Cerca nel quotidiano:


Sos degrado dalla Torre di Calafuria

giovedì 25 Luglio 2019 08:39

Mediagallery

Vorrei porre l’accento sulle condizioni in cui versa la Torre di Calafuria: sta crollando a pezzi e nessuno fa niente. Nelle condizioni in cui si trova sarà difficile che passi un altro inverno.

Lettera firmata

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # bravini

    Negli ultimi anni molte città ad anche paesi che hanno strutture storiche hanno sfruttato la legge “Art Bonus” per ristrutturarle mentre il Comune di Livorno l’ha completamente ignorata. Speriamo che la nuova Giunta la utilizzi a cominciare dalla Torre di Calafuria prima che crolli tutto !

    1. # Precisazione

      Va precisato che la Torre di Calafuria non fa parte del patrimonio del Comune, bensì dell’Agenzia del Demanio, quindi appartiene allo Stato

      1. # Federico

        Ok Va bene, allora se è del demanio ce ne infischiamo ? Il Comune solleciti chi di dovere per intervenire quanto prima al suo risanamento.

  2. # PITTARO

    forse è privata ?

  3. # lev

    Proprieta’ Demanio artistico e storico…”ci faremo questo e quello” ma intanto cade a pezzi

  4. # Marco

    Tranquilli, ci pensa SALVETTI…

  5. # mauro

    I livornesi pensano piu’ ai ristoranti e le escursioni a Cuba, chi se ne frega dei beni culturali che andrebbero preservati e cuurati con gelosia? La torre di Calafuria ce n’e’ una sola in tutto il mondo…meditate gente, meditate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.