Cerca nel quotidiano:


Si avvicina il Cacciucco Pride, impazza il polpo-baffo.
Ora è online: scaricatelo e fatevi un selfie

Una volta scaricati e ritagliati indossateli e fatevi un selfie. Dopodiché pubblicate lo scatto sul vostro profilo Fb o Instagram con l'hastag #cacciuccopride

Mercoledì 15 Giugno 2016 — 07:00

Strani baffi a forma di polpo stanno spuntando ai livornesi nelle ultime settimane. Altro non rappresentano che una indovinatissima campagna di lancio del “Cacciucco Pride“, l’evento (1-3 luglio) dedicato al cacciucco (foto in pagina di Gaia Guarnotta e Paolo Ciriello) . Una vera e propria mania, quella di indossare il simpatico baffo, che sta contagiando decine di cittadini “comuni” e personaggi noti (come Bobo Rondelli, Toto Barbato, Tommaso Scalsi della Barrocciaia). Persino il sindaco Nogarin si è fatto riprendere con il polpo-baffo. Un successo tale che ha spinto l’organizzazione a mettere online l’idea: nel senso che da oggi chiunque potrà farsi una foto con i famosi baffi (clicca qui per scaricarli). Una volta scaricati e ritagliati indossateli e fatevi un selfie. Dopodiché pubblicatelo sul vostro profilo Fb o Instagram con l’hastag #cacciuccopride. Sono già centinaia gli scatti di Laura Scatena e Paolo Ciriello pubblicati sulla pagina Fb di Cacciucco Pride (quasi 10mila fan in poche settimane).
Quella che si avvicina sarà una tre giorni di eventi, convegni e ristorazione basata sulla nostra tradizione che non poteva non legarsi al Palio Marinaro che si svolgerà il domenica 3 luglio.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Giacomo

    Sono contento che tra tante idee senza seguito, questa sia divenuta realtà nonostante la disillusione diffusa (anche mia). Chi ha orecchie per ascoltare si meraviglia nell’accorgersi di come la parola cacciucco sia ancora un marchio culturale indelebile legato alla nostra città, che la ricorda a Sardi, Friulani, Pugliesi e tutti gli altri connazionali. Era l’ora che il cacciucco venisse rilanciato proprio come un marchio, che possa fare da volano al turismo ma anche alla cultura di questa città poco amata in primis dai suoi cittadini.