Cerca nel quotidiano:


Sindaco, diciamo no tutti insieme ai coriandoli in plastica non biodegradabili

Martedì 2 Febbraio 2021 — 10:23

Mediagallery

Gentilissimo sindaco, sono Alessio Carnemolla, cittadino e ambientalista livornese. Con la presente vorrei porre l’attenzione su una questione apparentemente innocua, ovvero l’utilizzo dei coriandoli in materiale plastico o misto da parte dei bambini in questo periodo prossimo al carnevale. Sarebbe necessario richiedere il divieto all’utilizzo dei coriandoli in materiale plastico, purtroppo diffusi nella maggior parte delle confezioni in vendita. La carta è facilmente biodegradabile e non reca di per sé danno, tuttavia il materiale applicato ai coriandoli per renderli lucenti è seriamente dannoso. I coriandoli in materiale plastico sono stati banditi in molte città italiane, tra cui Venezia. Lei non crede che sarebbe importante farlo anche a Livorno? Tale materiale può essere ingerito da pesci e uccelli causandone la morte, oppure disperso in mare aggravando il problema delle microplastiche nei cicli biologici che coinvolgono anche noi stessi. Ovviamente i coriandoli, stelle filanti e altri materiali in carta potrebbero tranquillamente essere venduti, si tratta solo di una piccola modifica di cui sicuramente i bambini, come mio figlio di 4 anni, non se ne accorgerebbero. Ho messo in copia alla mail alcune Associazioni come Lipu e Legambiente, che sicuramente avranno ulteriori argomentazioni che giustificano la mia richiesta.

Con la speranza di un suo gentile riscontro le auguro una buona giornata.

Alessio Carnemolla

Riproduzione riservata ©