Cerca nel quotidiano:


Quartieri nord: rischio banlieue?

Giovedì 4 Agosto 2016 — 13:18

Nei quartieri nord di Livorno sono conosciuta, o meglio riconosciuta, come la segretaria del Circolo PD Corea, e sono numerose le chiamate che mi giungono dai residenti nel quartiere, e non solo, per accendere i riflettori politici e pubblici sulle condizioni precarie e le situazioni di totale abbandono nelle quali si trovano costretti a vivere quotidianamente. Ho fatto visita ad anziani (spesso ammalati …) che vivono in palazzoni Casalp privi di una manutenzione ordinaria adeguata a consentire loro una dignitosa quotidianità . L’ultima famiglia – una coppia di ottantenni – dalla quale su invito mi sono recata, mi ha colpito particolarmente . La moglie doveva provvedere all’igiene del marito per mezzo di bottiglie d’acqua calda ( che veniva versata nello spazio doccia… ) a causa di un guasto alla caldaia che Casalp per molto tempo non ha provveduto a riparare. Ho raccolto il disagio di persone vulnerabili, a causa dell’età o per motivi di salute, che sono costrette a barricarsi e ricevere la spesa a casa per paura di rimanere vittime di scippi o incidenti provocati da ciclomotori che sfrecciano nelle piazzette o sui marciapiedi senza controllo . Ho visto famiglie prigioniere in casa propria dopo l’ennesima azione incontrollata e violenta (talvolta a causata della dipendenza da droghe o alcol) del vicino di casa, che occupa abusivamente, e che nonostante le numerose denunce continua imperterrito a terrorizzare il vicinato. In alcuni casi le famiglie di interi blocchi condominiali sono arrivate a raccogliere le firme per richiamare l’attenzione del Presidente Casalp, del Questore e del Sindaco e segnalare i disagi causati dalle attività illecite che quotidianamente si svolgono nel condominio mettendo a rischio la sicurezza degli inquilini ( ovviamente ancora non hanno ricevuto risposte…) Sono entrata in edifici nuovi sfregiati dalle deturpazioni di occupazioni abusive … Segni di dolorose ferite, cicatrici sociali… Nei portoni e nei cortili, mortificati nel decoro, tracce di bivacchi, siringhe e sporcizia. Madri di famiglia mi hanno confidato il loro senso di insicurezza e talvolta la paura che le assale quando sono costrette a lasciare i loro figli in casa per andare a lavorare; donne, che ogni giorno sono costrette a condividere spazi condominiali e di quartiere con una illegalità sfacciata e diffusa. Ho visto parchi pubblici inaugurati da poco totalmente abbandonati al degrado ed all’incuria. Ho ascoltato atterrita racconti di bambini di sei anni costretti a giocare nei giardini pubblici facendo lo slalom fra le siringhe. L’esclusione sociale, in questi luoghi, gioca un ruolo fondamentale nella marginalizzazione delle persone che ci vivono e che, sempre più spesso, sono ostacolate nell’esercizio dei loro diritti di cittadini. Persone dimenticate e abbandonate a loro stesse da una amministrazione che con un colpo di spugna ha cancellato i programmi di riqualificazione urbana ed i progetti di recupero sociale per i quali l’amministrazione targata PD aveva già reperito finanziamenti e stabilito i tempi. Il nuovo distretto socio sanitario e le nuove scuole in Corea, insieme ai piani di recupero di Shangay e Fiorentina avrebbero significativamente trasformato i quartieri nord in ambiti e vivibili quartieri periferici . Invece la miopia di questa amministrazione cinque stelle, l’assenza di politiche abitative, la scarsità di sevizi messi a disposizione e l’incapacità di gestire l’emergenza abitativa stanno condannando questi quartieri ad una illegalità di giorno in giorno più diffusa e ad un sempre più profondo degrado sociale e culturale.
Cristina Lucetti

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!


11 commenti

 
  1. # ex

    E come mai con tutta questa sensibilità delle precedenti Giunte verso i più deboli l’elettorato livornese Vi ha mandato a casa ? Solo per perdita di simpatia ?

  2. # Nedo

    Quel che ha scritto è tutto vero..peccato la denuncia venga però, guarda caso..da un esponente Pd.

  3. # Mario

    La scoperta dell’acqua calda.

  4. # adRIANO

    certo se dobbiamo mantenere oltre 400 profughi in hotel ovvio che per il sociale dei livornesi non c’è niente

    e non dite che paga lo stato perché intanto i soldi li tira fuori il comune e poi si vedrà se rimborsato

  5. # floyd

    Livorno è sempre stata una città prospera, e nei secoli ha resistito a tutto, anche alla pestilenza. Fino a che non è arrivato un certo partito… un partito che tra l’altro ha già la nostalgia del potere, a quanto vedo.

  6. # Giuliano

    Incredibile!!! Proprio i principali artefici di questo degrado e scempio adesso denunciano certe cose. Chi vive e lavora in Corea proprio per ridurre le marginalità e le difficoltà ha spesso trovato in muro nelle passate amministrazioni e in chi guidava il principale partito in città. Facciamolo un bell’incontro pubblico sulle riqualificazioni di Corea e Shangay dove analizziamo i piani di recupero partiti negli anni novanta con i contratti di quartiere, i piani Urban…ma questa signora segretaria del circolo PD di Corea dov’era fino a pochi anni fa? é venuta con la “piena” di Renzi?

  7. # Citta Dino

    Ma certo, come no, le cavallette sono arrivate con Nogarin e invece prima Livorno era il Bengodi!!!
    Io abito in centro e le banlieu sono anche qui, fin dai gloriosi tempi dei primi conflitti in via Terrazzini. Era, mi pare, il 2005 e voi c’eravate e non avete fatto nulla di così significativo. Dubito vi siate anche accorti da allora del degrado, della microcriminalità, degli affitti in nero, della sporcizia e dell’abusivismo.
    Ora vi brucia solo non avere più il potere di prima, ecco tutto.

  8. # alberto franzoni

    perchè prima era meglio ?? fate semplicemente ridere,,,

  9. # Lorenzo65

    I profughi o clandestini poverini che siano, portano denari a privati, cooperative e immobiliaristi. Gli italiani bisognosi invece non fanno pena a nessuno, nemmeno ai loro politici. Anzi a volte rompono anche le scatole alla politica…..

  10. # Eli

    Banlieue cosa vuol dire? Scusate per l ignoranza

  11. # Massimiliano

    Io vado contro corrente perchè a Shangay ci ho abitato e ne ho visto la trasformazione. Le cose nel quartiere sono cambiate e la riqualificazione c’è stata; le vecchie “caserme” sono state abbattute e sono stati costruiti nuovi palazzi peccato che l’inciviltà del livornese è palese nell’icuria e nel menefreghismo di mantenere sano e pulito ciò che non è suo.