Cerca nel quotidiano:


Indagine droga. L’avvocato: “Il mio assistito non c’entra”

giovedì 02 giugno 2016 21:54

Mediagallery

In merito all’articolo pubblicato in data 02/06/2016 e relativo all’indagine denominata “Tribuna coperta”, in qualità di difensore di fiducia del signor Yari Tinti preciso che il predetto, ad oggi, non ha ricevuto alcuna comunicazione giudiziaria, nè sottoforma di avviso di garanzia, né, tantomeno, di misure cautelari a suo carico.
Il Tinti, che oltretutto riferisce di non conoscere nessuna delle altre persone arrestate o denunciate a piede libero, in effetti è stato tratto in arresto il 21/03 u.s. e collocato agli arresti domiciliari, ma per una vicenda che lo vede come unico indagato in materia di hashish e per la quale deve essere ancora giudicato.
Avv. Riccardo Melani

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive