Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Pattuglia antidegrado a San Marco

Mercoledì 31 Agosto 2016 — 08:10

La municipale risponde ad un nostro lettore: l'intento della pattuglia è di monitorare e contenere il fenomeno in vista dell'imminente apertura della scuola Micheli. Pattuglia anche in piazza Garibaldi

Dal primo settembre sarà costituita una pattuglia antidegrado della municipale dedicata a piazza XI Maggio e piazza Garibaldi. In piazza XI Maggio (sia lato San Marco che Bartelloni, guarda la fotogallery di Simone Lanari in fondo all’articolo) vengono segnalati soggetti in stato di ebbrezza che bivaccano nei pratini. L’intento è di monitorare e contenere il fenomeno anche nella considerazione dell’imminente apertura della scuola Micheli e del passaggio di molti bambini sulla piazza. In piazza Garibaldi invece i residenti riferiscono elementi di insicurezza urbana dovuta alla presenza di soggetti che pongono in essere comportamenti di inciviltà e contrari al decoro.
Quella della municipale è stato nel complesso un 2016 molto impegnativo sul fronte dei servizi anti degrado. Allontanati camper di rom senza fissa dimora dalla Stazione e accampamenti notturni in via di Franco e Largo Duomo. Questo inverno con servizi mirati furono a più riprese allontanati tre stranieri con cani aggressivi che bivaccavano in area Attias. A primavera sono state attivate pattuglie dalle 6 del mattino per allontanare clochard dalla tettoia di piazza Guerrazzi, da via Grande e Municipio. A luglio è stato effettuato un grosso intervento di antidegrado in area Levante. Ad agosto sono stati mantenuti servizi di controllo nell’area di via della Libertà.

La lettera di Silvia: a San Marco fra bivacchi e degrado – Sindaco, sono un’abitante del quartiere San Marco e vivo adiacente ad una piazza che probabilmente il Comune si è dimenticata che esiste: piazza San Marco. Una piazza al cui centro troneggia la famosa Porta, con lo storico leone, che negli ultimi anni oltre ad essere stata lasciata al degrado è diventata dimora abituale di senza tetto, tossicodipendenti, luogo di scambio di droghe per italiani e stranieri.
La situazione attuale è pressoché fatiscente. Durante il giorno in cima alla scalinata che delimita la circonferenza della piazza bivaccano senza sosta drogati di ogni etnia che senza pudori si drogano pubblicamente di fronte agli sguardi increduli delle persone. Usano gli angoli della piazza come bagni pubblici urinando e defecando all’aperto come animali, l’odore è nauseabondo e con il calore delle giornate estive lo è ancora di più. Lasciano ogni genere di sporcizia in terra e peggio del peggio più di una volta mi sono trovata davanti siringhe con tanto di ago. Al calar della sera vengono sfoderati i sacchi a pelo che di giorno sono accuratamente riposti sui rami di qualche alberello che si giorno sfruttano come riparo dal sole e si coricano per terra come se fossero ad un campeggio.
Attraverso ogni giorno quella piazza con la mia bambina di nemmeno 2 anni. Come usciamo dal portone di casa veniamo investite da quella degradante realtà, dobbiamo stare attente a dove mettere i piedi e camminare veloci perché capita che ubriachi a volte siano anche molesti…
Tra pochi giorni riapriranno le scuole e proprio davanti a questo scempio c è una scuola che ospita bambini di elementari e asilo, che spesso appena usciti si trattengono a giocare nella piazza…quella piazza dove vi sono siringhe, spacciano e si ubriacano. Ogni tanto capita qualche volante della polizia o dei carabinieri quando di fronte a liti interne deve essere ristabilito l’ordine ma con sommo rammarico dopo poco la volante si allontana e tutto ritorna come prima. Che ne dice sindaco? Facciamo qualcosa?

Condividi:

Riproduzione riservata ©