Cerca nel quotidiano:


Viabilità. Quelle rotatorie sono a norma?

Sabato 23 Luglio 2016 — 18:25

Ora pare sia venuta la moda delle rotatorie e piste ciclabili in ogni dove pare che ci siano direttive in tal senso e finanziamenti dal  “ce lo chiede l’Europa”. Bene, l’Europa ci chiede tante cose, anche quella di fare i formaggi senza latte e altre amenità pseudo-culinarie. Ma non è detto che l’Europa abbia sempre ragione.
Questa mia è per chiedere a chi di dovere, o ha chi ha progettato le rotatorie ultime a partire da quelle di via Nazario Sauro, a quella dei 4 Mori e piazza Giovine Italia, se le misure gliele ha date l’Europa o sono frutto del suo pensare tecnico, come il ridurre la carreggiata sull’asse viario che va dai 4 mori al ponte nuovo e fino a piazza Mazzini.
Ad ora per muoversi a Livorno nelle direttrici nord su e viceversa ci sono due assi viari, l’Aurelia, dove per sincronizzare i semafori pare ci voglia qualcuno della Nasa o di Baikonur, tanto per non fare dispetto a nessuno.

Mi domando se l’architetto addetto alla viabilità e strade, è sempre lo stesso di qualche anno fa che in circoscrizione 3, giustificò il restringimento delle carreggiate legato al fatto che se la strada è stretta la gente va più piano e diminuiscono gli incidenti; subito dopo 3 morti in via Nazario Sauro. Mi domando se il suddetto è mai passato in ore di punta e non sull’asse viario da ponte Santa Trinita a piazza Mazzini dopo che sono stati fatti lavori di rotatorie e restringimenti di carreggiata con disegni assurdi di marciapiedi e pista ciclabile. Su un asse ad alta intensità di traffico a tutte le ore si sono ridotte le carreggiate a “budelli “, senza via di soluzione, che in caso di incidente o di guasto di un veicolo, non consentono vie di fuga o alternative alla coda tripla. Può succedere che si fermi un mezzo un po’ più grande di un auto e che abbia bisogno di un rimorchio , mi piacerebbe sapere come sbroglierebbe la situazione , in specie di transito di ambulanze o altri mezzi di soccorso. Giorni fa alle 19 un ambulanza a sirene spiegate ha dovuto sorpassare tre file di auto e altri mezzi in piazza ai 4 Mori e andare contromano anche nella rotatoria e contromano fino alla rotatoria di piazza Giovine Italia. Mi piacerebbe sapere se su quell’ambulanza ci fosse stato lui in urgenza cosa avrebbe pensato. Per non dire di altre situazioni di disagio e pericolo venutesi a creare con quei disegni assurdi di marciapiedi, rientranze e sporgenze. W la sicurezza stradale.

 

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # Giusy

    Bravissimo/a, me lo sono chiesto anch’io. Perchè restringere le strade quando sono così importanti e di collegamento ? Di solito dovremmo cercare di allargarle il più possibile, specie se sono molto trafficate. Sembra che si ragiona alla rovescia. Prima della rotatoria in p.zza Mazzini si scorreva, ora si arriva al nautico, ma anche prima, e andiamo a singhiozzo. Complimenti bella trovata!

  2. # pandaciclista

    L’architetto o meglio il geometra ha cambiato ufficio ma la mano è sempre la stessa ! Il problema è che per dare un pò di lavoro alle Ditte tutte le amministrazioni si sono dedicate alla costruzione di rotatorie e piste ciclabili perchè sono soldi dell’Europa ed arrivano in tempi certi e brevi. Se però l’Europa cominciasse a controllare come vengono fatte ci chiuderebbe subito anche questo piccolo rubinetto !

  3. # michele

    penso che sia sempre lo stesso o al limite lo staff è sempre il solito

  4. # Perplesso sempre di più !!

    Quello che mi spaventa non poco sono quei due cordoli a dente in direzione sud della rotatoria del nautico che invadono la strada e per niente evidenziati. Una manna per moto e scooter !!!

  5. # adRIANO

    ho sempre avuto il sospetto che il progettista della viabilità a livorno abbia preso la laurea
    o con i punti del formaggino MIO oppure con i buoni sconto alla cooppe——-

    la chicca la vediamo sulla corsia unica zona nautico ma qui forse è stato aiutato facendo un master sulla viabilità a lamporecchio

  6. # Astro

    Come mai il Sindaco non le ha inaugurate lui come ha fatto per altre cose nuove?Ma quanto inquinamento per gli abitanti della zona.Ma Grillo lo sa?

  7. # Stufa

    Senza parlare che nonostante tutti i disagi creati al traffico per la costruzione della pista ciclabile, molti ciclisti continuano ad andare sulla carreggiata riservata alle macchine in direzione da Nautico a 4 mori, senza considerare che la pista è a doppio senso, e quindi rallentando ulteriormente il traffico, evidentemente è troppo faticoso cambiare carreggiata, tanto delle code che si formano non importa niente a nessuno evidentemente!