Cerca nel quotidiano:


Allegri, il Caprilli e il cavallo Minnesota, che non arrivava mai… “E invece…”

Il tecnico della Juventus campione d'Italia ricorda un aneddoto legato alla sua infanzia quando, insieme al nonno, andava all'ippodromo e giocò un cavallo che, il suo amico allibratore, sconsigliò vivamente

Martedì 15 Maggio 2018 — 11:31

Mediagallery

Ci sono sogni nella vita che spesso rimangono tali. Quasi impossibili da toccare, improbabili come un arrivo al traguardo finale del cavallo Minnesota all’ippodromo Caprilli di quarant’anni fa. Quando a Livorno “le corse” erano davvero un’istituzione, un punto di ritrovo per intere famiglie e un passatempo . E anche il mister labronico Massimiliano Allegri (nella foto in pagina in una recente gabbionata ai Bagni Lido di Livorno insieme agli amici di sempre), neo campione d’italia con la sua Juventus, in conferenza stampa post partita ha ricordato un aneddoto ai giornalisti. In special modo la madeleine proustiana di “Acciuga” è venuta alla luce alla domanda di un cronista se qualche anno fa avesse mai immaginato di vincere così tanti scudetti in serie A. Ad Allegri gli si illuminano gli occhi. La domanda va direttamente ad aprire cassetti della memoria lasciati impolverati ma ben custoditi gelosamente (clicca qui per guardare il video della conferenza stampa post partita).
“Vi faccio un esempio di un mio caro amico mancato un anno e mezzo fa. Io una volta, quarant’anni fa, andai a giocare un cavallo che si chiamava Minnesota. Io gli dissi voglio giocare Minnesota. Lui mi rispose: è più facile che tu alleni in serie A che vinca questo cavallo. Vinse il cavallo e io sono arrivato ad allenare in serie A”.
L’età così remota di questo episodio, circa 40 anni fa, non è passata inosservata ad un giornalista che gli ha chiesto. “Ma come 40 anni fa? Aveva dieci anni mister. Come è possibile?”.
E Allegri di tutta risposta: “Certo, anche a 5 perché andavo con il mio nonno ai cavalli. Purtroppo ora l’ippica è andata in disarmo. Ma era tanto bello per le famiglie. A Livorno c’era una grande passione, ora hanno chiuso anche l’ippodromo, così non ci si può più andare. Però mi ricordo ancora bene che quel mio amico mi disse questa cosa qui”.
“Tra calciatori e ippica ci sono molte analogie? Molte – risponde ironico Allegri – infatti Benatia l’ho mandato al prato. Perché i cavalli dopo un po’ che vincono si mandano al prato a riposare”.

Riproduzione riservata ©

22 commenti

 
  1. # Boccaletti

    Io sono della Fiorentina ,ma devo dire che Allegri è grande . Forza Livorno sempre.

    1. # 0586

      Più che altro mi sembri un po’ “confuso” caro “tifoso”!!!comunque Forza Amaranto a Vita sempre!!!!

  2. # Virgilio

    Anche se tifo Livorno e Inter devo riconoscere che Allegri è un grande e ha ragione a tirare in ballo la chiusura dell’ippodromo di Livorno.
    Premesso che l’ippica è in crisi profonda non si è fatto niente di niente per trovare una soluzione intelligente per tenere aperto l’ippodromo.
    Andava sistemato mettendo gli impianti a norma e dato in gestione ai cugini dell’Alfa ad un canone basso.
    Loro lo avrebbero preso e anche qualche maestranza si sarebbe salvata.
    Il problema è che Morini e Nogarin sono due animalisti e non amano questo sport.
    Nogarin prima di essere eletto parlò di pony all’interno per far giocare i bambini… va bene.. ma è tutto in più quando non ci sono le corse… finisco ribadendo che è una follia tenerlo chiuso…datelo alla Alfea e per il resto lo date in affitto a giornate per eventi… è folle vederlo cosi

    1. # Andrea

      Si vede che hai capito tutto e seguito fino in fondo la situazione .
      L’altra avrebbe mantenuto 8 posti di lavoro…se ti sembra una gran cosa.
      Mi ricordi quelli che volevano fare la battaglia per mantenere i cinema aperti in centro(grande e granguardia),però poi andavano sistematicamente alla multisala a porta a terra

      1. # Virgilio

        Meglio otto o zero? e gli stagionali? Comunque io ho capito… tu forse non conosci bene la struttura

        1. # Andrea

          Con le scommesse on line spettatori pochi e costi alti.
          È chiuso anche per la poca lungimiranza di chi comandava.
          Come tante altre cose pensavano che l’Ippodromo fosse eterno in ogni caso. Ipotesi sbagliata.
          Purtroppo le cose le conosco molto molto molto bene.
          È qui mi devo fermare
          Un saluto

  3. # maremosso

    Anche io facevo così. Puntavo sui nomi che mi piacevano…ma puntualmente non vincevo. Però che bello era il Caprilli le sere d’ estate dopo una giornata di mare. Una bella trabarcata dal fossato davanti all’ Accademia per non pagare il biglietto d’ entrata, qualche puntatina e poi ad inebriarsi del profumo di shampoo e balsamo delle belle e abbronzatissime ragazze labroniche. Forse è questo il segreto delle vittorie di Allegri. Fra dieci anni lo vogliamo sulla panchina amaranto. Forza Livorno.

    1. # Mary

      Magari in AMARANTO !!!!

    2. # ahibodde

      seeee, pensa a noi……..tra 10 anni è sempre giovane e se un c’è già stato va al barcellona o al real madrid

  4. # Pecoroni

    Amaranto mai!

  5. # mifairide

    Non ce ne frega niente di queste notizie.

    1. # ahibodde

      UN LE LEGGE, UN SEI MICA OBBLIGATO

  6. # Mary

    Magari in AMARANTO !!!!

  7. # Traf

    Grande Allegri. Ottimo mister e persona di livello che non dimentica la sua livorno.
    Per mifairide: la notizia e’ che ogni tanto anche Livorno produce persone in gamba malgrado, leggendo i commenti dei social, si pensi al contrario

  8. # Marco

    Acciuga si urlava in due io e te quella sera!! Nell’88 con Michele Bucci!!!

  9. # cicci

    Grande amico della mia adolescenza ,brava persona rimasta attaccata alle radici ,resta cosi non cambiare mai…..FORZA JUVE

  10. # Cino

    Anche da noi a Pistoia ha lasciato un ottimo ricordo

    1. # elio

      Confermo. Ricordo tra tutte un’ottima prestazione contro l’Atalanta.

      1. # Cino

        se non sbaglio terminò 1-1

  11. # elio

    A voler essere precisi, ora che ci penso, si giocò a Bergamo e dopo un primo tempo terminato col vantaggio dei padroni di casa la pistoiese ottene il meritato pareggio nella ripresa grazie proprio ad una eccellente prestazione del mitico “acciuga”

    1. # dodo

      ma certo, partita di coppa Italia dell’Agosto 2000. E chi se la scorda!

      1. # Sardina

        Allegri no di sicuro