Cerca nel quotidiano:


La maleducazione di questo autista Ctt non ha eguali

Mercoledì 3 Agosto 2016 — 10:51

Mediagallery

Desidero far presente ciò che mi è accaduto nella serata di giovedì 28 luglio, quando abbiamo deciso di usufruire del servizio bus gratuito per andare a Effetto Venezia. L’autobus è passato abbastanza in orario intorno alle 20.50 dal Viale della Libertà, ma questo è ciò che è successo: l’autista si fermava solo se qualcuno alla fermata “segnalava” con lo storico braccio di voler salire, procedeva ad una velocità più degna di Imola che di un mezzo pubblico, tra i borbottii preoccupati dei pochi passeggeri a bordo, ha lasciato a terra una coppia di pensionati che erano arrivati alla fermata un secondo (un secondo vero, non figurato). Arrivato in piazza Attias, ha pensato bene di scorciare il percorso e, invece di girare in Corso Amedeo e via Magenta, ha tirato dritto per via Ricasoli, chiaramente senza rallentare. Il display davanti alla vettura indicava “limita piazza Grande”, ma il nostro ligio autista, arrivato alla fermata di via Cairoli, ha spento il motore, le luci e ha aperto tutte le porte.

Alcune persone, con i volti perplessi, sono scese, mentre io e un’altra ragazza gli abbiamo chiesto conferma che avessimo letto bene la destinazione finale. Per tutta risposta, ha sbuffato e ci ha detto: “Ora volete scendere in piazza Grande? Via giù, vi porterò in piazza Grande” e tra alzate di spalle e brontolate varie ha rimesso in moto la vettura e, a tutta birra, ci ha scaricato in via Fiume, lasciando il mezzo intraversato come le macchine. Non pago, è sceso, ha slegato una bicicletta che era appunto parcheggiata davanti alla banca, l’ha caricata sul mezzo e è ripartito a tutta birra. Mi farebbe piacere un commento della dirigenza della CTT.

Riproduzione riservata ©

11 commenti

 
  1. # france

    quando vedi queste cose, invece di ragionare tanto su Quilivorno, devi prendere la targa, il numero di matricola del mezzo e il nome dell’autista.
    Così non serve a nulla.

    1. # P. Giusti

      ha ragione, ma sul momento, ero talmente allibita che mi è mancata la lucidità mentale.

  2. # RobinHùdde

    Boia che ghigna…. chiediamo alla Dirigenza CTT anche perché molti autisti viaggiano col cellulare all’orecchio senza auricolare o in mano per mandare i messaggi. Non si può non farci caso, è una costante.

    1. # Citta Dino

      Verissimo.

  3. # Giovanni

    Secondo me questo e’ un’episodio gravissimo che l’Azienda se fosse seria dovrebbe assolutamente condannare affinche’ non si verifichino piu’ episodi del genere ed assolutamente assurdo, basta leggere il tutto e trarne le dovute conclusioni…il minimo che potrebbe fare l’Azienda sarebbe quella di stillare due righe su questo portale se non altro per scusarsi del comportamento di questo “signore” che a mio avviso non e’ molto incline e portato al suo lavoro.

    Giovanni Guidotti

  4. # asciugati

    Oltre alla maleducazione sembra che dal tipo di guida sia stato un pericolo pubblico in giro per le strade cittadine e Vi sia già andata bene !

  5. # Sergios

    Io fermavo il pullman e chiamavo i carabinieri

  6. # Giova

    ………….E NATURALMENTE L’AZIENDA FINGE DI NON SAPER LEGGERE QUESTA FANTASTICA RUBRICA RISERVATA AI LETTORI ONLINE ED OVVIAMENTE…NON RISPONDE!! BELLA FIGURA!!

  7. # enzo

    tra gli altri disservizi: corse saltate spesso
    corse che passano alle fermate in anticipo, passaggi in volata specie nelle ultime corse della giornta ecc-

  8. # Cocca

    Alcune volte sembra di essere a Le Mans. Guidano come pazzi

  9. # Agatino

    Autisti ma perché viaggiate così forte forse perché non è sufficiente la percorrenza?Ma fregatene la patenti è vostra se ve la tolgono poi l azienda vi tiene a casa senza stipendio. Viaggiate a codice della strada e se saltano le corse pazienza.