Cerca nel quotidiano:


Viabilità e vivibilità. Pd: “La priorità? Riqualificare il centro”

martedì 27 novembre 2018 16:09

Gli ultimi atti in materia di mobilità ci fanno capire che gli amministratori cittadini sono a caccia di voti. Qualcuno può sobbalzare sulla sedia dopo questa affermazione facilmente dimostrabile, si svende la vivibilità del centro, intasandolo di traffico e rendendolo invivibile per i residenti per accaparrarsi i voti della stragrande maggioranza dei livornesi che vive in periferia, si rovina la quotidianità di ventimila persone per lusingarne più di centomila. I balletti con i residenti, la storia dei contrassegni, il numero dei posti drasticamente inferiori alle auto dei residenti non possono essere imputate all’ incapacità di vece o dalla disinvoltura della iper esposta stella sorgente. La corsa politica che si era presentata agli elettori per rendere vivibile il centro città lo sta scientemente trasformando in un calderone invivibile dal quale i livornesi scappano. Si sono buttati nel cassonetto anni di investimenti sulla mobilità sostenibile, il bus non viene minimamente preso in considerazione, non sono state previste nuove corsie preferenziali e le linee sono state diradate ed ingarbugliate, sarebbe interessante vedere una seria relazione sulla qualità dell’ aria in centro dopo la riforma della mobilità di sorgente e vece. Questo cinismo politico è veramente disprezzabile, il centro città e ad un livello di degrado che fa veramente riflettere, ci troviamo di fronte ad una città sciatta, sporca, poco accogliente, in poche parole triste, dobbiamo velocemente cambiare marcia, la priorità delle prossima amministrazione deve essere la riqualificazione del centro.
I santoni del finto ambientalismo quando governano si vestono i panni di atti la ed ingenerano abitudini e comportamenti dai quali ci vorranno anni per tornare addietro, cari residenti del centro lo sanno bene che stanno sbagliando ma in termini elettorali pesate poco ed i nostri santoni del consenso cercano altro.

Simone Maltinti, segreteria Pd Livorno

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Elena Mataresi

    Ma veramente la lettera in zone dove non c’era mai stata dove abito io la mise proprio il sindaco precedente, sui bus non condivido perché sono stati pesi in considerazione funzionano bene io non ho auto e abito in centro lavoro fuori e riesco ad arrivarci senza problemi con i mezzi . Mi sembra poi che stiano stanando delle cose vecchie su cui chi ci ha governato precedentemente sembra :”non aver visto” tipo il caso ieri della casa popolare assegnata a chi non aveva diritto e non da quando c’è nogarin la differenziata ha tolto di strada li scarico di mobili davabyad ogni cassonetto ed ha costretto ad usufruire delle oasi ecologiche o del servizio aamps , mi sembra che di Santoni in cerca di voti ce ne siano tanti !

  2. # elit

    E per quanto riguarda gli stalli blu cosa intendete fare? Lasciare le cose come stanno? Cercate di essere chiari anche su questo punto, certo sara dura rinunciare a tutti gli introiti dei parcheggi! Ma una posizione la dovete prendere visto le tante critiche subite dall amministrazione che ha fatto orecchie da mercante. Perché in zona pancaldi è veramente uno spregio ai livornesi aver imposto i parcheggi a pagamento come nelle città turistiche con due tipi di tariffa, mi sembra dal 1 maggio al 30 ottobre una cifra doppia oraria rispetto alla tariffa invernale. Non dovete cambiare il volto della città dovete promettere e FARE qualcosa di normale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.