Cerca nel quotidiano:


Succursale Enriques, perché non spostare lo “sportivo” all’ex Atleti?

martedì 04 settembre 2018 16:27

Mediagallery

Mi rivolgo a questa redazione e in particolare al Sindaco della nostra città, per sollevare un problema a mio avviso di grande entità, che necessita di molta cura e attenzione, al fine di arrivare ad una soluzione rapida e utile per il futuro dei nostri figli.
Sono una mamma di una ragazza iscritta al secondo anno del liceo Federigo Enriques, di Livorno, con indirizzo “scienze applicate”.
A conclusione dello scorso anno scolastico, ventilava la possibilità, per alcune sezioni, di essere spostate in una succursale ancora da definire, a causa dell’esubero delle iscrizioni al suddetto Liceo.
Ho nutrito da subito perplessità e preoccupazioni riguardo a questa notizia, poi, avendo appreso che una delle sezioni è proprio quella di mia figlia, sono stata assalita da una profonda delusione.
Capisco bene che il dovere di una preside sia quello di dare istruzione, ma qualcuno deve capire un genitore che, insieme al figlio, in un età particolare, compiono una scelta importante per il futuro, e tale scelta viene effettuata oltre che per il corso di studi offerto, anche per la struttura che andrà ad accogliere lo studente.
Apprendere di doversi spostare, oltretutto in una struttura non propriamente scolastica, con spostamenti durante le lezioni per poter usufruire dei laboratori, è frustrante e per niente piacevole.
Sono abituata a pensare in modo semplice e non conosco certamente le dinamiche che ci sono dietro ad alcune decisioni, ma visto che a mio avviso questi ragazzi sono il futuro del nostro paese, perché non dargli il meglio, investendo sulla loro formazione e cultura?
Passeggiando per Livorno mi è balenata un idea, sicuramente utopistica, ed ora sono qui a proporla: visto che l’esubero delle classi al Liceo Enriques, è scaturito dal boom di iscrizione all’indirizzo sportivo, perché non creare una struttura ad “Hoc” proprio per loro?
La soluzione, a mio avviso, sarebbe la struttura dell’ex Hotel Atleti, in via dei Pensieri, attualmente occupata.
Creare un Liceo sportivo nella suddetta struttura sarebbe la soluzione perfetta, visto che i ragazzi avrebbero a loro disposizione un intero impianto sportivo con piscina, campi da tennis, campi da rugby, palazzetto, palestra di ginnastica artistica nell’adiacente Villa Letizia, nonché un intero impianto per l’atletica.
Investire su un progetto del genere vorrebbe dire creare una vera eccellenza per l’indirizzo sportivo e permetterebbe ai ragazzi di praticare tutti gli sport previsti dal loro corso di studi, senza dover effettuare grandi spostamenti o rientri pomeridiani, e allo stesso tempo permetterebbe agli studenti degli altri indirizzi di svolgere al meglio le lezioni nell’attuale sede.
Ripeto è un’idea partita da una mamma con forte senso pratico e abituata a pensare in modo semplice, ma alcune volte è da un’idea semplice che può nascere un capolavoro.
Sicuramente rimarrà un sogno irrealizzabile, ma visto che partirà un progetto di ristrutturazione in una vecchia sede in via Calafati, perché non spostare i lavori in una struttura più adatta, è una proposta come tante altre, ma mi sono sentita in dovere di farla, perché come ogni genitore voglio il meglio per i miei figli e auspico un futuro pieno di soddisfazioni per loro e a parere mio è dalla scuola che parte tutto.
Cristina Leone

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Giusy

    Signora Cristina, la sua idea mi piace moltissimo e spero proprio che la possano realizzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.