Cerca nel quotidiano:


Rsa Coteto e Rsa Bastia, l’aggiornamento della situazione

A seguito dell’emergenza creata dalla nuova diffusione del Coronavirus all’interno della Rsa ‘Coteto’ e della Rsa ‘Bastia’ di Livorno, il gestore, la cooperativa sociale Elleuno, fa il punto della situazione al 24 ottobre

Domenica 25 Ottobre 2020 — 07:59

A seguito dell’emergenza creata dalla nuova diffusione del Coronavirus all’interno della Rsa ‘Coteto’ e della Rsa ‘Bastia’ di Livorno, il gestore, la cooperativa sociale Elleuno, fa il punto della situazione al 24 ottobre. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato: “Presso l’Rsa Bastia sono presenti 6 ospiti positivi e 7 positivi a bassa carica in attesa di ridefinizione diagnostica, per un totale di 13 (sui 52 ospiti totali). 7 invece sono gli operatori positivi di cui un’infermiera e la responsabile delle attività assistenziali. All’interno della Rsa Coteto ci sono in questo momento 33 ospiti positivi (sui 53 totali); 1 ospite è in attesa di ripetere il tampone. 20 invece sono gli operatori positivi. In accordo con la USL Toscana Nord Ovest, la Rsa Coteto diviene un polo di residenzialità assistenziale intermedia per persone non autosufficienti a bassa intensità assistenziale (setting III). A seguito di tale decisione, nella giornata del 24 ottobre, 6 ospiti risultati positivi e residenti nella Rsa Bastia saranno portati alla Rsa Coteto. Al contrario, 10 anziani negativi saranno trasferiti da Coteto a Bastia dopo l’avvenuta  sanificazione delle stanze. La positività anche degli operatori ha aumentato ulteriormente la complessità organizzativa nella prima fase dell’emergenza a seguito dell’individuazione dei primi positivi e degli esiti dei tamponi su operatori ed ospiti, ma la situazione è stata gestita con tempestività grazie alla disponibilità del personale, alla velocità di azione della cooperativa e all’intesa sinergica con la ASL. In seguito all’esecuzione dei tamponi, in entrambe le strutture sono state create tre aree: una dedicata agli anziani positivi, una riservata agli ospiti negativi ma entrati in contatto con positivi, ed una indirizzata agli ospiti negativi che non hanno avuto contatti con positivi nell’intervallo di tempo dall’esecuzione del tampone all’arrivo degli esiti. In più, alla Rsa Bastia un’area è stata destinata agli ospiti risultati positivi, ma con ‘bassa carica virale’. La copertura dei turni è stata sempre garantita sia nella parte infermieristica che socio-assistenziale, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. Da segnalare che cooperativa sociale Elleuno sta garantendo la presenza di materiale di protezione per i lavoratori (DPI) con camici monouso in Tnt, camici lavabili di categoria 1, camici lavabili di categoria III, maschere FFP2, maschere chirurgiche,visiere di protezione, sovrascarpe, cuffie di protezione. Si sta supplendo all’interno della Rsa Coteto al personale risultato positivo con altro personale interno o individuato da Elleuno e con il supporto diretto di USL Toscana Nord Ovest, si è anche in contatto con altre strutture per poter ulteriormente incrementare il numero degli operatori da mettere a disposizione.
Dal punto di vista delle comunicazioni ai familiari, cooperativa sociale Elleuno, in accordo con USL Toscana Nord Ovest, precisa che le stesse sono iniziate il 23 ottobre appena ricevuti gli esiti di tutti i tamponi e dopo tutte le verifiche del caso. Dalla giornata di martedì 27 ottobre sarà attivato il servizio di videochiamata per mettere in contatto familiari e pazienti. Sarà allestito inoltre uno spazio-ascolto per i parenti stessi per avere informazioni sullo stato di salute dei residenti. Nella giornata di lunedì, alle ore 15 all’esterno della Rsa Coteto, ci sarà un incontro tra i familiari degli ospiti con i referenti della Rsa per fare il punto della situazione. Cooperativa sociale Elleuno fin dall’inizio dell’emergenza si è prontamente attenuta alle disposizioni legislative vigenti, contenute all’interno dei protocolli aziendali edella ASL competente per territorio, oltre che a tutti i provvedimenti emanati in ambito nazionale. Permane in maniera intensa e costante il rapporto con l’USL Toscana Nord Ovest. Elleuno ringrazia il personale delle due residenze livornesi: infermieri, OSS, fisioterapisti, educatori, psicologi, ausiliari e tutti i professionisti che a vario titolo operano sui servizi che da pochi mesi gestisce per la disponibilità dimostrata ad adeguarsi alle procedure, modalità operative di Elleuno e nuovi protocolli. Elleuno in questo nuovo subentro ha ritenuto di intervenire con proprio personale con grande esperienza nell’ambito del coordinamento dei servizi e questo sta permettendo una tempestiva gestione della situazione, grazie anche al rapporto di collaborazione con gli enti preposti”.

Riproduzione riservata ©