Cerca nel quotidiano:


Domenica “Avis Dono e Sport” al PalaCosmelli

Domenica 22 gennaio, dalle 9:45, il PalaCosmell ospiterà "Avis Dono e Sport": un evento che vuole unire alla passione per il fitness la sensibilizzazione alla donazione di sangue

Mercoledì 18 Gennaio 2017 — 10:41

Mediagallery

Domenica 22 gennaio, dalle 9:45, il Pala Cosmelli di via Allende 11 ospiterà l’iniziativa “Avis Dono e Sport”: un evento che vuole unire alla passione per il fitness ed il benessere fisico l’importanza e la sensibilizzazione alla donazione di sangue, in un clima di emergenza dovuto alla mancanza di determinati gruppi (come si evince dagli appelli di Asl eAvis dei giorni scorsi). Sono previste lezioni di Zumba, una disciplina fitness musicale di gruppo molto in voga negli ultimi tempi, Zumba Kids (rivolta ai bambini), kick boxing ed arti marziali ed altre attività innovative, come il piloxing (che nasce dalla fusione di esercizi di pilates, mosse di boxe e danza) e il functional pilates, portato per la prima volta a Livorno dalle insegnanti Arianna Tanzini e Pamela Menicucci, che incorpora agli esercizi del pilates esercizi di lavoro funzionale al suolo. L’intero ricavato sarà devoluto ad Avis. In programma anche una special class di Group Cycling, un sistema di allenamento cardiovascolare di gruppo che prevede l’utilizzo di biciclette stazionarie. Le lezioni previste sono tre: una alle 15, una alle 16:15 ed una alle 17:30. Durante l’evento Svs offrirà gratuitamente il servizio di misurazione di glicemia e pressione.

 

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # Livorno delusa

    Quando un giovane diventa donatore appena compiuto 18 anni e porta suoi coetanei a donare direi che è sensibile al problema;quando poi esce bando per servizio civile sostanzialmente per trovare nuovi giovani donatori ed i giovani GIÀ DONATORI (quindi sensibili in prima persona rispetto a tale problematica) non hanno un punteggio rilevante per la graduatoria….??? Alle sue osservazioni avete solo saputo rispondere “è così” !!! Lui continua a donare sangue e plasma e portare amici, voi dateci le statistiche di quelli presi per servizio civile, grazie.

  2. # Livorno delusa 2

    Non capisco come possiate accettare in maniera passiva un testo ed un criterio di selezione, per il servizio civile, di giovani “che possano divulgare la cultura della donazione di sangue” non facendo avere la precedenza assoluta a giovani donatori!!! Chi meglio di loro può trasmettere il senso di quello che già fanno? Avete permesso che siano stati presi giovani che non potranno dare MAI lo stesso concreto apporto e risultato! Avete perso e state continuando a perdere una importante occasione

  3. # Livorno delusa 3

    Non ho potuto essere donatore x problema glicemico. Ho insegnato a mio figlio a fare del bene. Aspettava di avere 18 anni per donare con entusiasmo. Ha risposto agli appelli in caso di terremoto ed ha donato più volte in 2 anni. VOI LO AVETE DELUSO. Direi che questo vi dovrebbe bastare. P.s. aspetto sempre Vs risposta dopo che a lui avete solo detto ….”è così…..”

    1. # AVIS LIVORNO

      Per il Servizio Civile viene fatta una graduatoria, secondo alcune caratteristiche, da organi più alti di noi, come Avis Regionale Toscana, se ha bisogno di ulteriori spiegazioni il ragazzo può passare dalla nostra sede di Viale Carducci 16 quando vuole.

      1. # Livorno delusa

        Infatti era passato. Per questo è molto ma molto deluso della Vs risposta “è così” e basta! Vi ho segnalato un problema che prima di tutto è una vera e propria ingiustizia. Tocca a voi segnalare a chi di dovere che alcuni giovani donatori (mio figlio e suo amico e coetaneo donatore sicuramente) hanno percepito quel bando come ingiusto e sbagliato concettualmente. Chi meglio di un donatore può cercare di attrarre altri a donare? Se non la pensate così non fate nulla. Ma se Voi per primi siete o siete stati donatori, e proprio Voi state cercando altri donatori, allora perché destinare risorse pubbliche finalizzate all’aumento dei donatori, incaricando della divulgazione chi donatore non è? Come se volessi convertire qualcuno al Cristianesimo e gli dicessi che io però non sono Cristiano! Vi sembra possibile? Mi aspetterei a questo punto qualcosa di concreto da parte Vostra. Grazie della risposta. P.s. mio figlio sicuramente continuerà a fare il suo dovere.