Cerca nel quotidiano:


Zona Goito. Nuova segnaletica… vecchi stalli bianchi. Che succede?

mercoledì 19 settembre 2018 17:06

Mediagallery

Mercoledì 19 settembre, come annunciato da giorni da appositi cartelli, noi residenti di via Goito nel tratto tra via Beppe Orlandi e via delle Case Rosse ci aspettavamo la nuova segnaletica.
Ma anziché i tanto discussi stalli blu è stata confermata la “vecchia” segnaletica a strisce bianche. Non è che sia stata una delusione, anzi. Speriamo che sia il risultato di un opportuno ripensamento del progetto del Comune che, a quanto ci risulta, prevedeva la collocazione degli stalli blu su uno dei due lati della carreggiata riservando interamente l’altro (?) agli spazi per i ciclomotori
Ciò comporterebbe o avrebbe comportato un dimezzamento dei posti auto attualmente a disposizione, anzi un “trimezzamento”. Perché risulta che via Goito sia il confine della zona mare regolamentata con gli stalli blu mentre la confinante via Settesanti, dove finora è stato possibile parcheggiare, è destinataria di un’altra lettera e dunque non più usufruibile a noi residenti di via Goito.
Ci aspetteremmo dai competenti uffici comunali un chiarimento su queste questioni con l’auspicio che quella segnaletica bianca sia davvero una revisione del progetto per quanto riguarda via Goito. Se il progetto iniziale corrispondeva alla necessità di rendere meno pericolosa la via Goito allargando la carreggiata, vorremmo ricordare che già dai tempi della Circoscrizione fu avanzata la proposta di istituire il senso unico in via Goito. Sarebbe davvero un problema renderla percorribile al transito in una sola direzione di marcia (ad esempio all’altezza di via Beppe Orlandi) facendo scorrere il traffico in senso inverso in via Borgo San Jacopo Acquaviva, altra strada pericolosa – vedi la curva dopo villa Mimbelli – e anche questa a doppio senso?
Non vogliamo certo rubare il mestiere a nessuno, siamo certi che i tecnici del Comune troveranno le soluzioni migliori e più idonee. Intanto ringraziamo per l’attenzione che sarà dedicata a queste nostre osservazioni e proposte.

Antonella Filippi

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Carlino

    Da noi in Borgo altro che trimezzamento !! Da noi hanno tolto qualche centinaio di posti…..nonostante abbiamo fatto firme, incontri, reclami ecc…ecc…….speriamo che magari a Voi diano retta! Ve lo auguro….

    1. # Troppabiada

      Via Goito è la serie A di Livorno,non si può danneggiare la vita dei residenti.In Borgo solo pezzenti,possiamo farli soffrire .

  2. # Enrico

    Che vuoi che ti rispondano, non sanno minimamente che stanno facendo.

  3. # ilmiovotolaveteperso

    buona fortuna …….

  4. # nomulte

    Succede semplicemente che gli uffici sono in confusione ! Hanno giustificato l’eliminazione di parcheggi nelle strade con doppio senso di marcia inferiori a 5,50 mt di larghezza e nei sensi unici inferiori a 3,50 ed ora anche in questo quartiere hanno estratto a sorte le strade con gli stalli blu, quelle con la lettera, e quelle diventate senso unico anche senza necessità !

  5. # carla

    Il Comune ha firmato un contratto con la ditta di Pisa prima di fare il progetto stalli blu. Quindi non ci sono stati momenti di partecipazione e discussione e tutto è rimesso allo spostamento del traffico e sosta verso la direttrice vecchia Aurelia.Per la via Goito che è molto stretta con due ali di sosta spero trovino il modo di ampliare almenno un pezzo – un metro – da via Orlandi a Via delle Case rosse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.