Cerca nel quotidiano:


Questo è il biglietto da visita della Venezia per i turisti…

Lunedì 13 Giugno 2016 — 16:38

Mediagallery

Salve, volevo mostrare a tutta la città la situazione di degrado che si è creata nel nostro centro storico dopo l’avvento del porta a porta, questa immagine allegata è lo specchio di tutto il quartiere Venezia. Bella pubblicità per la nostra città visitata dai turisti!?

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # GS

    Peccato che non sia stato dato maggior risalto a questa immagine emblematica di una scelta puramente ideologica, costosa e disastrosa come il porta a porta.

  2. # Federigo II

    Aspetta che arrivi il caldo africano a 40° gradi e , assieme all”immagine , i turisti avranno anche l’odore come ricordo!

    1. # Marco

      Le baraccopoli di calcutta sono più eleganti

  3. # Andrea

    Non bisogna sperare sulla civiltà dei cittadini,se l’amministrazione comunale sceglie questa strada,deve obbligatoriamente controllare gli incivili e multarli..se poi non riesce questo espediente devono ritornare ai vecchi cassonetti e non lasciare questo degrado….

  4. # ross

    Vi ricordate quando a Livorno era pieno di “cenciai”,quella sì che era raccolta differenziata,e ci pagavano anche,ora i “cenciai”li dobbiamo fare noi e si paga pure.
    Ma anche a volerla fare,la differenziata porta a porta,ho letto cosa si deve fare veramente,e scommetto che pochi lo sanno:
    UN BICCHIERE ROTTO NEL CONTENITORE DEL VETRO? La raccolta del vetro è destinata alle sole bottiglie e ai barattoli, prodotti con un tipo di vetro riciclabile che porta impressa la sigla VE. Quindi sì ai contenitori di vetro, ma no a bicchieri e ad altri oggetti, che vanno nell’indifferenziata
    UNO SPECCHIO O UN COCCIO DI CERAMICA NEL CONTENITORE DEL VETRO? Specchi e ceramiche vengono gettati d’istinto nel vetro. Si tratta però di materiali che non è possibile riciclare e devono essere buttati nell’indifferenziata
    GLI SCONTRINI NEL CONTENITORE DELLA CARTA? Si rischia di vanificare il processo di riciclo di interi lotti di carta in quanto sono realizzati con carta chimica (o termica), le cui componenti reagiscono al calore generando problemi. Vale lo stesso per carta da fax e carta carbone: tutte nell’indifferenziata
    CARTA CONTENUTA IN UN SACCHETTO DI PLASTICA NEL CONTENITORE DELLA CARTA? Si potrebbe rovinare il processo di riciclo dell’intero cassonetto. Va sempre buttata la carta in un contenitore di carta e la plastica in uno di plastica. 
    Attenzione, in molte città i condomini o le case che commettono questo errore comune vengono multate salatamente.
    UN CARTONE DELLA PIZZA SPORCO NEL CONTENITORE DELLA CARTA?Si abbassa la qualità della carta riciclata, o in alcuni casi si manda all’aria tutto il processo di una partita di buona carta da riciclo. Se non si riesce a pulirlo per bene, meglio buttarlo nell’indifferenziata
    I TOVAGLIOLI SPORCHI NEL CONTENITORE DELL’INDIFFERENZIATA? Si spreca la possibilità di riciclarli. I fazzoletti sporchi di cibo avanzato vanno gettati nell’umido, perché si decompongono e possono essere riciclati come concime.
    LE PILE SCARICHE NEL CONTENITORE DELL’INDIFFERENZIATA? Le batterie sono inquinanti e altamente pericolose. Contengono infatti sostanze tossiche come nichel, cadmio e piombo che possono finire nel terreno e nelle falde acquifere, rientrando nelle abitazioni dal rubinetto, provocando malattie. Si possono smaltire solo negli appositi punti di raccolta| 
    I VASETTI DELLO YOGURT SPORCHI NEL CONTENITORE DELLA PLASTICA? Ogni contenitore va lavato prima di essere buttato, altrimenti sarà scartato al momento del riciclo perché ne invalida il processo.
    I CONTENITORI DI ALLUMINIO NEL CONTENITORE DELLA PLASTICA?Dipende dal comune: in alcuni casi sono accettati, in altri vanno con il vetro o in sacchi appositi; l’importante è sapere che i fogli di alluminio con i quali si incartano le vivande sono assolutamente riciclabili, purché siano puliti da residui di cibo
    LE BOTTIGLIE DI PLASTICA SCHIACCIATE NEL CONTENITORE DELLA PLASTICA? La macchina selezionatrice potrebbe non riconoscerle. Le bottiglie di plastica occupano spazio: bisogna però appiattirle e non schiacciarle. Non è necessario togliere etichette o altro dalle confezioni, perché questa operazione viene effettuata in discarica.
    L’OLIO NEL LAVANDINO? Errore comune e disastroso. Un litro d’olio rende non potabile circa un milione di litri d’acqua! Va messo in un contenitore ben chiuso e portato in discarica.

    Cioè,dopo aver rigovernato le posate piatti e pentole devo rigovernare anche la spazzatura?