Cerca nel quotidiano:


Salvetti: “Livorno? Solo merce di scambio per il centro destra”

martedì 12 Marzo 2019 17:48

Mediagallery

La vecchia politica può mettersi anche la felpa, ma rimane cattiva politica. È quello che viene da pensare leggendo le cronache politiche di questa ore. Il centrodestra toscano sta giocando una partita di poker sulle spalle dei livornesi. La Lega, in un articolo di Repubblica, si è dichiarata disposta a rinunciare alla sua candidata alle prossime elezioni comunali a Livorno, accettando un’alternativa espressa dai suoi alleati, a patto di avere maggiori garanzie sul voto che si terrà a Firenze e Prato. Evidentemente ai vertici nazionali e regionali della Lega non interessa niente di Livorno, se non come merce di scambio per altre realtà ritenute più prestigiose come se nel loro ragionamento esistessero città di serie A e città di serie B. Con amarezza ripensiamo al solito inutile slogan urlato qualche giorno fa da un esponente leghista “prima i livornesi”, evidentemente Livorno per queste persone non viene mai prima. Questo modo di pensare ha già fatto molti danni in passato. Chi vuol bene a Livorno non può accettare simili logiche. Non può accettare che a governarla siano in futuro persone per cui la politica è soltanto un gioco di potere. Quello che sta accadendo è un peccato, perché sarebbe stata per tutti una buona occasione per confrontarsi davvero su quello che serve ai livornesi in carne e ossa (non quelli che Lega e Forza Italia vedono da lontano, chiusi come sono a mercanteggiare nelle loro stanze). Noi nel frattempo continuiamo il nostro percorso di allargamento e aggregazione di forze che hanno idee comuni su una Livorno che con entusiasmo guarda al cambiamento.

Luca Salvetti candidato sindaco centro sinistra

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Federico Barbera

    Mi dispiace di questa prima uscita di Luca Salvetti che è e rimane un caro amico ma che mi sembra si sia fatto prendere un po’ troppo dal prurito polemico. Non so come andrà a finire e vedremo di certo c’è che Forza Italia abbia voluto cercare competenze consolidate e realmente messe in atto nel vissuto nei candidati presi in considerazione. Essendo io tra questi, presi in considerazione, non mi sembra di essere passibile dal sospetto né di totale incompetenza né di essere in odore di vecchia politica. E anche sul metodo di procedere alla designazione del candidato di CD a LIVORNO mi sembra che il PD possa dare poche lezioni sul tema. O no?
    Certo se la coalizione di centro destra si sfaldasse comprendo bene che il mio amico Luca non potrebbe che rallegrarsene.

  2. # Luciano

    Ha perfettamente ragione Luca. Lo si vede sia a Pisa che a Cascina. Le grandi promesse della Lega sono già nel dimenticatoio. A Cascina la Ceccardi è diventata trasparente, non la si vede mai. Tra il segretariato a Salvini e la candidatura alle Europee ha dimostrato quanto le interessino i cittadini Cascinesi. Altro esempio di un consigliere leghista pisano rimane seduto alla commemorazione antifascista in Comune. Bè la Lega lo ha espulso per modo di dire, lui si è unito ad un altro partito di destra e continua ad essere un consigliere in Comune. Questo è il partito che dovrebbe mettere a posto le cose, scusate le poltrone.

  3. # Gino

    Perfettamente concordo con i due interventi,ma per questa ragione il candidato sindaco doveva essere una espressione politica per la realizzazione dei problemi della città,con capacità che vanno al di là anche di quelle dei precedenti sindaci e dell’attuale candidato.Non basta un volto noto, ma competenze e attitudini che facciano fare quel salto di qualità alla città.Non facciamo l’errore che abbiamo imputato agli altri che non hanno messo in campo persone politiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.