Cerca nel quotidiano:


Sì ad uno skatepark, le aree non mancano

Giovedì 19 Novembre 2020 — 22:01

Noi siamo del tutto d’accordo con quanto dichiarato a QuiLivorno.it da “Kiss the Rail” circa la necessità che Livorno si doti di un impianto sicuro e certificato per questo sport, praticato da molti e che è venuto assumendo col tempo un’importanza sempre maggiore tanto da fare la sua comparsa alle prossime Olimpiadi. Il “Parco Lenci” non rappresenta però per noi la soluzione idonea non soltanto per l’eccessiva vicinanza alle abitazioni, ma proprio per i motivi di sicurezza ai quali fanno riferimento i rappresentanti di “Kiss the Rail” e dai quali non si può assolutamente prescindere. Un impianto di “skateboard” sarebbe oltremodo pericoloso per i bambini in età prescolare che, numerosi, insieme ai genitori o ai nonni, utilizzano quotidianamente il “Parco giochi” che per loro è stato recentemente allestito nel “Parco Lenci”: una pericolosità che si estenderebbe agli stessi praticanti di questo sport e che è stata considerata dallo stesso legislatore italiano, che dispone la lontananza tra i giochi per i piccoli e le strutture di movimento per i più grandi (vedi le “Linee guida ministeriali alla legge 10/2013”).
A nostro parere a Livorno non mancano aree idonee a soddisfare le necessità di un moderno ed efficiente skatepark, qualcosa capace di divenire un reale polo di attrazione, come giustamente richiesto dai dirigenti di “Kiss the Rail”. Per soddisfare questa necessità noi indichiamo, a titolo esemplificativo, un settore dedicato ai principianti, una struttura per infermeria, un punto ristoro, locali per servizi igienici, spogliatoi per rendere l’impianto idoneo a competizioni sportive, tribunette per il pubblico adeguatamente distanziate dallo skateboard, etc etc. Tutto questo avrebbe anche una  ricaduta economica sulla città. Del resto anche “Kiss the rail” non esclude una diversa possibile ubicazione per la nuova struttura.

Marta Rindi, a nome del Comitato di recente costituzione “Per una Banditella vivibile”

Riproduzione riservata ©