Cerca nel quotidiano:


C Gold. Bene Pielle e Don Bosco, ko la Libertas

Lunedì 7 Novembre 2016 — 17:44

Mediagallery

In C Gold, giornata tutto sommato positiva per le livornesi. Vincono Don Bosco e Pielle, sconfitta invece per la Libertas.

Pallacanestro Empoli – Libertas Livorno 81-72 (18-19, 19-18, 18-18, 26-17)
Pallacanestro Empoli: Toni, Braico, Lemmi 12, Balducci 2, Fantoni 5, Mencherini N. 8, Mencherini L. 2, Verdiani 23, Alderighi 3, Doveri 23, Kenfack, Lapi 3.
Libertas Livorno: Brunelli, Dell’Agnello 18, Picchianti 3, Ristori 6, Mori, Mariani 12, Maritano 12, Nesti 17, Pantosti 2, Dal Canto 2. All. Pistolesi, Ass. Parcesepe.

Poco meno di 4 minuti dalla fine e la Libertas avanti di ben 8 lunghezze (58-66) sul difficilissimo campo della Pallacanestro Empoli, sempre più capolista del girone. Eppure alla fine il referto “buono” se lo sono aggiudicati i padroni di casa, abili nel piazzare un parziale finale di ben 22-5 che ha portato al risultato finale. Una sconfitta che brucia per Livorno che, ancora una volta, dimostra di poter competere con tutti anche fuori dalle mura amiche, ma che fallisce nell'”ammazzare la partita”, una caratteristica che si ottiene col tempo. E fortunatamente di tempo la Libertas ne ha ancora molto, essendo il campionato appena iniziato. Queste le parole a caldo di coach Marco Pistolesi: “Nelle difficoltà, quando gli altri provano la mossa della disperazione piuttosto che fare il forcing finale, perdiamo sicurezza, ci disuniamo invece che unirci. Ed è proprio nei minuti finali che ci manca un tagliafuori, una difesa 1 contro 1, un tuffo sulla palla vagante, tutte cose che invece facciamo e bene durante il restante arco della gara. Abbiamo limitato bene il loro attacco esplosivo e allo stesso tempo abbiamo fatto girare bene la palla, insomma abbiamo disputato un’ottima partita, purtroppo solo fino al blackout che ci ha colpiti a meno di 4 minuti dalla sirena finale. Adesso testa sul derby, consapevoli che possiamo solo crescere e migliorare e che ci manca poco per essere la squadra che vogliamo essere”.

Don Bosco Livorno – Libertas Montale 77-51 (24-9; 40-21; 64-36; 77-51)
Pallacanestro Don Bosco: Creati F. 10, Creati M. 7, Graziani 3, Maric 10, Soriani, Schiano 13, Banchi 5, Colombo 6, Marchini 10, Batori 4, Pastusena 9. All. Saibene.
Montale:  Nesi 2, Tasselli 5, Magni 7, Magnini 2, Gai 3, Milani, Della Rosa 9, Pratesi 6, Giusti 4, Navicelli 5, Rossi 8. All. Tonfoni

Riparte la marcia vincente del Don Bosco dopo la sfortunata trasferta di Castelfiorentino. A fare le spese della voglia di riscatto degli uomini di Saibene è Montale, mai in partita se non nelle primissime battute di gioco. Il Don Bosco parte con il piede giusto, segnando ben 12 punti nei primi 3’40” di gioco, costringendo Montale al primo time out , sul 16-6. Una pausa che però non serve ad interrompere la marea Don Bosco; trascinati da un super Schiano, autore di 9 punti già nel primo quarto, gli uomini di Saibene chiudono a + 15, sul 24-9. Il refrain non cambia nel secondo tempino, il Don Bosco difende alla perfezione, sporcando le linee di passaggio di Montale ed il vantaggio si amplifica, complice una tripla di Maric, fino al + 22, sul 37-15. Negli ultimi secondi gli ospiti rosicchiano qualche punto e si va all’intervallo lungo sul 40-21 per la squadra di Saibene. Anche dopo la pausa le cose non cambiano, e, minuto dopo minuto, il vantaggio si amplia tanto che al termine del terzo la partita è di fatto conclusa. Lo dicono i 28 punti di differenza tra le due squadre. L’ultimo quarto è pura accademia, ed alla fine il tabellone del PalaMacchia recita 77-51 per la squadra di coach Saibene.

Pielle-Certaldo 67-65 (13-18; 13-16; 19-14; 22-17)
Livorno: Buzzo 23, Malvone 14, Dell’Agnello 12, Sidoti 7, Burgalassi 5, Venditti 4, Capobianchi 2, Massoli 0, Bertolini 0, Vannini 0, Giannetti n.e., Cianetti n.e.
Certaldo: Pucci 23, Fimia 9, Spampani 8, Cataldo 8, Tognazzi 6, Lazzeri 4, Granchi 3, Moroni 2, Borgianni 2, Calvani.

Partita difficile per le triglie visto l’ottimo avversario, un roster certamente ben strutturato che vede in Pucci la punta di diamante. Complice la bassa percentuali di realizzazione ai liberi, dalla lunga distanza e le disattenzioni nelle rotazioni difensive, la Pielle ha chiuso il primo tempo sotto di 8 punti (26-34).  Nel secondo, dopo aver stentato in fase iniziale raggiungendo il massimo svantaggio 26-38 a circa nove dalla fine del terzo quarto, trova nel cambio di difesa l’arma giusta per rompere gli equilibri offensivi di Certaldo favorendo altre sì il contropiede Piellino. Terzo quarto chiuso 45-48 per Certaldo.  Ultimo tempo abbastanza equilibrato conclusosi con la Pielle due punti avanti (67-65) a 25 secondi dalla fine e Certaldo che non riesce a realizzare. Buona prova di Buzzo tornato a segnare con continuità sfruttando spesso il proprio estro, certamente il migliore, Capobianchi in fase di regia, Burgalassi.

Riproduzione riservata ©