a creare lavoro puntando sul bello che abbiamo e sul turismo, nn ci resta altro ma nn lo vedete in che condizioni siamo?

    1. # marco62

      Caro quasi omonimo hai detto bene: ma non lo vedi in che condizioni ci sta riducendo questa giunta pensi che crei lavoro chiudendo strade, fantasticando con progetti irrealizzabili, vedi la funivia o altri progetti da presa per i fondelli? La giunta precedente sicuramente ha contribuito alla morte di parte della città, ora i cinquestelle (che sono stati votati per migliorare la nostra bella città) contribuiscono a far morire l’altra metà non è cambiato niente anzi i pentastellati ci fregano due volte. Sono solo incompetenti.

  18. # franco

    ma cosa ha detto il Sindaco?????
    hai ragione due risposte piene di nulla, è nova