Cerca nel quotidiano:


Parco della Meloria, come mai i pesca sub non sono ammessi?

Mercoledì 2 Agosto 2017 — 18:39

Mediagallery

Buonasera come noto da pochissimo tempo sono state messe le boe per delimitare il Parco della Meloria. Sul sito parco della Meloria ci sono tutte le indicazioni e le procedure per avere permessi per i residenti di Pisa e Livorno per poter accedere e pescare nel Parco. Ho visto che ci sono moltissime attività professionali e non che possono essere fruite nel parco immersioni subacquee guidate e non sempre in alcune zone del parco ancoraggio e ormeggio, balneazione, pesca professionale cioè con reti, tramagli, palamiti addirittura pesca al riccio in alcune zone ecc ecc con autorizzazione pesca turismo, cioè imbarcazioni che ti portano a pescare in alcune zone del parco con autorizzazioni, pesca sportiva  cioè con canna e lenza  con autorizzazione.
Ma incredibilmente la pesca sub, quella più selettiva (perché il sub vede)  a quale pesce spara non è consentita in alcuna zona mentre altri tipi di pesca professionale e non è consentita.
Ecco io mi domando il motivo di tanta discriminazione, l’impatto del sub nell’ambiente marino  e consentito solo per l’immersioni con le bombole o con le visite guidate con le bombole, mentre in apnea il sub è più impattante?
Secondo me il sub in apnea è silenzioso e meno impattante con l’ambiente marino del sub con bombole. disturba molto meno qualcuno se ha degli argomenti validi mi spieghi la differenza tra un sub in apnea che pesca un pesce di taglia con un pescatore professionista o pesca sportivo che può prendere il pesciolino di 10 grammi e ributtarlo morto in acqua, difatti il pesca sub è molto più selettivo, più ecologico perché non deturpa l’ambiente marino come per esempio le reti a strascico possono deturpare il  fondale, il pesca sub spara a un pesce di una certa taglia e non si sogna di sparare al pesciolino quindi molto selettivo perché questo tipo di pesca sportiva è discriminata nel parco ? mentre tutti gli altri tipi di pesca sono ammessi?
Chi è contro questa disciplina? Che c’è sotto?  Forse il pesca sportivo con canna muove più mercato? Certamente c’è qualcosa che non torna ma è come un muro di gomma , nessuno da spiegazioni nessuno cerca soluzioni il pesca sub non deve pescare nel parco…punto

 Lettera firmata

Riproduzione riservata ©

15 commenti

 
  1. # lev

    Ha ragione! fuori tutti dall’area protetta

    1. # Morchia

      Direi AMP più piccole (dimensioni come l’attuale zona A), divieto di qualunque attività su tutta l’AMP, zone a rotazione. Inutile fare AMP enormi come la nostra che poi sono difficili da controllare. Impariamo dalle nazioni in cui i parchi funzionano.

  2. # michi

    La domanda giusta dovrebbe essere: perché le altre attività di pesca sono permesse?
    Vietare le une e le altre, se è un parco

  3. # Roberto5

    Come volevasi dimostrare. .interesse zero da parte dei circoli di pescasportivi. ..

  4. # Giuseppe

    Il pesce di taglia che tu ammazzi, è anche quello votato per la riproduzione/ripopolamento. Le femmine di spigola piene di uova, le cernie che sono diventate rare, i dentici che non supera il chilo etc. Il danno lo facciamo tutti caro amico.

    1. # Roberto5

      Carissimo amico Giuseppe ..non so se sei pescatore professionale o sportivo …le spigole piene di uova come le orate o qualsiasi altro tipo di pesce sotto o sopra il kilo le prendono tutti. ..I pescssportivi con canna e lenza. .I pescatori professionali…li ammazzano anche loro. ..il fatto è che perché loro possono ammazzare qualsiasi pesce ..piccolo grande pieno di uova eccecc e invece il pesca sub no. ..spiegami il motivo di questa discriminazione e poi ne parliamo. ..quando si fa un commento. .non si fa così a caso. ..si deve avere un’idea chiara. .altrimenti è patetico. .saluti

      1. # Giuseppe

        Forse mi sono spiegato male, oppure ho colto nel segno. Credo che il vero problema sia la coscienza del pescatore che non esiste più. La legge ci impone dei limiti di taglia e di quantità, ma le regole fanno male ai pescatori, come le scarpe strette. Quindi al di la di ogni discriminazione, in qualche modo bisognerà pure proteggere la fauna ittica. Anch’io mi lamento perché non riesco più a pescare una orata che pesa più di 3 etti.
        Allora cosa suggeriresti di fare?

        1. # roberto5

          suggerisco di andarti a vedere una mattina qualunque ai piloti….ci sono sempre pescatori con canna…stai un’ora circa a vedere che pescano …oratine di un’etto di due etti ..piccolissime
          una volta dissi a un pescatore vedendo che aveva preso un”oratina di nemmeno un’etto…la ributta in mare vero?
          sai che mi disse? e ci viene gobba la minestra!!!!!!
          questi non sono pescatori sub….. sono criminali….. purtroppo perchè non c’è un controllo adeguato
          ci sono anche sub che con le bombole pescano in profondità cernie e sun con bombole che spaccano e deturpano il fondale per i datteri veri . che poi vendono a ristoratori compiacenti…sono criminali anche loro sia i sub che i ristoratori…ma ci devono essere controlli… io parlo del pescatore sub serio… come sono io
          che spare e prende solo il consentito …è una pesca come le altre..pesco e li mangio…perchè io non devo pescare in meloria e tutti gli altri si? nessuno da una risposta sensata….perchè non esiste
          solo Morchia ha dato una spiegazione saluti

      2. # Giuseppe

        basterebbe prendere esempio dai nostri vicini francesi. In Corsica ci sono aree protette dove non è ammesso alcun tipo di pesca., ed i controlli sono molto efficienti. Si rischiano multe salatissime ed in alcuni casi più gravi anche l’arresto ed il sequestro delle attrezzature e di tutto il pescato.

        1. # Roberto5

          Ecco Giuseppe adesso sei sulla strada giusta …in Corsica sanno cosa fare. .controllano. .e nelle aree di parco che credo ogni 10 anni vengono cambiate. ..non entra nessuno. ..NESSUNO. ..è diverso. ..o tutti o nessuno. .sai cosa cambiato nel contesto? Moltissimo. ..ma in Italia è così. .come ha detto morchia. .si doveva sacrificare qualcuno. .la dice lunga sull’Italia

    2. # Ilio

      Se il danno. .come dici giustamente tu. .lo facciamo tutti. .perché i pesca sub non possono pescare e gli altri si. ..il danno dei professionisti o dei pescasportivi con canna e lenza pescando le stesse cose facendo lo stesso danno è visto in maniera diversa. .puoi spiegare il perché? Il pesce muore più contento se pescato con rete o lenza?

      1. # michi

        Mi ripeto: se tutti fanno il danno, come ammesso dagli interessati, impediamo a tutti di farlo, non abilitiamo altre persone a farne anche loro

        1. # Roberto5

          Caro Michi purtroppo non hai ben capito la situazione. …la pesca è un’attività sia professionale che sportiva. ..c’è un parco tutti sono abilitati a pescare tranne il pesca sub. ..questo è il problema. .I danni sono altri. ..il rigassificatore. Piazzato li chissà per cosa. .Non è mai stato usato. .hanno deturpato il fondale piazzando tubi interrati nel fondale. ..draghe che scaricano fanghi inquinati nel porto dcaricsndoli poco più in là del parco. .inquinamento del porto davanti alla meloria. .questi sono i danni reali ..le reti a strascico. .ecc ecc comunque sia tutti possono pescare in meloria e il pesca sub no. .E non cambierà nulla

  5. # Morchia

    I pescasub sono fuori dalle AMP per un motivo semplice: qualcuno doveva essere sacrificato (altrimenti che area marina protetta è se ci pescano tutti???) ed è toccato alla categoria che conta meno anche nelle federazioni sportive. Nulla a che vedere con l’ambiente, la finalità di queste AMP, con QUESTI REGOLAMENTI, è solo propaganda politica per avere consensi dagli ambientalisti e sistemazione di amici su nuove poltrone. Chi conosce il mare sa che gestite così servono a poco o nulla. Basti pensare che nell’AMP di Nettuno è ammessa anche la pesca professionale col cianciolo (andate a vedere su youtube che stragi fanno con questa tecnica, altro che pescasub), perché non danneggia la posidonia (così in un ricorso ha scritto il Ministero delle politiche agricole e forestali…). Nessuno studio scientifico sta alla base dell’esclusione della pesca in apnea (in apnea, con le bombole è proibito da anni) rispetto a tutte le altre forme di pesca ammesse.

  6. # roberto5

    fine dei commenti …nessun politico della città ha preso posizione….ignoranza a 1000 su questo argomento
    come fa poi un cittadino a sentirsi parte del sistema? quindi se ne strafrega di tutto e tutti e inizia a non andare più a votare qualsiasi referendum o votazione politica e inizia a fare come gli pare….poi dicono che a Livorno facciamo cosa ci pare …tipo pescare sub anche nelle zone proibite ecc ecc saluti