Cerca nel quotidiano:


A Livorno e all’Elba sempre più camminanti

informazione a pagamento. Trekking e camminata sono le principali passioni all'origine dei viaggi, la Toscana sempre più ricca di percorsi sostenibili come quelli dell’Isola d’Elba e del Pellegrino nel Livornese

mercoledì 29 agosto 2018 17:27

Mediagallery

Se sono le passioni a spingere le persone a soggiornare fuori casa, come rileva una ricerca condotta dalla società JFC, le passioni sportive sono il motivo principale per cui la maggior parte degli italiani pratica attività all’aria aperta e sport fuori dalla propria residenza. Al primo posto  della top ten delle passioni troneggia quella connessa al trekking, se la si considera insieme a quella del camminare in tutte le sue varie manifestazioni, dalla camminata lenta, al Nordic walking, all’escursionismo, fino ai percorsi di trail e running. Per quanto riguarda invece le regioni d’Italia dalle quali proviene il maggior numero di persone che praticano attività all’aria aperta, che diventano spunto anche per una vacanza breve,  secondo i recenti dati dell’Osservatorio del Turismo outdoor,  i Lombardi sono al primo posto della classifica nazionale con un 12,9%, mentre i Toscani si piazzano al quarto posto con una percentuale del 7%. Le attività sportive legate all’outdoor sono in continua crescita perché connotate da un crescente e diffuso bisogno di evadere da luoghi connotati dal “grigiore quotidiano”, soprattutto in città, e quindi generano un desiderio sempre più forte di contatto con la natura alla  ricerca del movimento, del benessere e della salubrità. La passione legata al camminare ha inoltre dei vantaggi superiori alle altre attività che si possono fare all’aria aperta. Infatti si può camminare da soli o in compagnia, non servono mezzi e non ci sono costi aggiuntivi, senza considerare poi i benefici legati al benessere psicofisico. Insomma il camminare rappresenta una bella quota di libertà da attivare per sentirsi in forma. La Toscana offre una grande varietà di percorsi: dai parchi naturalistici, ai parchi tematici fino ai cammini storici e religiosi. A proposito di percorsi e cammini da fare all’aria aperta, in Toscana il progetto dedicato alla Via Francigena, organizzato 15 tappe, seguendo gli antichi tracciati che conducevano alla città di Roma, permette di percorrere  a piedi, in bicicletta o a cavallo circa 380 km in tutta sicurezza,  attraversando 38 Comuni per scoprire storia, cultura e architettura immersi in paesaggi ricchi di fascino. Questo è possibile anche grazie al progetto di Google Trek che attraverso le immagini inserite su Google street view guida i visitatori dal Passo della Cisa a Pontremoli fino a Radicofani ed Acquapendente, attraversando tutta la Toscana. Un rinnovato interesse per la sostenibilità ambientale e la valorizzazione dei territori passa anche dalla riscoperta e dal recupero delle antiche vie e degli antichi percorsi, che diventano sempre più meta ambita per gli amanti del camminare. Basti pensare al Percorso del Pellegrino sui sentieri di Montenero nel Comune di Livorno, che si sviluppa su una parte dei sentieri nella foresta di Montenero, nei pressi del Santuario omonimo, formato  da quattro sentieri principali, percorribili ad anello con  due varianti che lo completano. Una proposta per un cammino che si aggiunge a quelli dell’isola d’Elba e le isole dell’Arcipelago toscano invece ogni anno offrono una varietà di percorsi naturalistici, storici, architettonici ma anche legati alla enogastronomia, che confluiscono nelle proposte del Tuscany Walking Festival, il Festival del Camminare, promosso dal Parco nazionale dell’Arcipelago toscano, che si svolge in due edizioni, l’una primaverile, l’altra autunnale.

informazione a pagamento

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.