Cerca nel quotidiano:


Cabaret. Santomauro sul podio dei migliori d’Italia

 "Rendere la mia comicità accessibile a tutti è per me motivo di grande soddisfazione - specifica l'attore livornese - ed essere apprezzati nel panorama della comicità nazionale è un passo importante per la carriera di un comico"

Lunedì 7 Agosto 2017 — 12:04

Mediagallery

Il livornese Stefano Santomauro si posiziona ad un passo dalla vittoria nell’importante Rassegna “Cabaret Amore Mio 2017” a Grottammare nelle Marche, uno dei più importanti festival dell’umorismo che in questi anni ha visto premiare Fabio de Luigi, Aldo Giovanni e Giacomo, Baz, Enzo Iacchetti, Ornano e tantissimi altri comici di fama nazionale.
Santomauro ha sbaragliato la concorrenza di centinaia e centinaia di candidati posizionandosi dietro la vincitrice Laura Marcolini, marchigiana doc. Il comico labronico ha avuto modo di esibirsi davanti ad artisti di tutto rispetto: Maurizio Battista, Paolo Cevoli, Gene Gnocchi e Neri Marcorè, solo per citarne alcuni.
“E’ per me motivo di grande soddisfazione portare la mia comicità fuori dalla Toscana -ha raccontato Santomauro-  Questo importante Festival è un riconoscimento importante, e le parole di Maurizio Battista, sei proprio bravo, continua su questa strada, o Paolo Cevoli, l’assessore Palmiro Cangini dello storico Zelig per intenderci che ha commentato con comicità intelligente e surreale, sul palco sei una potenza,  mi fanno davvero molto piacere.”
Stefano Santomauro continua a ricevere premi nazionali dopo aver vinto anche “L’Italia dei Visionari 2017” Kilowatt Festival Sezione di Como e riscuotendo apprezzamenti importanti fuori dalle mura di casa.
“Rendere la mia comicità accessibile a tutti è per me motivo di grande soddisfazione – specifica l’attore livornese – ed essere apprezzati nel panorama della comicità nazionale è un passo importante per la carriera di un comico.”
Santomauro si preparerà in autunno, infatti, a portare in giro per i teatri della penisola il suo ultimissimo show comico “Like” scritto in collaborazione con il drammaturgo Francesco Niccolini, autore tra l’altro del Vajont di Marco Paolini, con la regia dell’attrice fiorentina Daniela Morozzi.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Susanna

    Stefano è un bravo ragazzo oltre che un bravissimo artista. Se lo merita! Complimenti.