Cerca nel quotidiano:


L’impianto sonoro al semaforo per i non vedenti non funziona. Cosa si aspetta a ripararlo?

Martedì 7 Febbraio 2017 — 11:03

Ho 59 anni, sono divenuto non vedente nel corso degli anni, sono un residente di questa città dal 1990, e dal 1999 risiedo in via Grande angolo via del Giglio. Ho dato a questa città, nell’arco dei miei anni lavorativi, un modesto contributo in qualità di operatore telefonico presso l’Ispetttorato del Lavoro e presso la Banca Toscana di Livorno ora Banca Monte dei Paschi di Siena, anche se ora mi sto doverosamente godendo il mio meritato pensionamento. Da buon cittadino, ho sempre onorato i miei doveri e proprio per questo e non solo, sento di poter chiedere a questa città tramite i suoi amministratori, che i miei diritti, come quelli di tutti gli altri, vengano rispettati e, quando richiesti, abbiano anche un conseguente e doveroso tangibile riscontro. Preciso, che quanto sopra, comunque, dovrebbe già essere tale, indipendentemente dal colore che sventola sulla soglia della sede del comune. Inoltre, e termino questa mia doverosa premessa, ritengo che così facendo, non si fa altro che incentivare sempre più le persone ad allontanarsi disgustati dalla vita politica, piuttosto che indurle ad un avvicinamento.
Pertanto, non serve che ci si accusi di essere apolitici, se non si fa nulla o quasi, per rispettarci come cittadini, indipendentemente se partecipanti o meno alla vita politica, anche se il diritto e dovere di esercitare il proprio voto quando necessita, lo esercitiamo, eccome che lo esercitiamo anzi.
Era il 18 dicembre 2016 quando ho avuto la bella idea di mettere nero su bianco come si dice, perché contrariamente ad altre volte precedenti negli anni, non ho avuto riscontro pratico alle mie segnalazioni che di solito faccio telefonicamente, presso il comando dei vigili urbani di Livorno, che è la sede preposta per le segnalazioni del mal funzionamento del semaforo sonoro pedonale situato in via Grande angolo via del Giglio e angolo via della Madonna.
Questo perché, fin dal mese di Novembre 2016, nonostante ho provveduto come sempre a telefonare ben tre volte lasciando nome, cognome e riferimento telefonico, a distanza di settimane una dall’altra , non è stato preso nessun provvedimento, come invece era già stato fatto sempre in passato. Pertanto essendo trascorso troppo tempo dai primi di novembre al 18 dicembre 2016, ho preso carta e penna come suol dirsi e ho inviato una e-mail a ben due indirizzi elettronici pubblici del nostro sindaco attuale, Filippo Nogarin.
Il 13 gennaio 2017, non avendo avuto nessun riscontro di sorta, ho avuto occasione e modo di interloquire telefonicamente con lo stesso sindaco, Filippo Nogarin il quale, molto gentilmente, con eccellente disponibilità e serena e cordiale gentilezza, si è offerto di intercedere personalmente presso i vigili urbani o la ditta preposta, affinché venisse ripristinato il segnale sonoro del semaforo, che da novembre suona solo dal lato di via della Madonna e non più da quello di via del Giglio dove io abito.
Quindi per me, questo da parte del sindaco, proprio per questa sua inaspettata scelta, è come se avesse risposto alla mia mail, anche se di fatto questo non è avvenuto.
Anche perchè con la mail avevo colto l’occasione del guasto al semaforo, per porre allo stesso alcuni interrogativi che da tempo non avevano trovato riscontro, seppure le stesse notizie erano state pubblicate e dette dallo stesso sindaco in persona, proprio su QuiLivorno, quindi non nascondo che l’amarezza è ancora più grande se penso che a tutt’oggi che scrivo nuovamente sull’oggetto, credo che la mia mail non sia stata ancora letta.
Successivamente ho avuto altra occasione di rammentare al sindaco il problema in generale e sinteticamente su Facebook, commentando e rispondendo ad alcuni suoi post pubblicati sulla pagina ufficiale del sindaco di Livorno Filippo Nogarin.
Ma visto che ad oggi comunque il problema è sempre più presente e irrisolto, ho deciso in fine di rivolgermi alla cittadinanza tutta, tramite il suo principale mezzo di comunicazione che è QuiLivorno, che leggo giornalmente dal mio iPhone con l’ausilio di Voice Over, sintesi parlante a bordo dello stesso e che ringrazio pubblicamente.
Morale della favola, dalla fine di ottobre inizio Novembre 2016 a tutt’oggi il semaforo sonoro di via Grande angolo via del Giglio e via della Madonna, è ancora funzionante a metà servizio, con conseguente continuo pericolo costante, per tutti nessuno escluso.

Luigi Loglisci

Riproduzione riservata ©