Cerca nel quotidiano:


Torsi: quando la disabilità dipende dalla scelta degli altri

venerdì 31 agosto 2018 21:41

Mediagallery

Gentile redazione, scrivo per cercare di spiegarti quanto sia difficile vivere la disabilità quando sei costretto a sopportare non il peso di una sedia a ruote, quanto le scelte degli altri. Si, diventiamo disabili quando le scelte di una collettività mancano di educazione, buon senso, buona politica. Diventiamo disabili quando le altrui decisioni si trasformano in ostacoli. Credo che si tratti di una elegante forma di violenza, poiché non puoi far altro che subire, non la condizione, ma l’effetto che le azioni degli altri hanno sulla tua vita. Avete un figlio? Immaginate di non poterlo raggiungere perché uno più grande e forte e potente di te ti tiene prigioniero.
In realtà sei sempre un padre ma non puoi raggiungere il figlio amato. Immagina ancora che in tuo aiuto arrivi un altro uomo, padre anch’esso, che invece di liberarti dal potere coercitivo ne alimenta la forza … questa situazione immagina di viverla ogni giorno… la rabbia dell’ impotenza, della ingiustizia alimenta la frustrazione che scoppia quando ti confronti con i concetti di ugaglianza. Inizi a soffocare al solo pensiero che ogni giorno avrai un aguzzino al tuo risveglio che ti impedisce di essere padre per tuo figlio mentre tutti gli altri possono esserlo. Sapere che anche domani , domani, domani sarà così e che l’aguzzino cambia pelle ma non la sua azione.
Soffocanti le parole di promesse vane fatte da uomini che non conoscono la portata di tale violenza perché le loro lacrime sono semplicemente salate. Soffocante non potersi mai “liberare “e finire di pensare che quella è e resta LA condizione di vita possibile… Soffocante sapere che uomini abbiamo la libertà di metterti in catene. Il perpetrare di questo soffocamento finisce per zittire ogni parola… Emarginare, immobilizzare, escludere, soffocare  contrastano con il principio di libertà.

Fabrizio Torsi

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive