Cerca nel quotidiano:


Noi, lavoratori del Pascoli siamo tutto questo

sabato 20 ottobre 2018 11:46

Mediagallery

Siamo quelli che accogliamo con amore una stagione della vita fatta di braccia coperte da golfini anche quando fa caldo e i giovani sfoggiano i loro corpi accaldati; si perché gli anziani hanno spesso freddo,il freddo di un corpo fragile ma anche un freddo dell’anima e della malinconia.
Noi accogliamo occhi tristi e sguardi ancora vivaci quando ricordano i loro tempi, i loro amori.. quando ancora capiscono di poter interessare a qualcuno con le loro parole o quando qualcuno dedica del tempo ad ascoltarli. E accogliamo l’aggressività di chi si è davvero allontanato con la mente e con pazienza ascoltiamo ripetere mille volte la stessa cosa e ci troviamo a ripetere ancora con pazienza mille volte le stesse cose. Noi accogliamo i vostri cari e il vostro amore per loro, unito alle preoccupazioni che vi rattristano e angosciano. Il nostro non è solo un lavoro perché in questo mondo,a volte invisibile, noi ci dimentichiamo ogni giorno dei nostri problemi, degli stipendi poco adeguati, del fatto che sia Natale o Ferragosto, dei rischi che spesso si corrono in situazioni complicate e accogliamo dolcemente mani tremanti nelle nostre. Ascoltiamo, rassicuriamo, consoliamo. Cerchiamo di portare allegria a una stagione della vita che scivola spesso nella tristezza e di stimolare menti intrappolate nell’oblio. Regaliamo sorrisi, cerchiamo di impegnarli, di scandire per loro il tempo perché si sentano vivi e ancora presenti. Facciamo in modo che possano sentirsi meno soli. E in questo mondo invisibile ci sono persone magiche ovunque.. anche dietro le quinte.
365 giorni l’anno 24 ore su 24. Assistenti sociali, fisioterapisti,operatori socio sanitari, infermieri,animatori, logopedisti, podologi ,personale delle pulizie,addetti alle cucine,operai,addetti alla lavanderia e al guardaroba, volontari, amministrativi, personale di front Office barbiere e parrucchiera. Ognuno con il suo impegno compie il miracolo di far funzionare ogni giorno questo mondo e mantenere un ambiente confortevole e accogliente per i nostri ospiti. Siamo orgogliosi del nostro lavoro e onorati di poterlo fare. Vogliamo continuare a farlo. Qui come fino ad ora, meglio di ora. Non vogliamo che il Pascoli chiusa. Adesso, leggendo queste righe, anche tu fai parte di questo mondo. Qualsiasi cosa tu possa fare, falla!! Unisciti a noi! Si, si tratta dei nostri posti di lavoro ma anche del mantenimento di tutto questo mondo magico che potrà continuare ad accogliere i nostri cari. perché ogni uomo vorrebbe vivere a lungo, ma nessuno desidera invecchiare.
Per questo ognuno di noi appartenente a questo mondo deve rimanere.. perché la vecchiaia possa essere accolta, sostenuta, protetta e diventare per quanto possibile un po’ magica.
Grazie di tutto ciò che potrai e vorrai fare!#giulemanidalpascoli

Marta Donato
Tecnico dell’Animazione Socio Educativa
presso RSA GIOVANNI PASCOLI E VILLA SERENA

Riproduzione riservata ©

20 commenti

 
  1. # viciniallevotazioni

    Infatti non vi conosco ma so benissimo cosa fate come vi comportate. Colgo per l’ennesima volta l’occasione di far capire a questa giunta che certi servizi SONO INTOCCABILI

  2. # Grazia Mannucchi

    Giuste parole. Lieta di aver fatto parte di questo mondo per 10 lunghi anni, amareggiata da queste notizie, al vostro fianco sempre!

  3. # Riggio Salvatore

    Ma in concreto cosa possiamo fare?? Diteci e lo faremo

    1. # Marta Donato

      25 ottobre ore 9 sotto il comune
      Dovete pretendere da citttadini la verità

  4. # Sr Gabriella Gigliucci

    Non voglio che ciò venga meno, il nostro è un mondo che toglie l’ incomodo…ricordate che essere anziani tocca a tutti…non chiudete, lasciate vivere questi anziani…anzi andate a trovarli prima di prendere decisioni pesanti e contro una umanità indifesa

  5. # elit

    Invece di strombazzare il reddito di cittadinanza erogato dalla giunta sarebbe stato meglio fare bene i conti e dare comunque la precedenza al Pascoli. Se lo chiudiamo non siamo una società civile.

  6. # Rita

    Cosa possiamo fare?

    1. # Marta

      25 ottobre ore 9 in comune vi prego dobbiamo essere tanti basta bugie

  7. # Martina

    Mia mamma ha avuto un’esperienza come ospite nel centro diurno ed era malata di Alzheimer. Era giovane e sempre in forze ma comunque malata… nonostante tutto tornava a casa serena e felice. Avrei fatto carte false per vederla così invece è iniziato un calvario tra le strutture private e non è finita bene purtroppo. Forse se avessimo avuto la possibilità di lasciarla lì dentro avrebbe conosciuto sua nipote. Per quel poco che vi ho vissuto grazie…

  8. # Paolo Camelli Coordinatore Uil politiche sociali e sanitarie Area Vasta Nord ovest

    GRAZIE MARTA

  9. # ANDREA

    Una sola parola per voi..GRAZIE

    Una sola parola per questa imbarazzante amministrazione..VERGOGNA !

  10. # Fabio

    Sono vicino a tutto il personale, che possa continuare il suo servizio in questa struttura di estrema importanza per la nostra città.

  11. # Un volontario

    Bellissima lettera,complimenti per il vostro lavoro, come volontario di una associazione spesso vengo al pascoli per portare all’ospedale i pazienti da voi ricoverati per qualche patologia.Durante il viaggio Pascoli Ospedale spesso ci raccontano brevemente la loro storia di vita passata e presente,sono sempre storie tristi che ha volte ci lasciano l’amaro in bocca.Ma ci danno spesso lezioni di vita.Amo fare il volontario e quando mi e’ possibile cerco di aiutarli in tutte le loro richieste con affetto di vero amore.

  12. # Riky

    NO ALLA CHIUSURA DEL PASCOLI URLIAMOLO TUTTI INSIEME …..

  13. # siggino

    Il Pascoli è in buona compagnia altre strutture sono in crisi, questa società dei tagli specialmente nel settore sanitario, vedi diagnostica,ed i tempi negli appuntamenti per visite, analisi etc etc, è la società dove spesso le cose funzionano grazie alla coscienza dei singoli che si impegnano cercando di sopperire alle carenze che ci sovrastano in tutti i campi della vita quotidiana, con tutti i quattrini degli stalli blu, hai voglia di sostenere RSA, mi fermo qui…

  14. # #Bea#

    Faccio parte di questa realtà da poco, ma il poco tempo a mia disposizione è bastato per capire l’importanza che vine riposta negli ospiti per le loro cure e attenzioni, da un gruppo unito e forte che lotta per il proprio lavoro e per i propri diritti.
    Fiera di far parte di voi.

  15. # Livorno sta con il Pascoli

    Chiudere il Pascoli mi sembra la via più facile per togliere il problema , ma la via più violenta per crearne mille di problemi , verso i nostri anziani, sensibili ed indifesi.
    Invece di chiudere,analizzate dove intervenire per ridurre le spese e trasformate un “problema ” in un vanto. Abbiamo sopportato i semafori,le rotatorie,gli stalli blu, L’ALLUVIONE, ma la chiusura del Pascoli NO, questa proprio non ce la farete digerire.

  16. # Patrizia

    Complimenti per la bellissima lettera, scritta con amore. Quell’amore che ogni giorno vi accompagna nel vostro delicato lavoro, in cui una società civile dovrebbe investire risorse a prescindere dalle leggi di mercato e di economia.

  17. # Massimo

    Forse è più importante ristrutturare il pascoli che spendere soldi nelle terme del corallo

  18. # Giova 67

    IN TEMPI BREVI..L’ AMMINISTRAZIONE COMUNALE DOVRÀ TROVARE UNA SOLUZIONE CHE SALVAGUARDI LA STRUTTURA E TUTTI I LAVORATORI COME È GIUSTO CHE SIA…NON È UNA BOTTEGA DA CHIUDERE….MA UNA STRUTTURA DA SALVARE PER TUTELARE ANCHE TUTTI GLI OSPITI CHE CI VIVONO E SI TROVANO LÀ DA ANNI…MA DOVE SIAMO ARRIVATI…..MA NON SI PUÒ …IL PASCOLI DEVE SOPRAVVIVERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive