Cerca nel quotidiano:


Le proposte dell’AC Livorno all’Amministrazione Comunale per una mobilità più sicura e fluida

Mercoledì 5 Gennaio 2022 — 12:54

Mediagallery

L’Automobile Club di Livorno, con lo spirito di servizio che lo contraddistingue, si è sempre posto nei confronti della Pubblica Amministrazione locale disponibile alla più ampia collaborazione, ponendo a disposizione della città la propria esperienza. Negli anni, con il susseguirsi degli Assessori alla mobilità, abbiamo avuto modo di constatare come alle parole di apprezzamento e di accoglienza dei  nostri suggerimenti molto spesso non ci sia stato seguito. Non essendo noi padroni della verità, non abbiamo la presunzione che le nostre idee siano sempre condivise ma quando viene riscontrata una visione comune, ci si aspetta un’azione conseguente.
L’elenco sarebbe lungo ma alcuni suggerimenti meritano di essere ricordati.

  • Abbiamo fatto notare come siano pericolosi, in ambito urbano, gli incroci con diritto di precedenza a destra, suggerendo di stabilire quale strada intersecante avesse maggiore rilievo ed a questa dare la precedenza  apponendo i dovuti cartelli. Un suggerimento dal costo irrisorio ma con una forte valenza circa la sicurezza.
  • Un altro argomento è la regolamentazione dell’incrocio via Cattaneo, via Caduti del lavoro con via Nazario  Sauro. Un incrocio questo che, pressoché quotidianamente,  annovera un incidente talmente  poca è la chiarezza che si incontra attraversandolo. Un’operazione che  anche questa sarebbe praticabile a costo praticamente zero.
  • L’eliminazione degli attraversamenti pedonali all’altezza di incrocio con obbligo di svolta a destra. E’ impensabile come si possa posizionare un attraversamento sulla destra di un incrocio che obbliga la svolta in quella direzione: l’automobilista guarda a sinistra, parte e finisce per investire il malcapitato pedone. Anche in questo caso, il costo dell’operazione sarebbe impalpabile.
  • Attraversamenti pedonali con semaforo: un esempio per tutti, quello di viale Alfieri all’altezza del poliambulatorio. Due semafori che mostrano la lanterna rossa alle auto anche quando non vi sono pedoni che necessitano di attraversare, provocando code inutili e un conseguente inquinamento evitabile.
  • Pista ciclabile scali Novi Lena e piazza Mazzini. Un tracciato del genere è inaccettabile perchè provoca, con la colpevole collaborazione della rotatoria antistante l’istituto Nautico e il restringimento al ponte della Trinità,  ingorghi quotidiani impossibili da sopportare sotto tutti i punti di vista. Si professa sempre più spesso una politica ‘green’ in tema di mobilità e poi si fanno bruciare centinaia di litri di carburante perché non si vuole accettare che il quel punto presenti gravi errori di progettazione. Non conta chi li abbia commessi, ma chi non corre ai ripari avendo la possibilità di farlo, diventa altrettanto complice. Anche in questo caso,  abbiamo fornito suggerimenti di miglioramento, il cui costo non impatterebbe sui bilanci in modo significativo: ripristinare le due corsie per le auto è ad oggi imprescindibile .
  • Onda verde per i mezzi di soccorso in avvicinamento al Pronto Soccorso, anche in considerazione della scelta dell’Amministrazione di mantenere l’ospedale nel centro città (al contrario di molte altre città della toscana vedi Pisa, Lucca, Pistoia, ecc..). Un’ambulanza che percorre i viali, non ha importanza in quale senso se da nord o da sud, trova nell’avvicinarsi al nosocomio una quantità di semafori che ne ostacolano il raggiungimento. Soste che in caso di alcune emergenze possono risultare determinanti per salvare vite. I semafori dovrebbero, a parere dell’ACI, avere un sistema che fornisca lanterna verde all’ambulanza in avvicinamento. Meglio ancora, sarebbe che i semafori avessero  un  cartello a messaggio variabile con la dicitura “mezzo di soccorso in avvicinamento”.
  • Ingressi sulla Variante Aurelia: abbiamo suggerito di installare, all’altezza dei vari ingressi, una segnaletica che avvisi di eventuali incolonnamenti, suggerendo di non imboccarla se questa risulta in quel momento  congestionata da un incidente. Per troppe volte l’utenza è rimasta intrappolata per ore, con code facilmente evitabili.
  • Risistemazione della segnaletica turistica: troppi sono ancora i cartelli illeggibili e di difficile interpretazione. Un dubbio e un’incertezza provocati in una manovra sono spesso causa di incidente.
  • L’abbandono della politica perseguita da anni nel rendere la viabilità sempre più caotica, illogica, nella visione utopistica di incoraggiare gli utenti della strada a convertirsi all’uso della bicicletta. Potrebbe essere una bella idea  ma l’utopia non si attaglia alle persone che lavorano e che non potrebbero, pur volendolo, usare il velocipede per ovvi motivi di spostamento e logistica. La struttura della nostra città comporta lo spostamento nord-sud e viceversa, con tempi di percorrenza impossibili che impattano sul tessuto economico e causano il trasloco  dell’imprenditoria verso altri lidi.
  • Si parla molto dell’uso del mezzo pubblico ma ad oggi non c’è un autobus che conduca in modo comodo a Parco di Levante, come non vi è un collegamento diretto per le Fonti del Corallo.
  • Abbiamo anche interessato l’ attuale assessore alla mobilità sulla carenza di parcheggi in via March, divenuta un polo sanitario e non, di notevole rilevanza.
  • In ultimo, vogliamo ricordare il progetto pista ciclabile sul viale di Antignano, sperando che magari per questo ci sia un ripensamento e che il viale finisca per essere fruibile anche a livello turistico. Senza dimenticare che quest’ultimo rimane una delle uniche due vie di ingresso alla città.
  • Nel Settembre 2021, abbiamo coinvolto l’Amministrazione in un progetto per l’insegnamento della guida sicura dedicato ai ragazzi di età compresa tra 16/18 anni. Ancora oggi però non siamo riusciti a partire in maniera effettiva con i corsi, non  certo per nostra volontà.

L’AC Livorno si augura che questa Amministrazione cambi passo e che prenda urgentemente alcuni dei provvedimenti che ha condiviso con l’Ente.

Automobile Club Livorno

Riproduzione riservata ©