Cerca nel quotidiano:


Cacciucco Galà in Terrazza, via alle prenotazioni

A partire da martedì 21 giugno sarà possibile assicurarsi un posto per il Cacciucco Galà, la cena di beneficenza in programma domenica 3 luglio alla Terrazza Mascagni (foto di Gaia Guarnotta)

Martedì 21 Giugno 2016 — 07:58

Mediagallery

A partire da martedì 21 giugno sarà possibile assicurarsi un posto per il Cacciucco Galà, la cena di beneficenza in programma domenica 3 luglio alla Terrazza Mascagni che chiuderà la prima edizione dell’attesissimo “Cacciucco Pride 2016”, in programma a Livorno dal 1 al 3 luglio (foto in pagina di Gaia Guarnotta).

Dalle ore 18 in poi del 21 giugno, infatti, sul sito www.cacciuccopridelivorno.it saranno attive le prenotazioni on line, che rimarranno aperte fino a esaurimento dei 300 posti disponibili.

La cena si svolgerà nell’incantevole scenario della Terrazza Mascagni, vicino al Gazebo, sulla scacchiera bianca e nera che affaccia sul mare, dove, in un’atmosfera elegante e suggestiva, sarà servito il piatto simbolo della tradizione culinaria livornese cucinato da tre famosi chef della cucina italiana, il livornese Luciano Zazzeri, il viareggino Cristiano Tomei e il siciliano Carmelo Chiaramonte, ognuno dei quali interpreterà il cacciucco nella sua particolare versione.

Il tutto sarà accompagnato da una selezione di ottimi vini. Per prenotare la cena di beneficenza, che ha il costo di 70 euro a persona, occorrerà effettuare un bonifico (è in corso di attivazione anche il sistema di pagamento tramite paypal), la cui ricevuta di versamento andrà allegata al momento della prenotazione.

Per poter cenare allo stesso tavolo insieme ad altre persone, familiari e amici, è necessario effettuare un unico bonifico, specificando i nominativi dei partecipanti, oppure è possibile procedere anche a singole prenotazioni specificando però nella casuale di ciascun bonifico di voler condividere il tavolo con i nominativi indicati.
In entrambi i casi, nella causale del bonifico sarà necessario indicare anche un recapito telefonico.
Ma il cacciucco sarà degustabile anche a prezzi popolari nelle tre giornate del Cacciucco Pride che coinvolgeranno la città (dal lungomare ai centri commerciali naturali, dalle cantine nautiche che si affacciano sui Fossi Medicei ai ristoranti dei quartieri coinvolti nel Palio Marinaro che proporranno cene in piazza e spettacoli).

Tanti gli appuntamenti previsti legati alla livornesità e di grande richiamo turistico per la città, primo tra tutti il Palio Marinaro a cui la manifestazione è collegata. E poi mostre, visite turistiche, sfilate storiche, degustazioni di prodotti del territorio e tombolate di piazza.
Nei prossimi giorni sarà presentato il programma dettagliato dell’evento.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # Giuly

    Sono preannunciati arrivi da tutto il mondo per essere presenti al grandioso evento culturale che solo il sig.Perullo (esperto in ricette!)poteva organizzare.I convenuti avranno la possibilità di gustare un po’ di cacciucco all’aperto e in piattini di plastica come si conviene per meglio apprezzare la tipica specialità livornese.Il tutto al modico prezzo di euro 70 a testa.Ora così Pisani e Lucchesi la finiranno di fare gli spocchiosi per le loro rassegne cinematografiche ,le loro mostre di Modigliani ecc.

    1. # orso

      Summer Festival Lucca con artisti come Neil Young e Tom Jones.
      A Pisa mostre importanti come quella su Toulose Lautrec.
      A Livorno cacciuccata e miss Pancaldi.
      Sigh…

  2. # Ercole Labrone

    Così dopo essere stata colorata di rosa, la nostra povera terrazza subirà anche l’incontro con sugo, unto e vino…

    1. # leonardo

      commento A S S U R D O

    2. # ml160852

      Meglio una città morta, senza iniziative, magari spegniamo anche i lampioni e andiamo a letto alle 21.00. Estate a tutta vita.

      1. # Ercole Labrone

        perchè da qualche parte avete letto nel mio intervento una critica all’iniziativa?
        critico il luogo invece, non adatto secondo me a ribotte….l’avrei vista molto meglio alla rotonda, sempre sul mare ma almeno in un luogo dove si fanno meno danni

        1. # LUSCHI

          quella esiste già e si chiama “FESTA DELL’UNITA'”…questo invece è un bellissimo evento benefico con 3 chef stellati e 70 euro di cena…non credo quindi che con questo prezzo ci siano le bestie che tirano il sugo, l’unto e il vino sulla terrazza..(come invece succede alla festa dell’unità)

        2. # Labronico53

          E’ mai possibile che a Livorno non vada bene mai niente. A Siena riempiono una piazza di terra e la confinano con palizzate per fare il Palio e non mi sembra che ci siano Senesi contrari. Sicuramente la mattina dopo sulla terrazza ci sarà qualche foglio o altri rifiuti che basterà ripulire. Credo sia meno dannoso togliere qualche cartaccia che non le scritte che regolarmente vengono fatte al gazebo, o no ?

          1. # orso

            “riempiono una piazza di terra e la confinano con palizzate”,riferito ad una delle Feste piu’ antiche ,suggestive e conosciute del mondo.Il Palio di Siena,paragonato ad una cacciuccata.
            Stavolta non riesco a trovare le parole giuste per commentare.

    3. # Bobone

      Hai ragione, ci voleva una bella festa dell’unita’, quella si che è artra robba!!

  3. # billi

    Al tempo del sindaco di Montecorvino i sassi erano numerati e non si poteva spostare neanche quelli …

  4. # Giuly

    Mi pare che paragonare la ribotta,pardon,il cacciucco pride al Palio di Siena sia alquanto ardito!

  5. # Franco

    Ho letto il programma e le iniziative: sempre i soliti nomi. Bastaaaaaaa!

  6. # giada

    ahahahahahah!!! cacciuccata alla terrazza?!? A Livorno non siamo nemmeno in grado di trovare un posto più appropriato per un evento del genere! Me li vedo già, loro che mangiano e tutto intorno i soliti abusivi che vendono le cianfrusaglie a ogni commensale, com’è uso e costume in ogni locale cittadino….

  7. # Ercole Labrone

    se ne riparla a ribotta finita…

  8. # Scrooge

    Se spendo 70. € vorrei anche sapere a favore di chi viene fatta “beneficienza”