Cerca nel quotidiano:


Niente cani nel parco. Salta l’evento nel quartiere

Con grande rammarico ci è toccato comunicare che l'iniziativa in programma per sabato 22 ottobre con l'unità cinofila dei vigili del fuoco di Livorno al Parco G. Masini (continua)

Sabato 22 Ottobre 2016 — 17:32

Mediagallery

Con grande rammarico ci è toccato comunicare che l’iniziativa in programma per sabato 22 ottobre con l’unità cinofila dei vigili del fuoco di Livorno al Parco G. Masini, di via del Risorgimento, è stata annullata La motivazione sta nel fatto che nel suddetto parco è vietato l’ingresso ai cani: questa motivazione ci è stata comunicata nel pomeriggio di venerdì 21 ottobre. Riteniamo questa decisione vergognosa ed umiliante per tutti i cittadini ed i bambini del rione. Vi raccontiamo come sono andati i fatti: i primi di ottobre abbiamo convocato il consigliere comunale (di professione vigile del fuoco) al Parco G. Masini per chiedere e farsi dare indicazioni su come poter svolgere questo tipo di iniziativa nel parco. Con grande disponibilità ci ha spiegato tutti i passaggi formali da fare con il comando dei vigili del fuoco e il responsabile dell’unità cinofila. Ci siamo da subito adoperati nel consegnare richiesta scritta e protocollata al comando.
Dopo qualche giorno da parte del comando ci è stato riferito che la domanda doveva essere fatta da una associazione riconosciuta, cosi abbiamo rifatto la domanda a nome di una associazione attiva da anni e regolarmente registrata all’ufficio dell’entrate e abbiamo riconsegnato il tutto.
Dal responsabile dell’unità cinofila ci veniva accordato “l’ok”, anzi ci veniva chiesto di poter delimitare l’area dove i cani avrebbero svolto l’esercitazione. In comune accordo abbiamo deciso che i cani avrebbero fatto la loro esercitazione all’interno del campo da basket, completamente recintato e separato dal parco (in comune hanno solo l’ingresso). Dal Comune non abbiamo mai avuto nessuna notizia. Giovedì 20 ottobre il Comune si fa vivo e ci chiede una mail dettagliata su cosa volevamo fare in quella giornata, mandiamo immediatamente la mail con scritto che all’interno del parco non ci sarebbe stato alcunché (gazebi, tavoli, sedie) e che i cani avrebbero svolto il loro lavoro all’interno del campo da basket. Venerdì 21 la notizia che il Comune non autorizza l’ingresso ai cani al parco G. Masini anche per pochi centimetri che li separa dal campo da basket. Noi rispondiamo che secondo noi i cani dei vigili del fuoco cosi come altri cani hanno il brevetto per accedere ad ogni luogo, anche nelle scuole è vietato portare i cani, eppure entrano i cani poliziotto. Niente da fare l’ufficio parchi e il Comune non sentono discorsi, l’iniziativa non si può fare. A questa risposta non ci stiamo, non ci facciamo prendere in giro: se il parco non andava bene lo potevano dire 20 giorni fa e non solo all’ultimo momento. Ci dispiace per le persone che sono venute con i bambini al parco, come coordinamento siamo stati ugualmente presenti, per spiegare e far vedere i documenti presentati. Sottolineiamo che da questo polverone escludiamo i vigili del fuoco che si sono resi disponibili, a loro va tutto il rispetto e la nostra stima.

Coordinamento di Quartiere Colline

Riproduzione riservata ©

30 commenti

 
  1. # Alino

    Ma il cartello all’ingresso che vieta l’ingresso ai cani non lo avevate visto?

    1. # fabio1

      ma, hai letto l’articolo? se i fatti si sono svolti come descritto al momento del sopralluogo lo stesso consigliere avrebbe dovuto negare l’autorizzazione. Comunque non si tratta di una passeggiata al parco con dei cani, ma di una rappresentazione con dei cani dei VVFF.

  2. # la formica

    ma chi è il coordinamento di quartiere colline? Questo e il primo quesito; il secondo è il Comune; il quale sta facendo andare in disfacimento il parco suddetto e mi fa specie che si sia comportato così,come è spiegato; cioè in malo modo.
    Deduco quindi che due realtà, il coordinamento e questo Comune; molto discutibili e scoordinate, siano “fantasmi” ?

  3. # Franco Franco

    I cani sono padroni di tutto?

  4. # Stefania

    Ma i cani di pubblica utilita’ come quelli dei Vigili del Fuoco ( vedi anche quelli per i non vedenti o di soccorso in mare) hanno dei diritti diversi dai comuni parenti presenti nelle nostre famiglie….. Mi pare una decisione assolutamente assurda.

  5. # Nerd

    Oltre che al parco l’ingresso ai cani dovrebbe essere vietato anche nei centri commerciali,è veramente un indecenza vedere tutti quegli animali che abbaiano nelle gallerie commerciali,vengono fatti sedere sulle panchine concepite per le persone e tutti fanno finta di nulla nel far rispettare le regole più elementari. Ma possibile che non si arrivi a capire che tra due specie diverse non può esserci totale condivisione? Per lasciar pazio ai cani si sacrificano i nostri figlioli e non mi sembra regolare. Porti il bimbo al parco e c’è pieno di cani sciolti con i padroni pronti a dire tanto è buono,ma intanto con le zampe motose ha sporcato i vestiti di mio figlio,poi tanto è buono e stava per rifilare un morso….ma sai povera bestia,per lui quello è il suo territorio. Se questa è la realtà che contraddistingue i tempi moderni è grave,abbiamo fatto dei passi indietro per assecondare persone che non capiscono che fanno del male ai loro cani portandoli in luoghi poco vocati a loro e mancano di rispetto agli altri che non ritengono cosa così amabile l’odore di cane,i peli sui carrelli,la pipì sugli scaffali del supermercato,la coda a pelo lungo che si strofina sugli abiti esposti nei negozi che noi dovremmo poi comprare. Sarebbe opportuno ritornare con i piedi per terra e valutare razionalmente quale sia la soglia di rispetto e di igiene. Proporrei di inviare alle A.S.L. competenti le foto di cani in luoghi inopportuni,privi di museruola e che visibilmente infrangono le più elementari norme igieniche,probabilmente sarebbe più utile alla collettivita questo tipo di foto che quelle delle macchine parcheggiate male.

    1. # piratatirreno

      Molto probabilmente non sei livornese….visto l’alto quoziente intellettivo che si deduce dalla lettera (Questo vuol essere un complimento).
      Completamente d’accordo! !! Ma secondo te lo capiscono??!!

    2. # luca

      dove l hai viste torme di cani che abbaiano nei centri commerciali?
      un po meno tv e piu passeggiate sarebbe meglio.
      p.s.: concordo che i cani non devono salire sulle panchine…………….idem i finti bulli/ bulletti con i piedi

      1. # Nerd

        Luca,sa benissimo che in uno spazio pubblico come questo non è corretto fare nomi di strutture private. Le dico solo che ci lavoro e la situazione è assolutamente sfuggita dal controllo,le lamentele sono moltissime,poi mi sembra scritto chiaro che i cani devono avere obbligatoriamente la museruola,invece fanno passeggiare indisturbati bestioni grandi come vitelli. Riguardo alle code con le feci incastonate e lo strofinio sui capi di abbigliamento gli farei vedere dei filmati molto interessanti come quelli che mettono il muso nel banco frigo. Se non si rimette i paletti è caos totale e chi ritiene che io abbia ragione ha tutto il diritto di segnalare tutti gli episodi di incompatibilità della presenza canina in luoghi assolutamente poco consoni agli animali. Venga nel centro commerciale che preferisce di sabato verso le 17 e poi lo sente il coro di abbai,la pipì in terra che il proprietario goffamente strofina sul pavimento con dei pezzi di carta. Se questo è il futuro ed il rispetto per le persone invito lei ad uscire di più e di verificare se fuori livorno si verificano questi episodi. Nella regione Piemonte l’USL ha proibito l’ingresso dei cani nei centri commerciali per questioni igieniche scavalcando le ordinanze dei vari comuni che con grande leggerezza permettano questo. Io che lavoro con gli alimenti sigillati devo avere ugualmente il corso H.A.C.C.P. e garantisco che mi chiedo chi abbia potuto permettere l’ingresso dei cani quando chi svolge il mio mestiere deve seguire dei canoni rigorosissimi,basta errare il colore di un guanto per essere licenziati in tronco e il cane invece mette il muso nel frigo dopo averlo messo nella terra (tetano,tenia,bricellosi e altre gravi forme di malattie) urina e feci canine (echinococcosi che può portare alla morte umana anche dopo anni).

    3. # VERGOGNA

      ma cosa c’entra? ma soprattutto, perché commentare a tuo favore? stiamo parlando di cani che un giorno potrebbero salvare la vita a te o ai tuoi cari… commenti penosi davvero.

      1. # floyd

        E dei cani che sbranano i bambini? Ne vogliamo parlare o glissiamo come al solito?

  6. # Julia Fox

    Sarebbe interessante sapere il motivo del diniego del comune. Ad esempio, il permesso è stato richiesto nei tempi dovuti?

  7. # LucaD

    Questo Comitato “convoca” un consigliere comunale che fa il vigile del fuoco per farsi “aiutare” nell’iniziativa. Invece avrebbero dovuto ben piu’ correttamente presentarsi negli uffici del comando dei VVFF e negli uffici competenti del Comune. Hanno preferito la scorciatoia delle “conoscenze politiche” e ben gli sta.

    1. # piratatirreno

      Detto questo però. … (mio commento precedente), è anche vero che cani speciali (vv.f, polizia, ecc..) che hanno ricevuto un addestramento molto particolare e sono sempre a fianco del proprio addestratore, non devono essere conaiderati come i nostri piccoli amici a quattro zampe “da appartamento”!!!

      1. # LucaD

        Concordo con lei ma il punto non sono i nostri amici a quattro zampe ma la presunzione di trovare scorciatoie per non rispettare le regole. Valeva prima e vale anche ora. Sembra addirittura che questo “Comitato” si sia rivolto al Vicesindaco usando la sua pagina di Fb. A Livorno si dice “roba da torta”! (senza offesa per la torta ovviamente)

    2. # mery

      completamente d’accordo: chiedono un’autorizzazione via facebook al vicesindaco invece di rivolgersi all’ufficio

  8. # Carla

    Fuori i cani da Livorno!

    1. # RobinHùdde

      …che commento odioso… qualunquista e disfattista, complimenti per le sinapsi che funzionano bene!

  9. # snoopy

    il divieto dovrebbe essere esteso a tutti i parchi per bambini.

    1. # piratatirreno

      Cimpletamente d’accordo! !!! …..e non solo….

  10. # elena meniconi

    siamo veramente arrivati alla frutta. in questa città è arrivata da un po’ di tempo una vera e propria caccia alle streghe. Cioè ai cani, cani che salvano la vita, entrano nelle scuole e negli ospedali, fanno compagnia a persone sole e non possono entrare in un parco?

  11. # Franco. Franco

    Per un cane che salva ce ne sono diecimila che mordono e lasciano cacca!

    1. # VERGOGNA

      Non sono i cani a “lasciare la cacca”, bensì i padroni, gli stessi che lasciano cartacce ovunque nello stesso parco. Se vi capita passateci dal parco delle meraviglie di Viale del Risorgimento, potrete trovarvi spazzatura di ogni genere. Lo stesso ovviamente accade nei pressi dei cassonetti proprio davanti ai giardinetti, dove ci sono rifiuti di ogni genere abbandonati per strada, davanti tra l’altro alle scuole. Anche quella colpa dei cani?

  12. # ipocrisialchilo

    della serie fai del bene e dimenticalo……………probabilmente quelli che sulle panchine ci appoggiano i piedi, lasciano i bimbi liberi per spetegolezzare su quelle che non sono presenti etc etc.E’ bello osservare tanti perbenisti/e nei parchi.
    dimenticavo, quella che fino a 2 minuti prima era il soggetto di ogni maldicenza, quando all improvviso è presente, et voilà è diventata la migliore amica( dove leggi parco, puoi sostituire a piacimento scuola, palestra piscina cinema)

  13. # YASH

    per quanto riguarda la manifestazione ,visto l’evento eccezionale, a mio avviso potevano dare il consenso… ….per il resto ( cani sì ,cani no nei parchi ) purtroppo devo ripetere quello che ho già scritto …..Basta cani non ne posso piu’… sono costantemente obbligata a sopportare il loro lamentoso e petulante abbaio, le loro cacche rimosse male ovunque , i loro laghi di piscia puzzolente , i loro peli svolazzanti anche all’interno di negozi alimentari ….. nei parchi pubblici dico NO all entrata dei cani di qualsiasi taglia, anche se al guinzaglio o con museruola . Dico NO ai cani in qualunque ambiente pubblico . Chi decide di prendersi un cane dovrebbe essere obbligato per legge a dimostrare di possedere un terreno di misura proporzionata alla dimensione dell animale , cosi’ da lasciarlo nel suo ambiente più consono alle sue necessità e cioè la natura e non le strade dello shopping o il parco adibito agli esseri umani.

  14. # StefanoL

    Se fosse stato ingresso a pagamento (e il Comune puppava i ‘vaini) vedrai che gli sarebbe andato bene… ci potevi porta’ anco l’elefanti!…

  15. # natoil4luglio

    Come organizzare la festa del “novello” alla sede degli alcolisti anonimi.

  16. # Elena Meniconi

    posso sapere quale e la differenza fra organizzare una manifestazione per cani al interno ( palasport ) o esterno ( parco )?

  17. # Giuseppe

    Volevo ringraziare il Comune per aver permesso l’accesso ai cani nel nuovo parco inaugurato di recente a Coteto. Naturalmente non sono mancate le critiche, sebbene mi sia comportato civilmente visitando il parco con il mio cane. Questo significa solo che tanta gente non li ha simpatici. VE NE DOVRETE FARE UNA RAGIONE!

  18. # renzo ardemagni

    L’affermazione che i cani poliziotti entrano nelle scuole, si poteva evitare. Nelle scuole, i poliziotti entrano anche armati.Cosa vuol dire?