Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Ci avete preso per mano, grazie a tutto il reparto di Ostetricia e al primario

Lunedì 21 Novembre 2022 — 10:57

La lettera di Stefania e Luca a QuiLivorno.it: "Attorno a noi non c’erano soltanto medici, ostetriche e infermiere, bensì sorelle, mamme, amiche. Sì, perché in quei corridoi aleggia una dote rara, quella di una spontanea, genuina, grande umanità"

La gravidanza è sempre un momento di gioia, una condizione di estasi nella quale la donna trova la piena dimensione di sé e del suo essere tale. Ma non sempre la dolce attesa ha un lieto fine e così anche noi, dopo due meravigliose bambine, ci siamo trovati a dover vivere un dolore tanto grande quanto inaspettato, che ci ha trovato totalmente impreparati. Nel percorso che nostro malgrado siamo stati costretti ad affrontare, abbiamo avuto una grande fortuna: quella di essere accompagnati e guidati dal primario, Prof. Sergio Abate e da tutta l’équipe del Reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale di Livorno. Un gruppo di lavoro solido, competente e professionale, che ci ha letteralmente preso per mano, accompagnandoci fino alle ore più difficili, senza farci mancare sostegno e comprensione. Attorno a noi non c’erano soltanto medici, ostetriche e infermiere, bensì sorelle, mamme, amiche che non ci hanno mai fatto sentire soli, sempre pronte a donarci un sorriso, una carezza, un gesto di affetto nei momenti più difficili. Sì, perché in quei corridoi aleggia una dote rara, quella di una spontanea, genuina, grande umanità. Dimenticare quei giorni non sarà facile, ma sicuramente il reparto del Prof. Abate ci ha permesso di viverli nella maniera più indolore e dolce possibile e per questo gliene siamo infinitamente grati.

Stefania e Luca – Stanza 3, Letto 5

Condividi:

Riproduzione riservata ©