Cerca nel quotidiano:


Sergio Landi: “Matteoli? Nessuno se lo è filato”

giovedì 09 giugno 2016 11:12

Mediagallery

L’intervista del 4 giugno di Matteoli nessuno se l’è filata. Segno dei tempi? Eppure il patron del vecchio centrodestra livornese e  di AN dice cose che  meriterebbero un ragionamento. Non parlo delle attenuanti generiche e specifiche concesse ai 5 Stelle, né dello scivolone sulla Autorità Portuale “non faccio nomi ma dico Guerrieri ex PCI”. Ma del fatto che guardando in casa propria con sincera crudezza vede e non nasconde che Forza Italia non esiste. Dai 16564 voti del 2009 passa ai 2877 del 2015 sparpagliandosi tra neo sostenitori dei 5 Stelle, qualche lista marginale e  l’astensione  (24 mila in più suddivisi a destra e sinistra).

E’ pensabile  ricostituire quel vecchio recinto da sempre minoranza a Livorno ?  basta cambiare il fattore con lo stalliere ?.

Nel 2014 le forze sparse del centrodestra non raggiungevano i 12 mila voti. Eppure a Livorno nel lontano 2009 ci fu un area liberaldemocratica di tutto rispetto che si raccolse con 5000 elettori intorno a Guastalla libraio e uomo di cultura noto oltre la città.

Quel 2009 fu la eco dell’ultima battaglia ideologica (i 5 Stelle non c’erano) prima che cambiasse  il modo di guardare alla politica : i fatti nudi e crudi prima della loro lettura  geopolitica spesso di comodo.

Stare nel presente con la mente volta a ricostruire il passato anche con il più nobile o umano sentimento ( della rivincita) vorrebbe dire non sapere che qui, dal porto al Chioma, il mare è più salato che altrove. E che occorre aguzzare l’ingegno per navigare in mare aperto.

Sergio Landi

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # tuttonuovo

    Il sig. Sergio Landi, ex segretario del PCI negli anni 80 ha aguzzato l’ingegno per sfruttare il vento in poppa della Lega di Salvini per cercare di sedersi su uno strapuntino politico che gli è sfuggito da quando è stato fatto dimettere in quota Pd dal cda degli areoporti di pisa !

  2. # sergio landi

    Il mio incarico all’aeroporto terminò dopo due mandati consecutivi non rinnovabili ai sensi del Codice Civile e Norme sulle Società Quotate.

  3. # Nogarin, dormi tranquillo.

    Siete impagabili, giuro.
    Siete gli unici leghisti d’Italia che piuttosto che trattare i classici argomenti leghisti tipo programma di Del Debbio, parlerebbero più volentieri di curling o della dieta Ducan. L’altro giorno Tamburini e l’incontro nostalgico con Cosimi al circolo del tennis. Oggi questo post che in sostanza parla forse a qualcuno ma non alla gente.

  4. # sergio

    nel 2012 cessai l’incarico all’aeroproto dopo due mandati consecutivi secondo le disposizioni del Codice Civile e Norme Società Quotate…il resto sono punture di spillo di un lettore senza coraggio di metterci la firma.

    1. # traguardo

      Ma il Pd giustamente non gli offrì altri strapuntini di potere e lui allora si spostò nei cinquestelle . Ora finalmente ha trovato quello che cercava da tempo e che gli permetterà di risedersi ! Auguroni !

  5. # frico

    Il Matteoli è ben noto per aver fatto “a mezzino” da sempre con i suoi avversari e aver cercato sempre di fare i propri interessi piuttosto che quelli della città di Livorno. Lo sanno anche i muri che lui ha sempre nominato, quando era al governo, gente di sinistra. Ho sentito alcuni che a Cecina lo chiamano il camerata rosso

  6. # elit

    Però Matteoli non ha mai cambiato partito. Non si può dire lo stesso di landi, la cui credibilità politica e’ molto dubbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive