Cerca nel quotidiano:


C Gold. Giornata amara per Pielle, Don Bosco e Libertas

Martedì 4 Aprile 2017 — 18:40

Mediagallery

In serie C Gold, giornata nera per le livornesi. Sconfitte infatti per Pielle, Don Bosco e Libertas.

Pallacanestro Don Bosco – Empoli 58-60 (17-11; 30-23; 45-37; 58-60) 
Pallacanestro Don Bosco: Creati 8, Mameli ne, Graziani 2, Maric 13, Soriani 3, Schiano 10, Banchi 9, Thiam 1, Marchini 8, Zanini ne, Korsunov ne, Pastusena 4. All. Saibene
Empoli: Mustacchio, Braico, Balducci, Fantoni 15, Mencherini N. 6, Mencherini L.7, Verdiani 15, Meacci 15, Doveri, Gouadjio, Lapi, Alderighi 2. All. Paludi

Si interrompe sulla sirena finale il sogno del Don Bosco di inanellare il quinto successo consecutivo. Gli uomini di Saibene guidano la partita fino all’ultimo tempino, anche con buoni margini. Nel 10′ finali, complice l’assenza di Pastusena, uscito per infortunio a metà del terzo quarto, Empoli stampa un parziale di 23- 13 e porta a casa due punti di platino nella corsa ai playoff. Coach Saibene sceglie lo stesso quintetto del blitz di Lucca della scorsa settimana; il figlio d’arte Alessandro Banchi è il play, Marchini e Maric le guardie, Schiano l’ala, Pastusena il pivot. Dall’altra parte Paludi risponde concedendo fiducia a Balducci, Niccolò Mencherini, Doveri, Verdiani e Fantoni, livornese di nascita. Parte bene il Don Bosco; gli uomini di Saibene sbagliano qualche tiro di troppo, ma stringono le maglie della propria difesa e trovare il canestro per Empoli diventa davvero difficile. I primi punti dei biancazzurri ospiti arrivano dopo 5’08” di gioco, sul 6-0 a Don Bosco. Un margine che i rossoblu di casa aumentano, grazie ad un paio di triple di Maric e Soriani, fino al + 10, sul 17-7. Divario che Empoli rosicchia, complice un parziale di 4-0 in chiusura di tempino, fino al -6 della prima pausa. La grande difesa Don Bosco è ben evidenziata dalle percentuali ospiti dopo i primi 10′, per Fantoni e soci solo il 25 %, con 4 su 16 dal campo. Il refrain non cambia dopo la prima pausa, sono ancora le difese a prevalere sui rispettivi attacchi, tanto che a metà parziale si sono visti appena 9 punti, dei quali 5 del Don Bosco. Nella seconda metà i rossoblu allungano, fino a raggiungere il massimo vantaggio, + 11, grazie ad una tripla di Marchini, sul 30-19. Empoli non si perde d’animo, stampa un parziale di 4-0 e riduce il ritardo fino al -7 dell’intervallo lungo, sul 30-23. A metà partita i top scorer sono Meacci (13) per Empoli e Maric (8) in casa rossoblu. Dopo l’intervallo lungo il Don Bosco tenta la fuga, arrivando fino al +11, prontamente rintuzzata da un paio di triple di Empoli, con Fantoni e Verdiani. Il terzo quarto si chiude su una tripla di Banchi proprio sulla sirena, che porta il Don Bosco sul + 8. Nell’ultimo tempino Empoli ci mette un amen a tornare in scia, grazie ad un parziale iniziale di 7-0. A 7′ 18” dal termine. la partita è in perfetta parità, a quota 48. Da lì in poi è un’emozione infinita, con Empoli che pian pianino allunga, anche per l’assenza di Pastusena costretto alla panchina da un brutta distorsione al ginocchio. Il Don Bosco le tenta tutte, Marchini sbaglia due triple del possibile pareggio, Banchi porta i suoi al -1 a 17” dalla sirena. Fantoni mette un libero, e poi sulla sirena Schiano sbaglia il tiro del posssibile pareggio. Alla fine la sirena finale recita 60-58 per gli ospiti.

Castelfiorentino – Libertas Livorno 67-64 (22-10, 12-22, 13-16, 20-16) 
Castelfiorentino: Montagnani 10, Delli Carri 12, Corbinelli 13, Cantini, Tozzi 10, Maestrini, Papi, Daly, Manetti 15, Taiti 7.
Libertas Livorno: Marchini 6, Congedo 4, Dell’Agnello 16, Ferretti, Mariani 7, Mangoni 3, Fiore, Armillei 16, Locci, Beltran 12, Portas-Vives. All. Pardini

Ancora una volta un margine ridottissimo condanna la Libertas Livorno ad una sconfitta. I ragazzi di coach Pardini, tornato in panchina dopo le due giornate di squalifica, non sono riusciti ad agguantare un successo che sarebbe stato fondamentale per il morale e per la classifica, contro un concorrente diretta al 4° posto come Castelfiorentino. Il match è iniziato con i padroni di casa infuocati, capaci di segnare ben 22 punti nella prima frazione e di limitare “Le Vele” a soli 10. Ma già dal secondo quarto Dell’Agnello e soci si sono rifatti sotto rimontando il disavanzo e riportando la gara sui binari dell’equilibrio, fino ai minuti conclusivi dove ancora una volta la Libertas perde un po’ di lucidità e permette ai castellani lo strappo finale.
Adesso, svanito l’obiettivo del quarto posto (Livorno si era imposta per 2 lunghezze all’andata, quindi anche a parità di punti sarebbe Castelfiorentino a prevalere in calssifica) rimane la corsa per il quinto spot, con due giornate al termine della regular season. Mercoledì si torna al PalaMacchia per l’ultima gara casalinga della stagione regolare contro Montale.

Pall. Agliana – Pielle Livorno 70-60 (17-17; 21-15; 15-12; 17-16)
Agliana: De Leonardo 2, Bargiacchi 6, Nieri 11, Cavicchi 2, Puccioni 9, Zaccariello 12, Cavazzoni ne, Belotti 5, Razzoli ne, Pinna 16, Limberti 8. Coach Bertini.
Pielle: Massoli 4, Burgalassi 3, Malvone 12, Cianetti, Giannetti, Capobianchi 6, Dell’Agnello 6, Venditti 4, Sidoti 10 , Vannini, Buzzo 17. All.Mori

La Pielle esce sconfitta dal campo di Agliana ma conserva il primo posto vista la sconfitta del Don Bosco. Il primato sarà in ballo mercoledì nel derby. La partita è stata quasi sempre in mano ai padroni di casa capaci di chiudere, primo tempino a parte, sempre avanti le frazioni. Non sono bastati i 12 punti di Malvone e i 10 di Sidoti, I ragazzi di Mori hanno alzato bandiera bianca e ora si preparano a difendere la prima posizione nella stracittadina.

 

Riproduzione riservata ©

CERCHI VISIBILITÀ? CONTATTACI: 1,1 MILIONI DI PAGINE VISTE AL MESE E OLTRE 60.000 ISCRITTI SUI SOCIAL. PER PREVENTIVI HTTPS://WWW.QUILIVORNO.IT/RICHIESTA-PREVENTIVO-BANNER/ OPPURE [email protected]

GRAZIE!